Affitti a Berlino. Nuova normativa: niente aste e obbligo di trasparenza dei contratti

Gli affitti a Berlino? Salgono in maniera vertiginosa e così il sindaco Michael Mueller ha deciso di emanare una nuova legge che obbligherà i proprietari degli appartamenti a mostrare ai nuovi inquilini i contratti precedenti rendendo di fatto operativo quel divieto di aumentare di più del 10% il prezzo dell’affitto del locale. Non solo. La modalità dell’asta per assicurarsi un appartamento (chi prima arriva offrendo più soldi per pagare l’affitto meglio alloggia) sarà giuridicamente perseguibile. La nuova normativa entrerà in vigore dal primo giugno 2015.

Come si è arrivati a questa situazione? Da una decina d’anni la capitale tedesca è continua meta di studenti, artisti e persone che cercano un luogo dove potere almeno sperare di realizzare le proprie ambizioni. Il risultato? Tanta effervescenza culturale nell’aria, ma anche un’ormai irrefrenabile speculazione sugli affitti. Come riporta BenewsBerlin, il prezzo al metro di quadro è aumentato costantemente in ogni quartiere di Berlino negli ultimi quattro anni. Controllando Wohnungsboerse si scopre che per un appartamento di 30 metri quadri si paga attualmente 11,47 euro al metro quadro, mentre nel 2011 la quota restava attorno agli 8 euro.

Photo © Sascha Kohlmann CC BY SA 2.0

Related Posts

  • “Berlino riduce l'operatività di Airbnb”, si leggeva lo scorso 9 maggio sull'edizione online del quotidiano Berliner Morgenpost. Airbnb, fondata nel 2008 da tre studenti universitari nella Silicon Valley in California, oggi valutata con 10 miliardi come una delle start-up più ricche del mondo, è una delle comunity più conosciute per…
  • Caotico, sporco, pericoloso. Sono questi alcuni degli aggettivi con cui viene descritto Neukölln, il quartiere multietnico a sud di Berlino. Fin dagli anni sessanta interessato da una forte immigrazione turca, negli ultimi anni Neukölln è diventato il quartiere preferito di molti giovani che si trasferiscono a Berlino, provocando una crescita degli affitti…
  • Le parole d'ordine sono: difendere Berlino dagli speculatori, rendere gli affitti accessibili ai più e proteggere la cultura underground della capitale. Nei mesi che seguirono la fine della Guerra fredda Berlino era costellata di appartamenti sfitti, caseggiati disabitati, intere zone spopolate e in stato di abbandono, specialmente lungo il tracciato del…
  • Passeggiando per il quadrilatero della moda berlinese, nel tratto di Ku’damm compreso tra Wielandstrasse e Schlüterstrasse, o percorrendo i marciapiedi di Friedrichstrasse, la Fifth Avenue di Berlino, è difficile credere a quanto riportano i recenti dati sulla povertà trasmessi dall’ IW, l’Istituto Tedesco per l’Economia. Proprio i quartieri di Charlottenburg-Wilmersdorf…
  • Secondo uno studio della Postbank, Berlino si piazza al terzo posto delle città più costose in Germania per quanto riguarda il continuo aumento dei prezzi degli affitti. In testa c'è Monaco di Baviera, seguita da Amburgo. La carenza di alloggio nelle grandi città ed il conseguente aumento degli affitti ha…

Corinne Santucci

Nata nel 1993, milanese d'origine, ma berlinese di adozione. Amo raccontare storie. Vivo di letteratura e di poesia, ma anche di buon vino (le tre cose sono strettamente correlate). Scrivo per esplorare, per evadere dalla realtà quotidiana. Tranquilli, non scordo mai di dare da mangiare ai pesci.

One Response to “Affitti a Berlino. Nuova normativa: niente aste e obbligo di trasparenza dei contratti”

  1. Roberto Serniotti

    Ciao. Sono un allenatore di pallavolo e ad agosto mi trasferirò a Berlino con la famiglia in quanto sono stato ingaggiato per allenare lí la squadra maschile della cittá. Il primo problema adesso é trovare un bell’appartamento arredato in Charlottemburg. Sará poi il mio club (Berlin Recycling) a sostenere le spese. Mi serve un alloggio con 2 camere da letto e un ampio locale con cucina e sala da pranzo, dove ci sia anche un divano letto per eventuali ospiti. Io intanto continuo a vedere il tuo sito che mi sembra interessante! Grazie. Roberto

    Rispondi

Leave a Reply