Da Banksy a Magnus Shaw: strage di Hebdo. Le vignette di solidarietà #JeSuisCharlie

La strage di Parigi del 7 gennaio presso la sede della rivista Charlie Hebdo presso la sede della rivista sta continuando a turbare l’animo di chiunque creda nella libertà di stampa e nel rispetto delle diversità. Il video del poliziotto giustiziato,Ahmed Merabet, francese musulmano, sta facendo il giro del mondo. Noi di Berlino Cacio e Pepe Magazine abbiamo per ora dedicato alla vicenda due articoli, Da Berlino, una riflessione sull’attentato alla redazione parigina di Charlie Hebdo e Dipingi un Maometto glorioso, tu muori. Quelle che seguono invece sono alcune delle vignette realizzate da illustratori di ogni parte del mondo per esprimere la propria solidarietà alle vittime di questa enorme tragedia. Molte stanno girando su Twitter con l’hashtag #JeSuisCharlie

Banksy

 Inizialmente erroneamente attribuito ©Banksy, ma di ©Lucille Clerc

10898250_927257700618627_1739323232328532349_n “La nostra libertà non può essere uccise”. Prima pagina del quotidiano ©Berliner Kurier 8 Gennaio 2015

Ann Telnaes
© Ann Telnaes


Arnaud Montagard
“Dov’è il coraggio?”©Arnaud Montagard


Benjamin Lacombe
“Possono abbattere le teste, non le idee” ©Benjamin-Lacombe

David Pope
“Lui ha disegnato per primo” ©David Pope

JM-o
Terrorismo – attentato omicida alla sede di Charlie Hebdo © JM-O

Latuff

©Latuff

Luis Quiles

©Luis Quiles

Magnus Shaw
©Magnus Shaw

Maps Maponyane“Si vanno a prendere le armi, compagni!” ©Maps Maponyane

Matt, Telegraph“Stai attento, potrebbero avere delle penne” ©Matt del Telegraph

Miguel Villalba Sánchez
©Miguel Villalba Sánchez

nono
“Morti per la libertà”©Nono

Plantu
“Con tutto il cuore con Charlie Hebdo ©Plantu
Rémi Malingrëy
“La mia arma? La risata” ©Rémi Malingrëy

RobTornoe
©RobTornoe

Ruben L. Oppenheimer
©Ruben L. Oppenheimer

Satish Acharya

“Cos’è questa piccola arma che fa così male? ©Satish-Acharya

Tine ©Tine

Tohad ©Tohad

vignetta di @joepbertrams

©joepbertrams

Related Posts

  • Probabilmente molti di noi non conoscevano nemmeno l'esistenza del periodico francese Charlie Hebdo prima di questo pomeriggio. Eppure la notizia ci ha lasciato comunque sconvolti. Uccidere, e uccidere in questo modo e per questi motivi, sembra quasi impossibile. Morire, morire in questo modo e per questi motivi, è semplicemente assurdo,…
  • Il 15 ottobre del 2012 la copertina di Charlie Hedbo era dedicata "agli intoccabili", ovvero ai signori della religione. Accanto ad una delle vignette compariva questa poesia di Charb, uno dei vignettisti tragicamente uccisi oggi a Parigi. Le sue parole dicono più di qualsiasi altro epitaffio (qui l'originale)   Rire,…
  • Anche la Germania ha il suo Charlie Hebdo. Non è irriverente come  l'analogo francese, ma di certo non si fa troppi scrupoli ad ironizzare su chiunque. Si chiama Titanic Magazine. La sua ultima copertina? Quattro peni di diversa lunghezza ognuno associato ad un credo ed un titolo "La religione a confronto".…
  • Hauptbahnhof, la stazione centrale di Berlino, potrebbe essere l'obiettivo di un prossimo attacco terrorista di matrice islamica. Non è l'unico obiettivo: anche Dresda, sia la sua stazione centrale che l'ormai solita marcia del lunedì del "movimento anti-islamizzazione dell'occidente", ovvero il Pegida, sembra essere in pericolo. A rivelarlo è il settimanale…
  • Ogni tanto, per andare al lavoro, scendo dalla metro una fermata prima per percorrere un pezzo a piedi. Lo faccio perché il mio ufficio si trova nell’ex Berlino Est, in una via laterale appena oltre Checkpoint Charlie. Sono passati 25 anni dalla caduta del muro, eppure mentre cammino provo ad immaginarmi…

One Response to “Da Banksy a Magnus Shaw: strage di Hebdo. Le vignette di solidarietà #JeSuisCharlie”

  1. Bunnie Von Hohenzollern

    Pare che la vignetta non sia affatto di Banksy ma di una disegnatrice chiamata Lucille Clerc. Comunque a tutti piace sbrodolarsi con il nome di quel venditore di souvenir.

    Rispondi

Leave a Reply