10 brutte sorprese che attendono chi accende la televisione italiana a Natale dopo un po’ di tempo all’estero

Negli ultimi anni con l’avvento del digitale terrestre e delle pay per view l’offerta televisiva è aumentata sensibilmente. I canali a disposizione sono tanti e qualcosa di minimamente interessante è quasi sempre possibile trovarlo. Ciò non toglie che chi da alcuni anni vive all’estero e solo sporadicamente, quando torna in Italia, accende la televisione, possa rimanere scioccato da alcuni dettagli e/o immagini facendo zapping tra le reti principali. Vuoi perché con internet e lo streaming è cambiato l’utilizzo della televisione, vuoi che la televisione generalista ovunque -viva una china discendente, non solo in Italia, ecco però le 10 brutte sorprese che attendono chi accende la televisione italiana a Natale dopo un po’ di tempo all’estero.

10-Paolo Bonolis continua a fare il presentatore a colpi di battute e scenette volgari. Peccato, un tempo era un bravo e simpatico presentatore a cui tutti quelli che sono cresciuti guardando Bim Bum Bam erano affezionati. Passano gli anni, ma non si riprende più. Peccato.

avanti-un-altro

9-Pippo Baudo fa l’opinionista a Ballarò (puntata del 23 dicembre)

pippo-baudo

8-Renzi sta ovunque. Si criticava tanto – e a ragione – Berlusconi, ma Renzi forse fa di meglio visto che non si nega nulla. Non vuole solo giornalisti accomodanti, ha la presunzione di potere mettere tutti nel taschino e così eccolo ospite a programmi di destra, di sinistra, di centro, radiofonici e televisivi. Se per strada lo prova a fermare Teleroma56 lui non si fa pregare, anzi ringrazia. Vero Premier 2.0.

renzi

7-MTV non passa più né musica né programmi musicali, ma solo reality show peraltro a prima vista orribili. I titoli? 16 anni e incinta, A scuola di Emozioni, Alaska e Mario, 16 anni e incinta Italia, Are you the One? Audrina, Case Pazzesche, Club Privè – Ti Presento i dogo, Diario di una nerd Superstar, Giovani sposi, Ginnaste – Vite parallele, Se mi posti ti cancello, Follie ai fornelli e, last, but not least, I soliti Idioti, un programma il cui successo è direttamente proporzionale alla tristezza che viene quando si pensa che ci sono propri – giovani – connazionali che ridono guardandolo.

6- Bruno Vespa ha scritto un libro sugli italiani voltagabbana.

VESPA940x730px

5-Gigi Marzullo, le sue frasi a singhiozzo e le sue mani puntate sugli intervistati, continua a condurre Cinematografo, l’unica trasmissione di cinema della Rai che parli delle uscite della settimana.

4-Notizie, notizie, notizie. C’è sempre un telegiornale che sta per iniziare o per finire, le notizie – sempre le stesse, sempre, o quasi, con lo stesso taglio – vengono proposte ovunque e a qualsiasi ora. Nonostante la crisi e la fine della prima Repubblica, le tre reti Rai continuano ad avere tre redazioni diverse per i rispettivi telegiornali. Tutto viene fatto x 3 e questo senza calcolare RaiNews. Postulato: i tg continuano a confezionare quel servizio “lenzuolo” in cui, nel giro di un minuto, riportano cosa hanno detto i vari portavoce di partito sul tema del giorno. Un servizio di una bruttezza unica che persiste a prescindere da testata e direttori. Possibile non si riesca a fare un telegiornale diverso?

29-09321b_tgitaliaiphone4

3-Il Tg1 ha una sigla che sembra uscita da un film di Tim Burton. Una volta che l’ascolti ti viene voglia di fare ricerche e così scopri che l’ha firmata Nicola Piovani con tanto di squilli di tromba da grande scelta editoriale. A te però sembra Danny Elfman. E dopo la presentazione delle notizie ti aspetti che entrando in studio, a leggerle, ci sia Johnny Depp nei panni di Francesco Giorgino. Allora sì che anche le immancabili news sul meteo diventerebbero inquietanti.

2-Si parla sempre di cucina. Un tempo le trasmissioni di cucina erano solo verso l’ora di pranzo, ora sono ovunque. Appena svegli, a mezzogiorno, a metà pomeriggio, in prima e seconda serata. Tutti cucinano e tutti parlano di tutto in cucina. Di politica, di sport, di costume. Vuoi fare pubblicità al tuo nuovo libro/album/film? Non ti fai più intervistare davanti ad una libreria o accanto ad un palco o all’uscita di un cinema, no, vai nella cucina di Antonella Clerici e mentre tagli la forma di un agnolotto di pasta all’uovo cerchi di parlare di quanto allegra sia la tua pellicola fatta su una coppia sposata che si fa reciprocamente le corna. La mattinata del 24 su La7 c’era Benedetta Parodi che faceva fare il ciambellone ai tre figli davanti a Fabio Caressa (che contestualmente hai scoperto essere il marito della Parodi) che incitava il più piccolo, il maschietto, a gridare un “dai, dai, dai!” da stadio alla sorella che girava il cucchiaio nella crema. Esiste persino una trasmissione dedicata alla preparazione dei pasti per i cani. Uno schiaffo alla crisi (e alla decenza).

Schermata 2014-12-24 alle 17.51.51

1-Sulle reti generaliste non ci sono più film in prima serata. Zero, o quasi. Quando nacque la RAI in Italia si disse che non uccideva il cinema, ma lo aiutava. Più gente poteva così gustarsi film di registi che, forse, la volta dopo avrebbero seguito su grande schermo. Ed effettivamente per un po’ andò così. Ora, anche grazie alle serie tv, quel passaggio televisivo che un tempo fruttava soldi e visibilità anche a piccole produzioni di piccoli film, non è più garantito, E quando accade viene seguito da un pugno di spettatori. Gli altri, purtroppo, non sono più abituati a stare un’ora e mezzo concentrati su qualcosa che cerca di essere “arte”. E anche se ci provano, la pubblicità li distrae ogni 5 minuti.

eyetvsnapshot-7

Related Posts

  • «Il mercato musicale italiano si è appiattito molto, negli ultimi anni. Si dà spazio alla forma, allo spettacolo, ai numeri e nessuno crede più nella diversità e nella unicità di un artista. Se si riesce ad assomigliare a qualcuno, ad esempio a farsi definire "il nuovo Ramazzotti" o qualcosa del genere,…
  • Il 13 ottobre a Parigi, il giorno dopo a Zagabira, poi Budapest, Vienna, Friburgo ed infine Berlino, il 19 ottobre, tappa intermedia di un tour europeo che terminerà il 25 novembre a Bratislava dopo aver toccato anche Colonia (il 21 ottobre), Amsterdam, Istanbul, Londra e Mosca. La più celebre e…
  • Vinicio Capossela in trasferta in Germania per il Canzoni della cupa 2017 «L'Europa Unita? Bisogna continuare a lottare, è un progetto troppo importante per abbandonarlo» così Vinicio Capossela ci rivela il suo spirito comunitario mentre lo intervistiamo pochi giorni prima del suo concerto del 18 maggio in una chiesa di Berlino. «L'Unione…
  • Da Indianapolis a Berlino: di chilometri Lily & Madeleine ne hanno percorsi molti per il loro secondo tour europeo che inizierà oggi, 18 novembre, a Colonia e che continuerà il giorno dopo a Berlino. A seguire: Amburgo, Parigi, Amsterdam, Birmingham, Glasgow, Leeds, Londra, Manchester, Bristol, Dublino,  Belfast, Oslo e Stoccolma…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

2 Responses to “10 brutte sorprese che attendono chi accende la televisione italiana a Natale dopo un po’ di tempo all’estero”

  1. LdG

    Hai descritto fedelmente lo stato comatoso della tv italiana e di chi la segue (perchè non c’è altro da vedere). Ma oggi c’è e in peggio: DMax, Cielo, con tv replicanti moltiplicate per 200.
    Anche la tv di questo paese riflette quello che sono molto italiani. Possiamo disquisire sul potere delle manipolazioni di massa in stile Tavistock, ma alla fine ciascuono, individualmente fa la sua scelta ogni giorno. E proprio grazie alla tv e internet ci sarebbero delle magnifiche occasioni di approfondire come si vive e ci si comporta in altri Paesi “dove non si sono fatti fregare del tutto”. La tv svizzera italiana ad esempio?
    Tutto vero anche sul cinema. Le orribili repliche degli sceneggiati sono inguardabili, pardon, si chiamano miniserie… A ridatece Alberto Lupo!

    Rispondi
  2. striped cat

    basta tv italiana.
    solo crozza e report su youtube, se proprio devo.
    per il resto BBC4 a iosa

    Rispondi

Leave a Reply