Germania, come funziona l’assicurazione sanitaria per freelancer ed artisti punto per punto

[sharethis]

Quando parliamo di assicurazione sanitaria in Germania, sia per l’eccessiva e complicata mole di burocrazia coinvolta, sia per il gap linguistico che talvolta limita la nostra ricerca di informazioni, o per la diversità tra il sistema assicurativo italiano e quello tedesco, rischiamo di ritrovarci dispersi in una selva oscura di disinformazione e “sentito dire” attraverso cui non è facile districarsi.

Partiamo da un punto fermo. Avere una copertura sanitaria in Germania è un obbligo. Se si abita sul suolo tedesco è necessario dimostrare di avere una copertura sanitaria, indipendentemente dal nostro status professionale o lavorativo.

Per i lavoratori dipendenti e per gli studenti universitari, così come per i disoccupati che godono dei sussidi statali, è, in effetti, ancora facile (se sei un dipendente o uno studente, clicca qui per maggiori info). L’iscrizione alla cassa malattia è obbligatoria ed il processo è praticamente automatico.

I veri grattacapi arrivano per i liberi professionisti, i freelancer e tutta quella schiera di soggetti non annoverabili tra i lavoratori dipendenti, né tra gli studenti.

Che assicurazione devo stipulare? Pubblica o privata? Quanto mi costa? E che succede se poi…?

Abbiamo stilato qui di seguito tutte le domande più ricorrenti, e relative risposte che riguardano l’assicurazione sanitaria per i liberi professionisti.

1 – Posso scegliere tra un’assicurazione pubblica ed una privata? Che differenza c’è tra le due?

Al contrario del lavoratore dipendente, che ricade nel cosiddetto obbligo di assicurazione “Versicherungspflicht”, il libero professionista non è obbligato ad iscriversi ad una cassa malattia pubblica (gesetzliche Krankenkasse). A lui la scelta tra la stipula di un’assicurazione privata o di una freiwillige Versicherung presso una pubblica. Quel che c’è da sapere è che, mentre presso le casse pubbliche i prezzi ed i servizi sono stabiliti e regolati per legge, ciascuna compagnia assicurativa privata decide autonomamente quali prezzi applicare e quali servizi e prestazioni proporre ai propri assicurati. Ancora, il libero professionista dovrà sapere che se sceglierà di assicurarsi presso una Krankenkasse pubblica, il prezzo della sua assicurazione sarà calcolato in base al proprio reddito, mentre il prezzo di un’assicurazione privata dipenderà da alcune variabili come l’età, il sesso, condizioni generali di salute, presenza di malattie croniche, fattori di rischio, pacchetti di servizi scelti.

2 – Posso non iscrivermi ad alcuna Krankenkasse e rimanere con la mia tessera sanitaria italiana? E se si che vantaggi o svantaggi dovrò aspettarmi?

Sfatiamo il primo mito: il diritto alla copertura sanitaria italiana non si perde con l’Anmeldung, che consiste semplicemente nella registrazione del proprio domicilio presso il Buergeramt. Solo l’iscrizione all’Aire (quando bisogna iscriversi? Clicca qui), il trasferimento della propria residenza all’estero, comporta la cancellazione dalle liste del sistema sanitario nazionale e quindi della possibilità di utilizzare la tessera sanitaria europea rilasciata dalla Asl.

A questo punto bisogna far presente, però, che l’utilizzo della tessera sanitaria negli altri paese europei è strettamente limitato alle emergenze. Le nomali visite ed i controlli di routine, non sono coperti dalla nostra tessera sanitaria italiana e dunque non rimborsati dalle Asl, il che significa che senza un’assicurazione di altro genere, dovremo pagare questi servizi privatamente, rischiando spesso di dovere affrontare da soli spese sanitarie molto elevate .

Un esempio molto comune è il parto. Chi vuole partorire in Germania, deve preoccuparsi di avere un’assicurazione sanitaria tedesca, a meno di non voler pagare di tasca propria, poiché la tessera sanitaria italiana NON ne copre le spese.

3 – Cos’è una freiwillige Versicherung? E quali sono i requisiti richiesti?

La freiwillige Versicherung è l’assicurazione sanitaria erogata dalle krankenkasse pubbliche per tutti quei soggetti che non hanno l’obbligo per legge di iscriversi alla krankenkasse pubblica (lo ricordiamo: lavoratori dipendenti, studenti universitari Alge I- e AlGe II Beziehern), ma possono scegliere anche di affidarsi alle compagnie private. Per questo motivo, la scelta da parte di tali soggetti di un’assicurazione presso una cassa pubblica è detta freiwillig, ossia volontaria.
Ricapitolando coloro che possono sottoscrivere una freiwillige Versicherung sono:

  • I liberi professionisti
  • I lavoratori dipendenti che guadagnino meno di 451 euro (ossia i minijobber) o più di 4,125 euro
  • Gli studenti maggiori di 30 anni o che abbiano superato il 14esimo semestre di studi
  • Coloro che non svolgono alcuna attività lavorativa e che non percepiscono prestazioni da parte dell’Agentur fuer Arbeit o del Jobcenter

Questi soggetti possono scegliere una freiwillige Versicherung presso una delle casse pubbliche solo dimostrando di aver posseduto in precedenza un’assicurazione pubblica. Chi fosse assicurato in precedenza presso un’assicurazione privata, ha pochissime speranze, salvo alcuni casi, di poter passare al sistema pubblico.

Per gli italiani, in questo caso è comunque molto semplice. Basta dimostrare la propria appartenenza al sistema sanitario italiano attraverso il documento E 104 (ne abbiamo parlato qui: LINK al precedente articolo).

Non è tutto. Chi fosse intenzionato a sottoscrivere una freiwillige Versicherung ha in tutto tre mesi di tempo per farlo, a partire dal termine della propria precedente assicurazione.

Ciò significa che noi italiani che, dal momento in cui ci iscriviamo all’aire abbiamo al massimo tre mesi di tempo per poter scegliere di rientrare nel sistema assicurativo pubblico.

4 – Al momento dell’iscrizione, dovrò pagare arretrati?

Non è detto. Bisogna, però, tenere a mente che l’obbligo di avere una copertura sanitaria è continuativo. Ciò significa che non sono ammessi periodi temporali non coperti da assicurazione. Quando stipuliamo un’assicurazione sanitaria essa dovrà quindi recare come data di inizio il giorno successivo alla data in cui è terminata la precedente assicurazione, o dal giorno dell’anmeldung se non siamo mai stati assicurati.

Un esempio pratico.

Se la mia precedente assicurazione è terminata il 31 dicembre 2014, la mia freiwillige Versicherung dovrà necessariamente recare come data di inizio il 1 gennaio 2015.

Dunque, anche se stipulo la mia assicurazione in data 1 marzo 2015, dovrò comunque pagare i miei contributi assicurativi a partire dalla data di inizio, che si colloca due mesi indietro.

5 – Quanto costerà mensilmente la mia Freiwillige Versicherung?

I costi di una freiwillige Versicherung sono stabiliti dalla legge e variano in base al reddito.

Di regola il libero professionista pagherà mensilmente alla propria krankenkasse:

– l’importo della Krankenversicherung, ovvero il 14% (+ un importo aggiuntivo stabilito individualmente da ogni cassa, che si aggira in media attorno allo 0,9%) delle proprie entrate mensili LORDE

-l’importo per la Pflegeversicherung, ovvero il 2,3% (per i minori di 23 anni o per chi è genitore) oppure il 2,6% (per i maggiori di 23 anni che non hanno figli) delle proprie entrate mensili lorde.

6 – Esiste un’assicurazione particolare per gli artisti?

I liberi professionisti che esercitano una professione artistica, così come i giornalisti, pubblicisti ed i traduttori, hanno la possibilità di iscriversi alla Kuenstler Sozial Kasse, la cassa degli artisti (per maggiori informazioni clicca qui).

La KSK NON è una krankenkasse e NON eroga assicurazioni sanitarie.

Tuttavia i membri della KSK, benché liberi professionisti, ricadono all’interno del cosiddetto Versicherungspflicht. Ovvero, sono obbligati ad iscriversi presso una Krankenkasse pubblica.

La KSK pagherà per i propri membri circa la metà dei loro contributi di assicurazione, proprio come se fosse un datore di lavoro.

——

A tutti i lettori di Berlino Magazine che si assicurino, come dipendenti, liberi professionisti o studenti, la AOK Nordost offre gratis per un intero anno l’assicurazione di viaggio, che vi permette di ottenere il rimborso sulle spese mediche durante le vostre vacanze fuori dall’Europa. Per approfittare dell’offerta scrivete una mail a Serena Manno serena.manno@nordost.aok.de con oggetto: assicurazione sanitaria- BCeP”

728x90-italien

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Come funziona l'assicurazione sanitaria in Germania? Ce ne parlerà Serena Manno, referente italiana dell'AOK Nordost, con un incontro gratuito di un'ora circa mercoledì 18 marzo dalle 18.30 alle 19.30 creato per chiarire i dubbi più ricorrenti di chi vuole iniziare un'attività lavorativa in Germania e deve fare i conti con…
  • É un piovoso mercoledì mattina, quando il dottor Michele Tortarolo ci riceve nel suo accogliente studio a Neukölln, zona sud di Berlino. Sarebbe il suo giorno libero, ma telefono e citofono non accennano a fare silenzio. Oggi la sua segretaria non c'è e così sta a lui esordire regolarmente all'apparecchio…
  • Uno degli argomenti più spinosi e controversi che ci si trova ad affrontare una volta sbarcati in Germania è quello relativo alla copertura sanitaria che, come si sa, non funziona come quella italiana. Per provare a fare un po’ di chiarezza, abbiamo intervistato Serena Manno, giovane palermitana che da due…
  • I genitori con figli sotto i 12 anni che possiedono un'assicurazione sanitaria tedesca possono fare richiesta, ogni quattro anni, per una Mutter-Kind-Kur (o Vater-Kind-Kur). Circa due settimane di terapie, massaggi, passeggiate in spiaggia  e contatto con la natura, mentre i bambini socializzano e si dedicano alle attività ricreative più disparate.…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…

6 Responses to “Germania, come funziona l’assicurazione sanitaria per freelancer ed artisti punto per punto”

  1. Michele Princigalli

    Articolo molto informativo. Il sistema sanitario tedesco e’ un inferno burocratico.

    Rispondi
  2. Dea

    In realta’ c’e’ una categoria bordeline che non avete considerato.
    I dottorandi (percio’ studenti) che pero’ non hanno regolare contratto ma un Stipendium, per loro non c’e’ altra possibilita’ che la privata. A meno che non siano cittadini italiani con precedente assicurazione italiana. In questo caso si puo presentare il famigerato documento E104 (quindi iscrizione all’AIRE obbligatoria) e partecipare alla krankenkasse pubblica come “volontario”, che significa che lo studente si deve pagare tutto il contributo (anche quello che dovrebbe pagare il datore di lavoro).
    Per la cronaca conosco di gente che si e’ fatta il dottorato con uno stipendium di 400 euro al mese, da cui detrarre l’assicurazione sanitaria privata che va da un minimo di 50 euro per quelle che coprono giusto le emergenze a quelle complete che comunque sono dell’ordine di 250 euro (per persone sanissime). Ah dimenticavo, nessun contributo sociale di alcun tipo, naturalmente.

    Rispondi
  3. Krankenversicherung: assicurazione sanitaria in Germania [F.A.Q.] - Pizza e Crauti

    […] che hanno reso questa F.A.Q. possibile: 1A Verbraucher Portal, Berlino Cacio e Pepe Magazine qui e qui, Justlanded e il sito dell’ambasciata italiana a […]

    Rispondi
  4. Roby

    L’Anmeldung è la residenza.
    Infatti si fa in Comune.
    Tutti coloro non capiscono cosa sia il domicilio fanno confusione.

    Rispondi
  5. Anastasiya

    Salve, non riesco a trovare l’informazione riguardo l’assicurazione sanitaria per bambini. Io lavoro e ho un’associazione , come la devo fare per mio figlio? Quali documenti mi servono? Grazie

    Rispondi
  6. Claudia

    Anche i traduttori possono iscriversi alla KSK?? Ma siete sicuri?? Sarebbe bellissimo per me se fosse vero. Dove avete trovato questa informazione?

    Rispondi

Leave a Reply