10 cose da sapere sulla Berlinale 2014 per godersi al meglio il festival

[sharethis] Berlinale

Dal 6 al 16 febbraio avrà vita la 64esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo.

1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI

Si possono comprare con un anticipo massimo di tre giorni per i film in prima proiezione e quattro per quelli in replica. Dove:

-online sul sito della Berlinale

-all’Arkaden di Potsdamer Platz all’Arkaden, al Kino International (Karl-Marx-Allee 33 – Mitte) e all’ Haus der Berliner Festspiele, (Schaperstraße 24 – Wilmersdorf).

-direttamente nel cinema poco prima della proiezione sempre che siano rimasti dei biglietti.

2-LE PROIEZIONI SONO TUTTE IN LINGUA ORIGINALE CON SOTTOTITOLI IN INGLESE

Non tutti i film hanno anche i sottotitoli in tedesco.

3-LE PROIEZIONI DI GALA

Le proiezioni serali al Berlinale Palast o all’Admidral-Palast sono sempre accompagnate da almeno un membro del cast e/o dal regista e i biglietti normalmente costano qualcosa in più.

4-IL CENTRO OPERATIVO DEL FESTIVAL E’ MARLENE DIETRICH PLATZ

Ovvero il continuo di Potsdamer Platz. E’ qui che avviene quasi tutto: al Berlinale Palast le proiezioni di ogni film in concorso con tanto di red carpet e sfilata degli invitati, mentre accanto, al Grand Hyatt Hotel, avvengono le conferenze stampa e soggiornano molte delle star invitate. Se avete poco tempo e volete solo gustarvi l’arrivo di attori e attrici di richiamo, fatevi una passeggiata da queste parti. Anche molte delle proiezioni avvengono qui tra Berlinale Palast, CineMaxx e CineStar.

5-IL MERCATO DEL FILM

Si svolge al Martin Gropius Bau che per l’occasione sospenderà la sua solita programmazione di esposizioni di mostre d’arte. Normalmente l’ingresso è solo per chi ha un pass, ma provate a chiedere una cortesia o cercate un amico con il pass che garantisca per voi. Dentro ci troverete i vari stand delle cinematografie di tutto il mondo (anche l’Italia, pronta a vendere anche i suoi peggiori film), tute con il proprio stanzino per le proiezioni private, la scrivania per siglare i contratti e tante locandine. E’ un’esperienza che, chi non ha mai fatto, dovrebbe fare se ama il cinema e vuole vedere/sapere come funziona il dietro le quinte.

Related Posts

  • Dall'11 al 21 febbraio avrà vita la 66esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo. 1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI Si possono comprare  con un anticipo massimo di tre giorni per i…
  • Orso d'oro alla carriera per l'italiana Milena Canonero, una delle più affermate costumiste di cinema e teatro dei nostri tempi. Fra le sue realizzazioni ricordiamo i costumi di Arancia meccanica e The Grand Budapest Hotel. Alla conferenza stampa di apertura del 31 gennaio 2017, il direttore della Berlinale Dieter Kosslick ha annunciato la…
  • Si è conclusa anche questa 66esima edizione della Berlinale. Come ormai saprete a vincere l’orso d’oro è stato un docu-film italiano, “Fuocoammare” del regista Gianfranco Rosi, ambientato a Lampedusa. Un bellissimo spaccato della vita degli abitanti dell'isola e dei migranti che mettono a rischio le proprie per attraversare il canale di…
  • Dal 5 al 15 febbraio avrà vita la 65esima edizione della Berlinale. Ecco 10 cose da sapere per godersi al massimo quello che è uno dei più importanti festival del cinema al mondo. 1-I BIGLIETTI, DOVE E COME COMPRARLI Si possono comprare  con un anticipo massimo di tre giorni per…
  • 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply