10 parole tedesche da conoscere assolutamente

Chi studia o ha studiato il tedesco in passato sa che non è solo una lingua “impossibile”, ma in un certo modo anche una piacevole sfida, poiché è un idioma che ci mette quotidianamente alla prova. Lo stesso Mark Twain, scrittore statunitense noto anche per il suo travagliato rapporto con il tedesco, lingua che non amava ma che trovava molto stimolante, diceva: «in base ai miei studi di filologia sono arrivato alla conclusione che una persona dotata riesce ad imparare l’inglese (se si esclude l’ortografia e la pronuncia) in trenta ore, il francese in trenta giorni e il tedesco in trent’anni. È ovvio che la lingua tedesca ha bisogno di essere rimodellata e riparata. Se rimanesse così com’è dovrebbe essere accantonata, con dolcezza e riverenza, tra le lingue morte, perché solo i morti hanno tempo sufficiente per impararla.» Di seguito vi proponiamo una lista di 10 parole tedesche che non trovano una precisa corrispondenza in italiano. Ma è proprio grazie a termini come questi che possiamo comprendere meglio la cultura tedesca. Ogni singola parola contribuisce infatti non soltanto ad ampliare il lessico, ma anche ad approfondire la conoscenza di un mondo nuovo.

1. Sehnsucht
Per chi studia o ha studiato letteratura e in particolare il romanticismo tedesco, questa parola è stata sempre oggetto di discussione. Deriva dall’antico alto tedesco, in cui aveva il significato di “malattia del doloroso bramare”. Oggi qualcuno la traduce con “nostalgia”, ma in realtà si tratta di una nostalgia causata da qualcosa che non si conosce, dell’indefinito romantico. La nostalgia è il dolore del ritorno, la Sehnsucht può essere invece sia il dolore provocato dal desiderio di qualcosa che si trova nel futuro sia verso qualcuno tuttora presente.

2. Weltschmerz
Da tradurre come “il dolore del mondo”, Weltschmerz è quel dolore che si prova quando il mondo reale non riesce a soddisfare le nostre aspettative. Il termine è stato coniato dallo scrittore tedesco Jean Paul e trasmette una visione pessimistica del mondo.

3. Torschlusspanik
Il significato letterale del termine è “panico da porta chiusa” e nella realtà indica l’ansia provocata dalla vicinanza di una scadenza, dunque dalla consapevolezza che il tempo scorre inesorabile e che bisogna reagire in fretta. La porta che si chiude è una possibilità, rimanda a una scelta mancata che dopo potremmo rimpiangere.

4. Fernweh
Come tradurre questa parola? Potremmo definire questo sentimento come “nostalgia dei paesi lontani”, ma questo paese non è la nostra casa, altrimenti parleremmo di Heimweh. Fernweh indica la nostalgia di preparare una valigia e partire alla scoperta di un posto lontano da portare per sempre nel cuore.

5. Zweisamkeit
Quando si parla di solitudine, in italiano, si pensa ad una persona sola, isolata dagli altri. In tedesco non è proprio la stessa cosa. Robert Musil, ne “I Turbamenti del giovane Törless”, parlando della vita di coppia sostiene infatti che “l’essere in due altro non è che una solitudine raddoppiata”. Anche passare la maggior parte del nostro tempo con la persona che amiamo, isolandoci dal resto del mondo, vuol dire vivere in solitudine, eppure i due elementi della Zweisamkeit non se ne lamentano, poiché si sentono perfettamente completati.

6. Backpfeifengesicht
Il significato di questa parola vi è molto più familiare di quanto pensiate. Avete presente quel tipo di persone che solo a guardarle in faccia vi fanno venir voglia di tirar loro un ceffone? Beh, da oggi potrete anche indicarle col nome tedesco, anziché chiamarle “facce da schiaffi“.

7. Feierabend
Se siete nuovi in Germania e avete trovato da poco lavoro, sentirete spesso i vostri colleghi dire “ich mache Feierabend” e vi chiederete come mai ogni sera partecipino ad una festa, tra l’altro senza invitarvi, mentre voi ve ne tornate sempre stanchi morti a casa. Feierabend, in realtà, non fa riferimento ad alcun party, ma indica il momento della giornata in cui rilassarsi e dedicarsi ad altro che non sia lavoro.

8. Reisefieber
La Reisefieber è letteralmente la “febbre da viaggio” e indica quello stato di ansia compulsivo che si manifesta prima di un viaggio, legato alla preparazione dei bagagli e dei documenti necessari. Non ne soffrono tutti, ma molti si identificheranno nel soggetto affetto da Reisefieber, che arriva ogni volta con tre ore di anticipo in aeroporto, dopo aver pesato almeno 10 volte il bagaglio e controllato ripetutamente di avere tutti i documenti in borsa.

9. Vorfreude
“L’attesa del piacere è essa stessa il piacere”, diceva Gotthold Ephraim Lessing, e con Vorfreude si allude proprio alla pregustazione di un piacere che ancora deve arrivare: è un godere dei sogni e delle aspettative che abbiamo.

10. Waldeinsamkeit
Parliamo della “solitudine della foresta”, quella sensazione che si prova quando si cammina in un bosco da soli. Waldeinsamkeit è un termine molto caro alla tradizione del monachesimo ascetico e al movimento del romanticismo tedesco, che promuoveva il riavvicinamento dell’uomo alla natura.

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Foto di copertina © pixabay.com CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Non bastava che fosse una lingua con migliaia di rigide norme grammaticali, con parole dal significato difficile da intuire perché così lontane dal nostro italiano e suoni a volte pressoché impossibili da pronunciare. Il tedesco, nonostante la sua fama di lingua razionale, presenta alcuni casi in cui queste regole non…
  • Durante la sua carriera a Brad Pitt sono stati attribuiti molti appellativi, ma di certo gli mancava quello di “promotore della lingua tedesca”. L’attore, che quando non è impegnato col grande schermo rivolge le sue attenzioni ad azioni umanitarie, facendo da spalla a sua moglie Angelina Jolie nota attivista della UNHCR,…
  • Partiamo da un presupposto base, che all'orecchio di molti suonerà come un assunto dall'ovvietà lapalissiana e all'atto pratico di scarsa utilità: il tedesco è una lingua difficile. Avvincente, misteriosa e foriera di enormi soddisfazioni se affrontata con l'audacia e la meraviglia del primo esploratore alla volta di un antico tempio…
  • I linguisti lo chiamano Kurzdeutsch (tedesco abbreviato) o Kiezdeutsch (tedesco di quartiere, denominazione meno utilizzata) ed è una varietà linguistica del tedesco standard, quello che si studia sui libri di grammatica e si esercita nei corsi di conversazione delle scuole di lingua. Chiunque abbia mai approcciato lo studio del tedesco, non può…
  • Le lingue, si sa, vanno praticate ed ogni occasione è buona per farlo: anche i mezzi pubblici, soprattutto la metro. Per la ricchezza del vocabolario, la varietà più o meno infinita delle tematiche trattate, la struttura della lingua parlata, i dialetti, insomma per molti motivi, il viaggio quotidiano può trasformarsi in…

Jale Farrokhnia

Classe '91, calabrese di nascita ma apolide di fatto. Ho nutrito sin da piccola una grande passione per la letteratura e per la scrittura, che mi hanno fatto approdare tra i banchi di un liceo classico che ho amato. Nel 2010, tra un viaggio e l'altro, mi sono trasferita a Pisa per studiare Lettere Classiche e per specializzarmi poi in Filologia e Storia dell'Antichità, pur essendo allo stesso tempo un'appassionata di tecnologia,social media e lingue moderne. Dopo la laurea mi sono trasferita a Berlino per un breve e intenso tirocinio e ora, somewhere in Italy, cerco ancora la mia strada con un piede nel mondo accademico e l'altro tra le molteplici alternative.

4 Responses to “10 parole tedesche da conoscere assolutamente”

  1. Hans-André Ahrens

    “(…) la Sehnsucht è invece il dolore provocato dal desiderio di qualcosa che si trova nel futuro.”

    No, non è limitato al futuro o solo qualcosa. Si può avere anche “Sehnsucht nach” qualcuno, qualcosa del passato o del presente.
    (madrelingua tedesco)

    Rispondi
    • Jale Farrokhnia

      grazie per la segnalazione, in questi casi i commenti dei madrelingua sono molto utili.

      Rispondi
  2. luna casarotti

    Ciao mi chiamo Luna. parlo poco tedesco, ho lavorato in un ristorante e ora aspetto di iniziare la scuola di tedesco ad Aprile.ho un diploma alberghiero e un attestato di formazione di pulizie..sarei interessata..

    Rispondi

Leave a Reply