10 cose da non fare a Berlino

Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino

10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è di 30 km orari, sulle strade urbane ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se hai sbagliato ti tocca continuare per la strada sbagliata fin quando non trovi una maniera civile per tornare indietro. La segnaletica a terra qui ha un valore che tutti rispettano. Può essere frustrante all’inizio, e lo è anche un po’ alla fine, ma sono le loro regole ed è meglio l’estremo ordine che il nostro caos in cui, di fatto, tutto è consentito.

9-Non camminare sulla pista ciclabile (che è quella rossa ai lati del marciapiede). A Berlino i ciclisti sono padroni, spesso in sella girano bardati come se dovessero correre la Parigi Dakar con sciarpe, cappelli, scarpini aerodinamici e tutto il resto. Non si ammettono distrazioni da parte dei pedoni che, zitti e mosca, sono destinati a subire scampanellate a 100 metri di distanza e anche, ogni tanto, qualche irritante borbottio detto a mezza bocca (qui non c’è la platealità dell’offesa molto italiana, che almeno ha un valore catartico). Ne parlai anche qui: I berlinesi su due ruote: schnelll!

8-Non ordinare acqua gassata al ristorante se non si vuole subire un salasso. Capita anche di pagare sei euro per una bottiglia di San Pellegrino mentre si è pagato 5 euro per il resto del pasto. Nonostante la Germania sia uno dei paesi che consuma più acqua minerale al mondo e l’acqua in bottiglia al supermercato può costare anche 25 centesimi per un litro e mezzo, al ristorante cambia tutto. Oltretutto spesso ti viene portato un bicchiere già riempito. Per sfuggire a questa “tassa”, o si ordina la birra (che,confermando il più classico dei cliché sui tedeschi, è più economica di ogni altra cosa), o si chiede acqua rubinetto (Leitungswasser), che qui è buona.

7-Non lasciare la mancia sul tavolo, ma darla direttamente al cameriere quando gli pagate il conto. Dovete pagare 17euro e 20 centesimi? Mentre date la banconota da venti euro dite che volete pagare 19 euro. Lui si prende un euro e ottanta di mancia (circa il 10%) direttamente, e vi dà indietro un euro di resto, senza nessun altro scambio di denaro. La mancia non è obbligatoria, è gradita e le considerazioni sul darle o meno sono le stesse che valgono in Italia.

6- Non mangiare italiano. Questa regola vale solo per i turisti e con questo non dico automaticamente che dobbiate mangiare tedesco, a mio avviso si può anche saltare in pieno un menù a base di currywurst, zuppe, knoedel e bistecconi, ma a Berlino vale la pena rischiare con le cucine esotiche. Dall’iraniano al coreano, dal portoghese al nepalese passando per la cucina bulgara, brasiliana e tante altre. I prezzi sono normalmente bassi e non sono cucine che si spacciano per quello che non sono, se si va in un ristorante irakeno c’è davvero un irakeno in cucina e così via. Se a New York e a Londra sperimentare è un lusso che ci si può consentire ogni tanto, qui si mangia fuori anche con 10 euro. Ci sono anche ristoranti italiani molto buoni, ma bisogna davvero venire a Berlino per provare ciò che abbiamo tutti i giorni a portata di mano?Da evitare sono anche i fast food. Qui si mangia ovunque a qualsiasi ora, e la media è abbastanza alta. Meglio un pasto veloce in un imbiss turco che un McDonald’s.

5-Non chiedere un caffè senza specificare che si voglia un espresso o senza controllare di che marca sia la caffettiera ed il caffè offerto. Non siamo in Italia e l’imbevibile bibitone alla tedesca è quanto di più lontano dal nostro concetto di caffé. La regola vale sia se si va in un locale pubblico che a casa di un amico tedesco.

4-Non vestirsi da italiani fichetti per entrare nei locali più popolari di Berlino. Il Kater Blau oggi come il Bar 25 ieri e il Berghain sempre: se si viene con capello ingelatinato, la giacca di pelle e l’idea del “io son fico e, da italiano, conosco la parola eleganza”(spesso basta anche solo un dettaglio di quanto scrissi a proposito dell’italiano turista a Berlino) beh, le possibilità di entrare sono bassissime. Meglio una maglietta bucata con una macchia di caffè (ho visto gente entrare così al Bar 25) che una bella camicia su impeccabile jeans. Il concetto di cool qui è diverso, almeno se si punta a locali che si possono definire tipicamente “berlinesi”. Corollario per gli uomini: non fare “i machi” per rimorchiare le tedesche. Siamo nel 2014, le donne sono smaliziate e il mito dell’italiano va ricostruito, non fatto ulteriormente a pezzi con stupide frasi ad effetto. Può funzionare, ma davvero avete intenzione di prendervi 500 rifiuti e facce schifate prima di realizzare la celebre “legge dei grandi numeri”?

3-Non andare ovunque vi dicano che c’è un vernissage di “un amico di un mio amico”. Non sempre tutto ciò che è ribelle ed alternativo alla fine nasconde dell’arte, anzi molto spesso, in molte gallerie e posti arrangiati a gallerie, di “arte” c’è giusto la parola utilizzata dall’artista o dal curatore in questione per giustificare l’ennesima foto in bianco e nero di un cinese che vende chinabox su Oranienstrasse. In una città con la più alta concentrazione sia di aspiranti artisti che di posti a disposizione per una “ausstellung”, il rischio “pacco” è sempre dietro l’angolo. Se proprio volete rischiare fatelo in buona compagnia, almeno si può prendere tutto con un po’ di ironia.

2-Non provare a convincere i controllori dei mezzi a non farvi la multa. E’ una perdita di tempo visto che qui i controllori prendono una percentuale sulla multa ed è molto difficile che rinuncino ai loro soldi. Corollario: non comprate biglietti utilizzati, ma ancora validi (magari per un’ora o più) da venditori improvvisati davanti i binari, a meno che i venditori non li conosciate da tempo e vi fidiate. Ogni tanto vengono venduti biglietti falsi e se poi si viene scoperti dai controllori si va davanti al tribunale citati per truffa. Dei controllori di Berlino parlai anche qui.

1-Non indossare MAI un calzino bucato. Normalmente qui ci si leva le scarpe quando si entra in una qualsiasi casa. Ancora mi ricordo di quella volta che da autodidatta riuscii a tenere una contorta posizione di yoga per tre ore solo per nascondere il piede sinistro sottola coscia della gamba opposta durante un pomeriggio “tutto a base di tè” a casa di un’amica, con tanto di tappeto su cui appollaiarsi e tutto il resto. Purtroppo, stoicamente, pur di non mostrare a tutti la presa d’aria del mio calzino non mi mossi neanche quando le qualità diuretiche della bevanda cominciarono a presentarsi all’appello. Fu un pomeriggio da incubo. Nel caso abbiate solo calzini bucati nell’armadio e non vi aspettavate di essere invitati da nessuna parte, quando ormai è troppo tardi e siete a casa del vostro amico/amica, imparate a scalare piano piano, senza che gli altri se ne accorgano, la punta del calzino un po’ più avanti fino a che il buco non arrivi sotto la pianta del piede e, con un po’ di tenacia, possiate chiudere a pugno le dita del piede in questione e camminare come se indossaste un paio di infradito.

Photo © http://thegreendragonfly.files.wordpress.com/

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Non tutti gradiranno questo post. E' blasfemo, è stupido, è inutile. Lo sappiamo che può essere visto in questa maniera, ma ci ha divertito scriverlo e speriamo che diverta anche qualcuno leggerlo. . I DIECI COMANDAMENTI DI BERLINO 1-Non avrai altra Berlino all’infuori di me. 2-Non appellarti all’Hartz IV invano. *…
  • Mi rendo conto che è un terreno minato, ma è comunque un argomento che riguarda tutta la comunità italiana in Germania (o all’estero in generale), ovvero il modo di adattarsi di noi italiani in un altro Paese. Potrete logicamente dissentire da ciò che è scritto qui sotto, non pretendo di…
  • Trovare connazionali a Berlino non è certo un'impresa complicata. Tra chi è espatriato e ormai ha la residenza fissa nella capitale tedesca e gruppi di turisti provenienti in continuazione da ogni angolo del Bel Paese, non mi sorprendo più nel veder sempre più spesso visi dai tratti familiari e nel…
  • di Cinzia Colazzo* La mia prima volta al Berghain è stata non programmata. Nel pomeriggio ero andata a trovare un’amica presso il suo banco al mercato. Dopo aver salutato tutti i colleghi concedendosi ancora una birra, mi convince ad accompagnarla al Berghain, il tempio della musica elettronica; prima però vuole…
  • Ogni anno la stessa  storia. Neanche sei salito in auto davanti all’aeroporto e già c’è un panino con il prosciutto di Parma che ti attende. “Questo dalle tue parti non c’è!”.  Arrivi a casa, posi la valigia all’ingresso e c’è già un “Sbrigati che è pronto in tavola” -Ma sono…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

7 Responses to “10 cose da non fare a Berlino”

  1. antonio

    Fantastico, davvero!
    sono antonio e sto x trasferirmi a Berlino..e questa in quanto capitale della Germania, è la summa di tutte le abitudini che vi ho riscontrato in precedenza..
    La problematica calzino con presa d’ aria, è nulla in confronto al calzino reduce di 14 ore di traversate…
    vi lascio immaginare lo sconforto e la voglia di svanire….
    A prestooo

    Rispondi
  2. Valentino

    Geniali 10!!! Spero a febbraio di visitarla…Saluti

    Rispondi
  3. arnaldo

    Cari connazionali ! Se avete avuto la fortuna di poter risiedere ( e lavorare !) a Berlino, sappiate restarci, se dovrete stringere i denti all’inizio, fatelo e non ve ne pentirete ! Il sottoscritto, tanti anni fa, commise l’errore di andar via da questa meravigliosa città attratto dal fascino esotico dei Caraibi….buttando alle ortiche uno standard di vita e di lavoro ineguagliabili. Siete in un Paradiso,fate di tutto per restarci !! In bocca al lupo !!

    Rispondi
  4. arnaldo

    ….Non si conosce il ben se non si perde !

    Rispondi
  5. Grace

    Grazie per questo veritiero escursus…
    Gradevolissimo linguaggio. Auguri di ogni Bene ai trasferiti !

    Rispondi
  6. Eleonora

    Sono dell’Italia settentrionale, per fortuna non ho bisogno di cercare un lavoro all’estero, ma ho capito che in Germania gli unici problemi li avrei ad entrare in discoteca (non se ne parla proprio che io mi vesta male per compiacere la sciatteria altrui), altrimenti io e mio marito guidiamo in modo civile, non ci mettiamo il gel nei capelli e paghiamo sempre il biglietto dell’autobus. All’estero non ci interessa mangiare italiano, lo mangiamo tutto l’anno ed è bello immergersi nella cultura locale.
    Grazie per le dritte sulla pista ciclabile, l’acqua minerale, la mancia, è davvero utile 🙂

    Rispondi
  7. Lenke

    io sono crescuita a Berlino e c’è una cosa che non capisco: perché vergognarsi di un calzino bucato???! chi se ne frega di un buco? se ti dava tanto fastidio, perché non chiedevi alla tua amica di prestarti uno senza?

    Rispondi

Leave a Reply