10 invenzioni tedesche che ci hanno cambiato la vita

Terra universalmente conosciuta come patria di celebri scrittori, poeti e filosofi, la Germania ha dato un notevole contributo anche al progresso scientifico: numerose sono le invenzioni tedesche che hanno migliorato le nostre vite fino a diventarne parte essenziale. Di seguito riportiamo alcune di queste innovazioni nate in Germania e diventate poi d’importanza mondiale.

Stampa a caratteri mobili

Una delle prime e più importanti invenzioni tedesche fu sicuramente la stampa a caratteri mobili, ideata da Johannes Gutenberg nel 1455. Tale tecnica consisteva nell’allineare caratteri singoli e riutilizzabili fino a formare una pagina che in seguito veniva ricoperta di inchiostro e pressata su un foglio di carta. La stampa a caratteri mobili si rivelò un metodo comodo e veloce per la pubblicazione dei libri.

Litografia

Nel 1796 il tedesco di origine austriaca Johann Alois Senefelder inventò a Monaco la tecnica di stampa detta litografia, un procedimento di riproduzione meccanica delle immagini su superficie di pietra. La tecnica divenne ben presto molto diffusa per la riproduzione rapida di immagini e fu impiegata da diversi artisti come Munch, Picasso e Monet (e ancora oggi da molti giornali).

Raggi X

Wilhelm Conrad Röntgen fu un fisico tedesco, meglio conosciuto come colui che nel 1895 scoprì i raggi X, ovvero un intervallo di frequenza della radiazione elettromagnetica fino ad allora sconosciuto. Grazie a questa scoperta Röntgen ottenne la laurea onoraria in fisica all’Università di Würzburg e il premio Nobel per la fisica nel 1901. La prima radiografia eseguita da Röntgen fu quella della mano di sua moglie.

Carburante sintetico

Durante la Seconda Guerra Mondiale, a causa della difficile reperibilità del carburante, la Germania iniziò a produrre il cosiddetto carburante sintetico (ricavato dalla conversione del carbone in carburante) perfezionando un processo inventato e brevettato già nel 1913 dal tedesco Frederik Bergius.

Computer

Correva l’anno 1937 quando l’ingegnere tedesco Konrand Zuse inventò il primo computer della storia nel soggiorno della propria casa di Berlino. Z1 fu il primo calcolatore meccanico in cui i comandi venivano trasmessi attraverso pellicole perforate di celluloide tramite sistema binario. Dopo il primo esperimento Zuse ideò un calcolatore elettromeccanico (Z2), ma solo nel 1941 con Z3 ottenne il primo computer automatico e programmabile, in grado di eseguire correttamente anche calcoli complessi.

Automobile

Karl Friedrich Benz è considerato il padre dell’autovettura a motore. Nel 1883 l’ingegnere tedesco fondò la Benz & Cie. Rheinische Gasmotorenfabrik al fine di progettare motori a due tempi. Spinto dalla volontà di costruire un mezzo più rapido e confortevole, nel 1886 brevettò il cosiddetto Motorwagen, un triciclo alimentato a benzina. Negli stessi anni la Daimler Motoren Gesellschaft lanciò sul mercato i primi modelli Mercedes che portarono alla crisi della Benz e successivamente alla fusione delle due società: nel 1926 nacque così il marchio Mercedes-Benz, quando Benz aveva però già abbandonato la società. In seguito alla crisi del ’29, Hitler pensò di far realizzare una vettura che fosse accessibile anche ai tedeschi più poveri. Nel 1937 incaricò così l’ingegnere Ferdinand Porsche di fondare lo stabilimento di Wolfsburg in cui si iniziarono a produrre le Volkswagen (auto del popolo).

Aspirina

Il farmacista tedesco Felix Hoffmann è noto per aver sintetizzato l’antinfiammatorio a base di acido acetilsalicilico più famoso al mondo, poi registrato dalla Farbenfabriken Friedrich Bayer & Co con il nome di aspirina. Il francese Charles Frédéric Gerhardt e il tedesco Arthur Eichengrün misero in discussione il primato di Hoffmann del 1897, dichiarando di aver ricavato la sostanza già in precedenza. Tuttavia fu proprio la collaborazione di Hoffmann con l’allora colorificio Bayer a essere decisiva per l’entrata in commercio dell’aspirina, determinando il successo del farmaco e della casa farmaceutica.

Taniche per la benzina

Le prime taniche per la benzina furono inventate nel 1936 dall’azienda tedesca Eisenwerke Müller & Co per supplire all’esigenza di trasportare e conservare il carburante necessario ai veicoli nazisti.

Frigorifero

Il primo frigorifero ad uso domestico fu inventato da Carl von Linde nel 1876. Come liquido di raffreddamento utilizzava ammoniaca, decisamente più comoda del ghiaccio naturale. Sempre in Germania, nel 1992, furono inventati i primi frigoriferi privi di CFC, i Greenfreeze.

Jeans di Levi Strauss

Levi Strauss, il cui vero nome tedesco era in realtà Löb Strauß, nel 1853 lasciò la Germania alla volta di San Francisco per ingrandire l’industria di abbigliamento di famiglia. Qui ebbe l’idea che lo portò al successo, ovvero quella di confezionare un paio di pantaloni a partire da un ruvido e pesante tessuto per i tendoni dei carri. I pantaloni riscossero molto successo tra i minatori per via della loro resistenza. Una volta fondata la Levi Strauss & Co., Strauss decise di migliorare la qualità di questi pantaloni utilizzando un tessuto diverso, proveniente dalla città di Nimes (Francia) e chiamato denim. Tuttavia la stessa idea l’avevano avuta dei marinai di Genova che qualche anno prima di Strauss avevano pensato di ricavare dei pantaloni da un telo bluastro. Per questo i celebri pantaloni brevettati nel 1873 grazie alla collaborazione tra Levi Strauss e il suo cliente Jacob Davis presero il nome di Blue Jeans, in cui “Jeans” deriva da “Jeane”, l’antico nome francese di Genova. Già allora i Blue Jeans erano rinforzati da rivetti di rame e presentavano il bottone di metallo, così come le cinque tasche.

Banner Scuola Schule

In copertina Carl Benz, inventore dell’automobile CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Di foto di Berlino, splendide e romantiche, ve ne sono migliaia, ma di illustrazioni che valga la pena salvarsi un po' meno. A colmare questa lacuna è l'americana Daryl Alexsy, originaria del Michigan, berlinese d'adozione, che ha dato vita ad una serie di gif ed immagini di angoli e momenti di…
  • Descrivere un intero popolo attraverso definizioni statiche è operazione pericolosa, che rischia di cristallizzarlo in una serie di luoghi comuni poco utili a comprenderlo nella sua intima essenza. Quando però si dispone del punto di vista privilegiato dei grandi pensatori - poeti, filosofi, storici -, diventa possibile delineare alcune invarianti…
  • Siete alla ricerca dell'idea giusta per un regalo natalizio che magari avvicini la persona che lo riceverà alla Germania o ne confermi l'amore? Ecco 10 libri di autori tedeschi che vale la pena prendere in considerazione peri vostri doni. Berlin Wonderland - Wild Years Revisited, 1990-1996 di Anke Fesel e…
  • Berlino diventa sempre più cara, almeno a giudicare dagli affitti. Secondo un recente studio di immobilienscout24 la capitale tedesca è entrata nella top 10 delle città tedesche dagli affitti più cari. La classifica. È basata sulla percentuale del proprio reddito che si spende mediamente per l'affitto. Il berlinese spende il…
  • di Iris Müller Quanto segue è frutto di mie considerazioni personali. Vivo a Berlino dal 2003 e frequento il Berghain dal 2005. Non siete d'accordo con me? Me ne farò una ragione. Ecco le (mie) 10 ragioni per non andare al Berghain. 10- Per le code. Non si può aspettare…

Jale Farrokhnia

Classe '91, calabrese di nascita ma apolide di fatto. Ho nutrito sin da piccola una grande passione per la letteratura e per la scrittura, che mi hanno fatto approdare tra i banchi di un liceo classico che ho amato. Nel 2010, tra un viaggio e l'altro, mi sono trasferita a Pisa per studiare Lettere Classiche e per specializzarmi poi in Filologia e Storia dell'Antichità, pur essendo allo stesso tempo un'appassionata di tecnologia,social media e lingue moderne. Dopo la laurea mi sono trasferita a Berlino per un breve e intenso tirocinio e ora, somewhere in Italy, cerco ancora la mia strada con un piede nel mondo accademico e l'altro tra le molteplici alternative.

One Response to “10 invenzioni tedesche che ci hanno cambiato la vita”

  1. renzo bassi

    newsletters ok.

    Rispondi

Leave a Reply