Dopo 10 anni di idee, Berlino rinuncia al monumento della riunificazione tedesca

Era da quasi dieci anni che a Berlino si pianificava la costruzione di un monumento in memoria della caduta del muro e della riunificazione della Germania. Dopo un’accurata valutazione del progetto e dei costi, il parlamento ha deciso che questi ultimi sarebbero stati eccessivi e ne ha bloccato la realizzazione. La costruzione sarebbe dovuto essere completata nel 2017, ma i piani erano stati stabiliti già nel 2007. Dopo vari ritardi e intoppi, dovuti per lo più a difficoltà tecniche, il progetto è stato definitivamente bloccando, suscitando molteplici critiche.

Il progetto. Johannes Milla, architetto, e Sasha Waltz, coreografo, sono stati gli ideatori del progetto. Si sarebbe trattato di una struttura che avrebbe dovuto muoversi a seconda del flusso di persone che si spostava al suo interno. Una sorta di “conca”, insomma, con un certo margine di movimento. Il monumento sarebbe stato un simbolo di libertà e unità, ma i costi, stimati intorno ai 15 milioni di euro, sono stati giudicati eccessivi.

Le cifre. Il Ministro della Cultura Monika Grütters si è detta dispiaciuta, soprattutto visto l’entusiasmo che l’idea aveva suscitato. La stima dei costi è stata effettuata dal Ministro della Finanza, che ha affermato che, rispetto alla stima iniziale, il progetto era andando facendosi più costoso, troppo. 10 milioni era la somma che si era inizialmente stabilito di devolvere per il progetto. Attualmente, però, la stima si era alzata a 16,9 milioni (come si legge qui).

Le critiche per l’annullamento. L’architetto Johannes Milla si è detto scioccato all’idea che il progetto venisse cancellato. Ha, inoltre affermato, di aver già investito 1,7 milioni di euro nel progetto, pianificando di investirne altrettanti a breve. Poi ha aggiunto che «la somma è assolutamente esagerata. Si sta chiaramente arrotondando per eccesso».

banner3okok (1)

Foto di copertina © Picture-alliance CC BY SA 2.0

Related Posts

  • 10000
    Vi sarà capitato di chiedervi: cos'è quella particolare struttura che si affaccia sulla Sprea, all'altezza della stazione di Ostbahnhof? Camminando per le strade di Berlino capita di alzare lo sguardo e intravedere eleganti camini in mattoni rossi che svettano nel panorama di una città in continua trasformazione. Tracce silenziose di…
  • 10000
    La Porta di Brandeburgo, la cattedrale di Colonia e i punti lungo il Reno completamente al buio: lunedì 5 gennaio la Germania ha spento le luci di alcuni dei suoi più importanti monumenti per protestare contro le manifestazioni anti-immigrati islamici che in queste settimane stanno caratterizzando molte città tedesche, in…
  • 10000
    Un autobus di linea, di quelli che si prendono semplicemente per andare da A a B che però può essere utilizzato come un bus turistico. La linea 100 di Berlino è studiata non solo per unire i due capolinea, Alexanderplatz e Zoologischer Garten, con un unico mezzo (per quello in…
  • 10000
    Parlando di turismo in un confronto tra Italia e Germania, viene spontaneo vantarsi delle bellezze del Nostro Paese. Abbiamo il più siti UNESCO di qualunque altro paese al mondo, che fanno della Penisola un vero e proprio museo a cielo aperto. Ma quando andiamo a guardare i dati abbiamo poco…
  • 10000
    Una recinzione per proteggerla dai vandali: la East Side Gallery, la più lunga galleria del mondo all'aperto situata tra Ostbahnhof e Oberbaumbrücke, nonché più lungo pezzo di muro consecutivo rimasto tuttora in piedi, è dietro le sbarre dallo scorso 4 novembre. Incidete il vostro scarabocchio, o voi che passate. È chiaro che negli…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

Leave a Reply