Cosa succede all’emigrato italiano quando torna a casa e incontra i genitori

Ogni anno la stessa  storia. Neanche sei salito in auto davanti all’aeroporto e già c’è un panino con il prosciutto di Parma che ti attende. “Questo dalle tue parti non c’è!”.  Arrivi a casa, posi la valigia all’ingresso e c’è già un “Sbrigati che è pronto in tavola”

-Ma sono le 11 del mattino!

-Dai lavati le mani e vieni

-Ma ho fatto colazione tre ore fa!

-Basta, dai, che è pronto e poi si fredda!

-Ma sono mozzarelle di bufala con i pomodorini, non c’è fretta, non si fredda nulla!

-Sì, ma sono due giorni che le conservo per te, sbrigati che poi vanno a male!

E così via per tutti i giorni del tuo soggiorno. A Berlino con un piatto di pasta sei pieno, qui ogni pasto (e sono due, pranzo e cena) è composto da almeno due portate e se per caso rimani a casa buttato sul divano in piena apatia anche durante la mattinata o il pomeriggio c’è sempre uno dei genitori che ti chiama in cucina a provare qualcosa, che “questo dalle tue parti non c’è”. Passano i giorni, ormai tutte le prelibatezze provate le hai provate, melanzane alla parmigiana, pesce, scaloppine, verdure crude e cucinate di ogni tipo, ma i tuoi genitori non ce la fanno ad ammantare di specialità ogni cosa che si posa in tavola e ogni tanto esagerano.

-E questo? E questo c’è a Berlino?

-Beh, sì, sono i Galletti del Mulino Bianco!

(faccia contrita del papà, che si guarda intorno alla ricerca di qualcosa che lui pensa sia unico, finchè non si alza, apre il frigo e torna con qualcosa di bianco in mano)

-E questo? Questo c’è in Germania?

-Sì, papà, ci sono anche i finocchi in Germania. Però (qui gli dai un po’ di corda per non spegnere il suo entusiasmo), questi italiani hanno sicuramente più sapore

-Dai mangialo!

-Semmai dopo, ora sto facendo colazione

-Mangialo che è buono!

-Dopo papà!

-Hai visto che tempo fuori? C’è il sole! Questo c’è a Berlino?

(tu sposti la testa verso la finestra e contempli il cielo quel tanto che basta a fargli pensare che davvero sei pensieroso a tal riguardo )

– Effettivamente a dicembre a Berlino il sole non…

-Tié!

-Che hai fatto papà?

-Niente!

-Perché mi è arrivato uno schizzo del mio latte sulla maglietta? Che hai lanciato dentro il latte?

-Niente!

-Dai papà!

-Ti assicuro che non ho fatto nulla!

Succede così che finisci di fare colazione anzitempo perché dopo aver raccolto con il cucchiano due biscotti inzuppati nel latte, ti ritrovi masticare sorprendentemente anche un pezzo di finocchio…

-Hai sentito che sapore? Questo c’è in Germania?

-No, papà, si mangiano tante cose in Germania, c’è il succo di frutta a tavola durante un pranzo, si grattugia parmigiano anche su un piatto di penne al tonno e c’è gente che si aiuta con il cucchiaio per arrotolare gli spaghetti, ma il finocchio al caffellatte ancora non è arrivato, almeno non che io sappia..

Situazioni del genere si ripetono continuamente, giorno dopo giorno. Non ingrassi a causa del Natale, a Natale sei già grasso e semplicemente riempi lo spazio elasticamente creato nel paio di giorni precedenti e così continui fino alla tua ripartenza. All’inizio mangi per curiosità e desiderio, alla fine mangi per obbligo. I tuoi non si arrabbiano se esci e torni alle quattro del mattino, si arrabbiano se rifiuti le melanzane sottolio imbevute di aglio che conservano da quattro mesi nel frigorifero con sopra l’etichetta “per Lazzaro”. Mangiare, mangiare, mangiare. Per il rosicamento profondo dei tuoi fratelli o sorelle rimaste in Italia sei esentato dal fare qualsiasi commissione domestica. Niente lavaggio dei piatti, niente spazzata in cucina. La sensazione di libertà è così totale che ad un certo punto, se sei un “lui”, ti azzardi pure a fare pipì in piedi. Ci metti un attimo a riprendere tutte le cattive abitudini, compreso il prendere l’ascensore per salire al primo piano (a Berlino, come è noto, sono poche le case conl’ascensore). Si cucina giorno e notte in tuo onore, e quando ormai è il momento dei saluti, svuoti la valigia delle magliette e dei pullover che ormai, dopo questa dieta all’ingrasso non ti stanno più, per riempirla non di nuovi vestiti, ma di pacchi di pasta, caffè, pomodorini, mozzarelle congelate, pane di Altamura e pesto in conserva. “E il basilico? il basilico c’è in Germania?”. “C’è solo una cosa che ti dispiace lasciare in Italia,i tuoi genitori, che vabbene che dopo una settimana già non li sopporti più, ma il cui amore ti farebbe sempre piacere avere a pochi chilometri da casa, rifugio sicuro dove rintanarsi quando ci si vuole sentire a casa e provare, perché no, anche una tazza di latte al finocchio.

(dedicato a mio padre che mentre scriveco questo racconto inizialmente pubblicato sul vecchio blog Berlino Cacio e Pepe, parliamo del dicembre 2012,   stava in cucina a lavare la caffettiera che avevo semi-bruciato: avevo dimenticato di spegnere il fuoco in tempo, ero troppo concentrato per trovare il giusto incipit per questa storia)

ritorno a berlino

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

 Foto © Quinn Dombrowski CC BY SA 2.0

Related Posts

  • Abbiamo chiesto a redattori e collaboratori di Berlino Cacio e Pepe Magazine le ragioni per cui si potrebbe pensare di lasciare Berlino (e l’estero in generale) per ritornare in Italia. Tutti vivono o hanno vissuto in Germania o a Londra: sono studenti e giovani lavorati, che alla domanda “per quale…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • di Claudia Torres* Investire all'estero rappresenta un grande passo per qualsiasi imprenditore, indipendentemente dalla grandezza della società o dell'accordo che si vuole fare. Tra i paesi in cui cominciare ad investire vale la pena tenere in considerazione la Spagna. L'economia è ormai da tempo gradualmente in crescita (il Pil è aumentato…
  • di Valentino Gerola* Questo è il racconto di un viaggio; prendete due ragazzi, un'amicizia datata e consolidata, un futuro incerto e la sete d'avventura. L'idea. La nostra pazzia inizia a prendere forma (solo in via teorica, per la verità) nella primavera del 2015. La mia mente malata partorisce l'idea di fare…
  • Gli amici che rimangono sono quelli che il giorno che gli hai detto che ti saresti trasferito all’estero ti hanno detto che fai bene e che se non ci fosse di mezzo lo studio, il lavoro, la famiglia, la fidanzata, il fidanzato o qualche soldo da parte, che è bene…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

6 Responses to “Cosa succede all’emigrato italiano quando torna a casa e incontra i genitori”

  1. Giovanni

    Bene: Ora la questione che si pone ha due possibilitàTuo padre legge l’articolo e:.
    1) modifichi la dieta dell’ingrasso natalizio tipo una tazza di finocchi cotti nel latte.
    2) si mette seduto (ne avrebbe diritto) e sarai te a cucinargli qualche prelibatezza tedesca. apprezzamento!!
    Di certo: Ti vuole bene

    Rispondi
    • carla

      Sì, di certo vogliamo bene ai nostri figli , e in quanto genitori siamo pronti a dare la vita per loro, che siano fuggiti in Germania o che siano solamente rimasti a casa!

      Rispondi
  2. Michela

    Io quando torno a casa vengo trattata normalmente, per fortuna queste scenette patetiche non avvengono dovunque.. Chissà perché poi dicono che gli italiani sono mammoni..

    Rispondi
  3. Mag

    Un articolo davvero carino, ma ti prego dimmi, dove li hai trovati i biscotti della mulino bianco a Berlino??

    Rispondi
  4. Paolo

    Si effettivamente che acidità Michela! Ovviamente l’articolo è un pò esagerato per dare il giusto effetto di simpatia e umorismo, anche io quando torno da un soggiorno all’estero non vengo certo trattato come il principe d’Egitto e non passo le giornate in divano, anzi spesso devo destreggiarmi abilmente per dividere “equamente” i pochi giorni o settimane da trascorrere a casa tra tempo dedicato alla famiglia, uscite con gli amici, visite ai parenti, festaggiamenti e rimpatriate varie, commissioni o acquisti che preferisco fare in Italia..
    Però ci sta tutta che due genitori che non vedono da mesi il figlio abbiano piacere al suo ritorno di cucinargli qualcosa di particolarmente gradito o di portarlo a mangiare fuori, magari di organizzare una gita in famiglia, di fargli un pò di festa dopo molti mesi di lontananza insomma! E che noi figli ci sentiamo riaccolti e riabbracciati da famiglia, amici, parenti nel tepore del nostro habitat e dei luoghi che anche se abbiamo deciso di lasciare, e per quanto splendidamente possiamo sentirci nella nostra nuova “Heimat” teutonica, restano sempre casa nostra, a cui si associano ricordi di infanzia e adolescenza indelebili.. non mi sembra ci sia nulla di patetico o da mammoni in tutto questo.. anche perché una persona che ha il coraggio e la volontà di lasciare tutto e trasferirsi in un altro paese, mantenersi, imparare una nuova lingua, integrarsi in una nuova cultura direi che dimostra di essere tutto fuorché mammona.. il mammone sta bene a casa con mamma e papà e non ha nessuna intenzione di trasferirsi in Germania o altrove

    Rispondi

Leave a Reply