A Berlino apre su Unter den Linden un nuovo museo d’arte contemporanea di 3000 m²

Deutsche Bank

La Deutsche Bank prevede l’apertura di un nuovo spazio di 3000 m² dedicato all’arte e alla cultura contemporanee a Berlino.

A prima vista non si direbbe che arte, cultura ed economia abbiano molto a che fare. Eppure la Deutsche Bank smentisce questa convinzione annunciando l’apertura di un enorme spazio dedicato all’arte e alla cultura contemporanee. La sede prescelta è sul viale Unter den Linden, all’interno del Prinzessinnenpalais, e non è inedita: accanto alla Staatsoper e di fronte alla Humboldt-Universität zu Berlin, si tratta di un ampliamento dei locali dell’ex Deutsches Guggenheim, chiuso nel 2012. Il nuovo spazio, come annunciato da Tagesspiegel, sarà pronto entro metà 2018.

Arte e banche

Il colossale gruppo bancario ha in realtà un interesse trentennale per l’arte contemporanea. In effetti molte banche curano mostre e dispongono di luoghi deputati alla conservazione e alla diffusione dell’arte. Artribune ne ha intervistate diverse: BSI, BNL e Monte dei Paschi di Siena e anche la Deutsche Bank. Secondo quanto dichiarato da Franziska Kunz, Deputy Global Head of Arts, la collezione della Deutsche Bank è così grande da occupare ben novecento location sparse per il mondo. La collezione conta oggi 50.000 opere e al momento si concentra sul progetto Global Art Project, dedicato a Cina, Africa, Sud America, India e organizzato in collaborazione con la Tate Modern. La Deutsche Bank ha già collaborato con la Fondazione Solomon R. Guggenheim, inaugurando nel 1997 il Deutsches Guggenheim, chiuso quindici anni dopo.

La collezione della Deutsche Bank

Il primo nucleo di opere, raccolte negli anni Settanta, era costituito da una serie di disegni e fotografie, ed effettivamente l’arte su carta è ancora oggi al centro degli interessi della banca. Uno dei motivi è che il focus della collezione è la contemporaneità. Come dichiara Franziska Kunz, i dipendenti della Deutsche Bank hanno modo di esporre le opere nei propri uffici, partecipano a tour guidati e ad incontri con artisti. L’obiettivo è quello di rendere le attività culturali accessibili sia ai dipendenti che ai clienti e di creare un ambiente stimolante e rilassante. Il principale cambiamento dagli anni ’70 ad oggi è in realtà solo un allargamento di campo: da lavori su carta creati dagli artisti attivi in Paesi di lingua tedesca nell’immediato dopoguerra si è passati, negli anni ’90, a una progressiva internazionalizzazione degli artisti.

Il nuovo centro nel Prinzessinnenpalais

Location e tempistica per la realizzazione del nuovo complesso sono quindi chiare, ma non tutto è stato già svelato. A quanto pare la struttura ospiterà gli eventi più svariati, da mostre temporanee a concerti fino a manifestazioni sportive, ma non sono state date informazioni più precise e non è ancora chiaro come l’arte si coniugherà con lo sport. Non è stato neanche divulgato il nome dell’architetto che si occuperà del progetto.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto di copertina: ©Amy Vaughters, Smithsonian American Art Museum – Smithsonian American Art Museum , CC0

Related Posts

  • 10000
    A Berlino c'è un museo che salva le vecchie insegne dalla distruzione. In un mondo a crescente tasso di virtualità nascono nuove forme di nostalgia. Quanto era bello il mercato di paese in cui andavamo con nostra nonna a comprare le scarpe? Dove sono finiti gli album di figurine dei calciatori Panini? Che…
  • 10000
    A Berlino c'è un museo completamente dedicato agli appassionati di adesivi ed è un peccato perderselo. Collocato nel quartiere orientale di Friedrichshain, l'Hatch Sticker Museum è un museo della capitale tedesca che contiene migliaia di adesivi. La maggior parte delle opere esposte è rappresentata da sticker-graffiti, ovvero quegli adesivi che si vedono in giro per…
  • 10000
    A Berlino prosegue la polemica sul museo di Herzog & de Meuron che sarà costruito al centro del Kulturforum. A febbraio 2015 il Ministro per la cultura Monika Grütters annunciò che entro la fine dell'anno l'amministrazione di Berlino avrebbe commissionato la costruzione del nuovo Museo di Arte Moderna. Un anno e 460…
  • 10000
    Chi ha detto che un fallimento è qualcosa su cui versare lacrime amare e di cui vergognarsi? I flop sono opere da esporre! Il Museo dei fallimenti, un museo pop up attualmente in tour in Svezia, espone una varietà di flop commerciali da tutto il mondo, di cui non si…
  • 10000
    Dopo un lungo periodo di chiusura, il 20 Marzo 2017 è stato riaperto il Mori-Ōgai-Gedenkstätte: un luogo da visitare per gli appassionati della cultura giapponese Chi era Mori Ōgai Mori Ōgai (1862-1922) è stato un medico, scrittore e traduttore giapponese. Figlio di una famiglia aristocratica, dotato sin da piccolo di una…

Leave a Reply