Piano Salon Christophori, romantica sala concerti di Berlino in un magazzino di vecchi strumenti musicali

Foto: Maki Art Studio Berlin
http://www.maki-art.de

Il Piano Salon Christophori e gli Uferhallen, ovvero come fare rivivere un ex garage dei mezzi pubblici

Una sala per concerti in pieno spirito berlinese: se siete alla ricerca di qualcosa di diverso dai «tipici» luoghi della musica classica, il Piano Salon Christophori è il posto che fa per voi. 20 Gesundbrunnen La sala è all’interno di un più ampio centro culturale, gli Uferhallen, nato nel 1926 come garage per le riparazioni dei mezzi pubblici di Berlino e dal 2007 convertito in laboratori e spazi creativi, tra cui un’area workshop per la danza, un teatro di posa, un paio di atelier d’arte, uno studio di registrazione e un bar (allestito dentro un vecchio bus abbandonato).

La sala. Insomma, la cornice del Piano Salon Christophori è tipicamente berlinese, così come lo è l’interno della sala. Ai suoi lati, a delimitare lo spazio per i concerti, vi sono infatti «mura» formate da strumenti musicali, in particolare pianoforti, e un numero imprecisato di accessori e oggetti che si potrebbero trovare la domenica presso un mercatino delle pulci. Persino il palco è adorno di vecchie lampade, quadri e cianfrusaglie varie come una vecchia cantina in cui nel corso dei decenni si sia accumulato un po’ di tutto. Dietro a questo affascinante concept c’è l’intenso (e un po’ folle) amore per la classica di un dottore, Christoph Schreiber, che anni fa ha deciso di abbandonare la medicina per dedicarsi alla musica: non come pianista, ma come creatore di eventi e, soprattutto, di momenti. La sala ha un centinaio di posti a sedere e ospita musicisti più o meno noti con una frequenza di tre concerti a settimana. Non è (solo) per la qualità della musica che si visita un luogo del genere, ed è per questo che, a prescindere dal nome di chi si esibirà, conviene sempre prenotare.

Piano Salon Christophori

Piano Salon Christophori

Uferstraße 8 (Gesundbrunnen)

+49 (0)176 39007753

konzertfluegel.com

mail@kon- zertfluegel.com •

Costi: da 8 € (dipende dal concerto)

Metro Pankstraße, Gesundbrunnen

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Photo: © Foto: Maki Art Studio Berlin

Tim Berlin/Wikimedia – Piano Salon Christophori

Related Posts

  • Camminando per le strade di Berlino capita di alzare lo sguardo e intravedere eleganti camini longilinei in mattoni rossi che svettano nel panorama di una città in continua trasformazione, come tracce silenziose di un passato industriale che riprendono vita integrate a nuove e moderne strutture in acciaio e vetro, questi…
  • Berlin is a wonderful city, full of history, clubs, gardens and nature. Its beauty is extremely astonishing. However, there is a little - but not unforgettable - problem which everyone should take into consideration, which is the bad weather, especially during the first three months of the year: extremely low…
  • Manon Lescaut, la giovane bellissima che nonostante sia innamorata perdutamente del suo uomo non può fare a meno di lasciarlo ogni volta che qualcuno le offre lusso e gioielli, è un personaggio indimenticabile che si è impresso nella memoria culturale europea. Il suo autore è l'abbé Prévost, uno storico e scrittore…
  • Alla prima dello scorso del 28 ottobre, di fronte a raggi laser, topless e una scenografia decisamente particolare, persino dal pubblico berlinese, nient'affatto conservatore, si era levato qualche fischio: effettivamente una rappresentazione del Don Giovanni di Mozart come quella messa in scena alla Deutsche Oper si era vista rare volte.…
  • A un secolo esatto dalla sua fondazione la Deutsche Oper di Berlino continua a tributare onori alla grande opera italiana. Dulcis in fundo della stagione 2013-14 infatti, importantissima proprio in virtù di questa ricorrenza, è il Rigoletto, una trai melodrammi più controversi di quel genio nostro assoluto Giuseppe Verdi. Una…

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply