White Circle, il Berghain celebra 20 anni di Raster-Noton con un’opera d’arte visibile a tutti, di pomeriggio

L’etichetta musicale Raster-Noton festeggia 20 anni di attività. E per farlo porta al Berghain White Circle, un’installazione già presentata presso la ZKM (Centro per l’arte e la tecnologia dei media) di Karlsruhe lo scorso marzo.

L’opera. È composta da una serie di lampade alte e sottili come steli di piante che delimitano un cerchio parzialmente aperto in due punti diametralmente opposti per rendere possibile l’ingresso agli spettatori. È al suo interno che infatti si può godere al meglio dell’altro elemento fondamentale dell’installazione, cinque pezzi di musica elettronica creati per l’occasione da quattro degli artisti principali della label, Frank Bretscheider, Byetone, Kangding Ray e Alva Noto (che ne ha due, Bretschneider e  Noto sono anche i fondatori della label). Il suono, ipnotico come l’alternanza delle luci, viene diffuso attraverso 47 speaker disposti all’interno della sala. L’obiettivo, grazie al software Zirkonium, è di trasformarlo in una “sculptural spatial experience“.  Sempre per celebrare i 20 anni della Raster Noto, assieme all’opera, venerdì 29, al Berghain e al Panorama Bar sono previsti un concerto e uno showcase con 15 Live-Acts e Dj per ripercorrere la storia dell’etichetta degli ultimi 20 anni.

Berghain - White Circle © Lindsa Paggi/Berlino Magazine
Berghain – White Circle © Linda Paggi/Berlino Magazine

Per andare a vedere White Circle. L’opera sarà visibile al pubblico solo durante i giorni della Berlin Gallery Weekend, da giovedì 28 a sabato 30 aprile. Si trova nella Halle del Berghain, il cui accesso è a sinistra guardando il portone principale (quindi tra il Berghain e la Kantine). L’entrata costa 6 € ed è possibile tra le 14 e le 21. Semmai ve lo chiedeste: nessuna selezione all’ingresso. Noi abbiamo avuto modo di visionare il White Circle il giorno precedente alla sua inaugurazione berlinese. Vale la pena.  Le foto dell’articolo sono un’esclusiva ©Linda Paggi/Berlino Magazine

White Circle – installazione/mostra

dal 28 al 30 aprile 2016

ogni giorno dalle 14 alle 21

presso il Berghain (Halle am)

Am Wriezener Bahnhof, 10243 Berlin

Ingresso: 6 €

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

  • 10000
    Il Berghain è il club più famoso di Berlino. Complici l'atmosfera e la musica techno, il locale si è conquistato una fama più unica che rara, tanto da meritare, qualche giorno fa, che una lista dei drink rubata venisse messa in vendita su eBay. Riuscire a entrare o capire i…
  • 10000
    Ogni anno la rivista specializzata inglese DJ Mag stila la Top 100 dei club più amati in tutto il mondo. Ebbene il Berghain, il club per eccellenza della scena berlinese, perde quest'anno altri 3 posti, scivolando dalla posizione numero 13 alla numero 16. Un declino lento ma inarrestabile che dura…
  • 10000
    83 € per la lista dei drink rubata dal Berghain. È questo il prezzo attuale dell'asta che sta avvenendo su eBay per lo stropicciato documento plastificato che indica i prezzi delle consumazioni. Si partiva da da una base d'asta di 52.99 €. Al momento sono 39 le offerte giunte al rivenditore…
  • 10000
    Il Berghain non è solo uno dei tempi mondiali della musica techno, ma è anche leggendario per la severità della propria politica d'ingresso e la segretezza che regna il "ciò che succede all'interno". Non piacciono i turisti (quando notati, rimbalzati dai bouncer) e su ogni fotocamera dei cellulari viene applicato…
  • 10000
    Tanto da fare in questo mese di marzo a Berlino: concerti, mostre, cinema, party. La lista che segue verrà integrata settimana per settimana con tutto ciò di interessante di cui noi di Berlino Magazine verremo a sapere. Consultatela quindi anche più avanti: non sarà la stessa guida che trovate oggi. Mostre,…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply