10 murales di Berlino da non perdere

Kreuzber, anno 2015. È la data in cui questo splendido murale è stato realizzato dallo Studio Various & Gould. Quali sono gli altri murales di Berlino da non perdere?

Eccone 9, ma se ne avete visti di nuovi e volete vedere la lista aggiornata, scrivete pure tra i commenti.

graffito 1

Arrivò un po’ in ritardo, ma per fortuna ancora in tempo per la fine delle celebrazioni, l’eccezionale murale di Berlino commissionato dalla regione Puglia allo street-artist Agostino Iaucurci per celebrare i 25 anni della caduta del muro (avvenute soprattutto lo scorso 16 novembre). Il murales si trova a Prinzenstrasse 31.

13937999_1237457519632628_899072746828983564_o

Obama si copre gli occhi, Merkel si tappa la bocca e Putin si mette le mani sulle orecchie, come le tre scimmie sagge della filosofia buddista, che non vedono, non sentono e non parlano del male. Questo murale nella Ritterstraße 12 a Kreuzberg esiste già dal 2014, ma continua ad attirare turisti e berlinesi nel cortile che appartiene alla società immobiliare Ima, i cui dirigenti hanno fatto abbellire con graffiti tutti i palazzi del complesso.

Giulio-Regeni

Un muro di Berlino in Marienburger Strasse, nel quartiere Prenzlauer Berg, ospita il sorriso di Giulio Regeni, giovane ricercatore italiano trovato morto il 3 febbraio 2016 in un deserto alla periferia del Cairo, in circostanze ancora oggi poco chiare. Il ritratto è stato realizzato da El Teneen, pseudonimo di uno degli artisti più influenti d’Egitto, diventato noto per i suoi murales politici realizzati nella capitale egiziana dopo la Primavera araba del 2011.

BUTTERFLY

Un murales italiano al centro di Friedrichshain, ex est di Berlino: è il progetto dell’artista italiano Michele Tombolini che ha scelto la facciata di un bel palazzo su Krossener Strasse (civico 36) per la sua opera Butterfly. «Una bambina con le ali azzurre ed una croce sulle labbra, emblema delle violenze domestiche e non subite da giovanissimi che vorrebbero solo volare con la fantasia e vivere l’infanzia». Proprio accanto all’opera c’è una scuola. «È stata una scelta voluta, in questo luogo l’opera acquista un senso ancora maggiore».

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Astronaut/Cosmonaut di Victor Ash, realizzato durante il Backjumps Art Festival nel 2007 e che campeggia sul fianco di un edificio su Skalitzer Straße all’angolo con Mariannen Strasse (per ammirarlo al meglio è possibile accedere ad un cortiletto adiacente). Un tempo il gioco di luci e di ombre causato dai lampioni e dalle bandiere esposte in un vicino rivenditore d’auto faceva sì che di notte l’astronauta sembrasse tenere in mano l’asta di una bandiera, ma recenti lavori purtroppo hanno purtroppo fatto sì che questo gioco di prospettive non funzioni più.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’opera di HuskMitNavn, gioiosa e spensierata con il suo sfondo rosa pastello e i suoi toni infantili, realizzata su un edificio in prossimità di un piccolo ma grazioso parco giochi per bambini.

murales tegel

E’ colossale il  murale dello street artist spagnolo Borondo, realizzato sulla facciata di un palazzo di 42 metri a Berlino, in zona Tegel. Il progetto, che è stato commissionato dalla società immobiliare Gewobag alla fondazione per la street art Urban Nation e che rimanda simbolicamente alle sofferenze dei migranti, ha però suscitato l’ira degli abitanti di Tegel, i quali lo trovano «disturbante» e «fuori luogo» e ne chiedono a gran voce l’eliminazione o la modifica.

boateng

Per chi abita a Berlino nel quartiere di Wedding, il gigantesco murales all’incrocio tra Badstrasse e Pankstrasse, raffigurante i tre fratelli Boateng è sicuramente uno scorcio famigliare (in tutti i sensi). Il terzo fratello, quello che, almeno chi non segue troppo le cronache calcistiche tedesche, si chiama George. Anche lui come i due fratellini (è il maggiore), ha tirato i suoi primi calci al pallone nelle file dell’Herta BSC. Nonostante il talento, il suo carattere nonché un po’ di sfortuna lo hanno portato ad abbandonare il calcio professionistico e ad intraprendere una vita ai margini, tanto da finire anche in prigione.

 

 

 

©wikimedia CC By SA 2.0
A Kreuzberg, nel Wrangelkiez, angolo tra Wrangel Straße e Curvy Straße bellissimo lavoro del collettivo di street-artist The London Police.

banner3okok (1)

Related Posts

  • 10000
    Il destino di Cuvrystraße, la strada di Berlino nota ai più per i murales di Blu cancellati dall'artista stesso in segno di protesta contro la gentrificazione, sembrava deciso: il progetto Cuvryhöfe prevedeva la costruzione di circa 250 appartamenti di lusso, oltre a numerosi uffici e negozi. Ma ora quel progetto,…
  • 10000
    Dopo Chain e Brothers a Berlino, anche Bologna: il celebre artista Blu, bolognese d'adozione e considerato da The Guardian tra i migliori dieci street artist al mondo, cancella volontariamente i suoi murales nel capoluogo emiliano, frutto di un lavoro ventennale. Nella notte tra venerdì e sabato, con l'aiuto di un gruppo di occupanti…
  • 10000
    Un murales italiano al centro di Friedrichshain, ex est di Berlino: è il progetto dell'artista italiano Michele Tombolini che ha scelto la facciata di un bel palazzo su Krossener Strasse (civico 36) per la sua opera Butterfly. "Una bambina con le ali azzurre ed una croce sulle labbra, emblema delle violenze domestiche…
  • 10000
    Pensavamo davvero che sarebbe passato tanto tempo prima di ritrovare sul grande muro di Cuvrystrasse un nuovo murales? Ecco cosa è apparso nella notte al posto del grande vuoto nero lasciato dopo la cancellazione dell'arte di Blu a dicembre dello scorso anno. Berlino la conosciamo bene... o forse no. Forse…
  • 10000
    Non c'è solo Italia o, per essere più precisi, la Puglia, con il gigantesco lavoro di Agostino Iacurci a Moritzplatz (qui l'articolo e le foto) realizzato per celebrare i 25 anni dalla caduta del muro, il Maggio 2015 di Berlino si riempie di ben 5 nuovi bellissimi murales per promuovere il  Berlin Festival…

Leave a Reply