Berlino celebra Pina Bausch. Mostra al Gropius Bau e lo spettacolo Palermo Palermo a teatro

Un muro di mattoni crolla e ricopre completamente il palcoscenico. Davanti alle macerie iniziano a suonare sei pianisti con altrettanti strumenti. La musica si interrompe. Entra una decina di donne che prima “pulisce” la scena, poi inizia la propria coreografia…

Si intitola Palermo Palermo, ed è il celebre spettacolo che Pina Bausch ideò nel 1989 e portò in scena per la prima volta l’anno dopo ispirato al capoluogo siciliano. «Un’opera ovviamente un percorso che fa corpo unico con i miei precedenti lavori. Credo che ci siano cose che mi erano note anche prima che trovano solo ora conferma qui, qui a Palermo». Sono passati 26 anni da allora. Pina Bausch è morta nel 2009, ma come per tutti i grandi, la sua arte continua a vivere. «Voglio rendere le mie emozioni palpabili, per quanto uno spettacolo sia sempre una piccola parte di tutto quel che provo». Palermo Palermo ritornerà in scena a Berlino il 16 dicembre 2016 presso l’Haus der berliner Festspiele grazie alla collaborazione tra il Teatro Biondo Stabile di Palermo, Andreas Neumann e dalla stessa compagnia teatrale fondata a Wuppertal da Pina Bausch.

Non solo lo spettacolo, c’è anche la mostra. Non sarà l’unico evento del 2016 di Berlino per ricordare  la genialità della ballerina e coreografa nata il 27 luglio 1940 a Solingen e morta nel 2009 a Wuppertal (pochi chilometri di distanza dalla sua cittadina natia). Dal 16 settembre infatti presso il Martin Gropius Bau sarà allestita la mostra Pina Bausch und das Tanztheater già esposta alla Bundeskunsthalle di Bonn. Verranno mostrate foto, video e installazioni (a partire da una ricostruzione del Lichtburg, il leggendario spazio di prova di Wuppertal un tempo utilizzato come cinema). La mostra durerà fino al 9 gennaio 2017.

Chi ere Pina Bausch. Parlare di Pina Bausch significa riferirsi ad una delle più grandi personalità dell’arte del ventunesimo secolo. La sua capacità di inventare spettacoli e coreografie con forti radici nell’espressionismo tedesco riuscendo al contempo a rinnovare la danza contemporanea ne hanno fatto una sorta di mito sublimato dall’eponimo film in 3d diretto da Wim Wenders nl 2011. Il suo nome è legato a doppio filo con quello del Tanztheater Wuppertal fondato nel 1973 nel capoluogo della Renania dopo diversi anni di studio(compresa la celebre Juilliard School di New York) e professionismo come ballerina e coregorgrafa in tutto il mondo. I suoi spettacoli riscossero subito un enorme successo. complice un modo diverso di “lavorare” i ballerini tanto da farli definire dalla critica dei “danzattori”. «Non sono interessata a come si muovono i miei ballerini: mi interessa cosa li fa muovere». Un approccio all’arte che Berlino vuole ricordare nel migliore modo possibile.

MOSTRA

Pina Bausch und das Tanztheater

dal 16 settembre 2016 al 9 gennaio 2017

tutti i giorni tranne il martedì dalle 10 alle 19

presso il Martin Gropius Bau

Niederkirchnerstraße 7, 10963 Berlino

ingresso 10 €

SPETTACOLO

Palermo Palermo

dal 16 a 19 dicembre 2106

presso l’Haus der berliner Festspiele

Schaperstrasse 24, Berlino

Biglietti dai 15 a 63 euro

acquistabili qui

Evento facebook

banner3okok (1)

Photo © MMtheus Macena CC BY-SA 2.0.

Related Posts

  • 10000
    Berlino Schule presenta il proprio programma di corsi di tedesco 2016/2017, ovvero da fine agosto 2016 a maggio 2017, senza dimenticare che fino a fine agosto sono a disposizione le summer school, corsi super-intensivi con attività pomeridiane e serali di cui trovate qui tutti i dettagli. Tanti i livelli e le…
  • 10000
    Gli edifici dell'aeroporto di Tempelhof, che al momento ospitano circa 1200 migranti, saranno presto teatro di grandi lavori di riqualificazione di alcune aeree. In particolare, come si legge sulla Berliner Zeitung la torre di controllo dell'ex aeroporto verrà convertita in un punto panoramico, per una superficie di 600 metri quadrati. Il progetto. Come il…
  • 10000
    Forse non tutti sanno che i teatri, a Berlino, sono piuttosto frequentati, sia dai tedeschi che da stranieri. Nonostante l'intralcio della lingua, che può effettivamente rappresentare un grande ostacolo, tutti possono partecipare pur non essendo ferrati nella paurosissima e temutissima lingua tedesca. Questo perchè la città offre un'ampia gamma di…
  • 10000
    E’ il 28 Gennaio 1929, un lunedì mattina decisamente freddo come solo le giornate invernali berlinesi sanno essere. L’impiegato di banca Nürnberg affretta il passo sulle strade ghiacciate per arrivare ad aprire in tempo gli sportelli della sua banca, la Diskonto Gesellschaft di Wittenbergplatz. Come d’abitudine, prima di iniziare il…
  • 10000
    Il 17 luglio scorso 17 opere dell’architetto svizzero Le Corbusier sono state inserite nella lista dei beni patrimonio dell’Unesco. Le costruzioni si trovano in sette paesi diversi: Francia, Svizzera, Germania, Belgio, Argentina, Giappone e India. Quella tedesca, la Haus der Weissenhofsiedlung, si trova a Stoccarda. Tra le figure più importanti dell’architettura contemporanea,…

One Response to “Berlino celebra Pina Bausch. Mostra al Gropius Bau e lo spettacolo Palermo Palermo a teatro”

  1. Daniela Monica

    Buongiorno signora Eleonora Bucciero
    vorrei chiederle se avete la possibilità di pubblicare un breve trafiletto con immagine della mostra di pittura che io inaugurerò a Berlino l’8 ottobre 2016.
    C’è un indirizzo email a cui mandare testo e immagine?
    grazie
    LG Daniela Monica

    Pressemitteilung:

    SCHWEBEN
    Figuren im Gleiten und Verschwinden

    Ölmalerei auf Leinwand und Seide
    von DANIELA MONICA
    in der Galerie HaPS
    Bleibtreustraße 3
    10623 Berlin

    Der menschliche Körper, der sich auflöst, ist das wiederkehrende Thema von Daniela Monica.
    Beseelt vom Tanz, der Suche nach Nähe und Liebe, inszeniert sie ihre Figuren in Zuständen der Entspannung, Erregung und Besinnung.

    Daniela Monica ist in Italien geboren, lebte in London und bereiste Japan.
    2015 waren ihre Arbeiten in einer Einzelausstellung in Paris zur gleichen Themenstellung unter dem Titel »The Bodies‘ Landscapes« zu sehen. Ähnliche Ausstellungen folgten im gleichen Jahr in Rom und Parma.

    Auf Anfrage ist die Ausstellung auch gerne außerhalb der angegebenen Öffnungszeiten zu besichtigen.

    Eröffnung am Samstag den 8. Oktober um 17.30

    Ausstellungsdauer bis zum 6. November 2016

    Die Galerie ist geöffnet
    dienstags bis donnerstags 16.00 bis 19.00 Uhr
    freitags 15.00 bis 19.00 Uhr samstags 10.00 bis 12.00
    und von 15.00 bis 20.00 Uhr

    Die Künstlerin ist anwesend dienstags und donnerstags
    16.00 bis 19.00 Uhr
    sowie nach Vereinbarung: danielamonicahaps@gmail.com
    mobil +39 333 1331 581

    Rispondi

Leave a Reply