A Berlino arriva The Vacancy, la mostra che trasforma un hotel abbandonato in atelier per 33 artisti internazionali

Era un hotel in passato e lo sarà di nuovo. Questa volta però le sue 33 stanze ospiteranno le opere di 33 artisti diversi, tutti giovani ed emergenti, provenienti da vari Paesi europei. È il progetto dal nome THE VACANCY (il vacante, o il vuoto, come le stanze dell’hotel in questione) di un’ambiziosa galleria d’arte berlinese, la Galerie Crone, in collaborazione con la rivista tedesca ZEITmagazin. Le stanze dell’hotel sono state ripulite e svuotate e a partire dal 1 ottobre, per tre settimane, accoglieranno i lavori degli artisti che spaziano da dipinti, a sculture, a fotografie, passando per installazioni e performance. L’obiettivo è quello di creare uno spazio espositivo temporaneo unico nel suo genere e contraddistinto dalla sua ampiezza (sono 1400 mq distribuiti su 5 piani).

Non è forse un caso che l’hotel sia situato in Friedrichstraße 124, vicino all’angolo con Oranienburger Straße, dove un tempo si trovava il Tacheles, il più grande centro artistico che Berlino abbia conosciuto (ne abbiamo parlato qui), chiuso nel 2012. Il progetto THE VACANCY vuole creare nuovamente un luogo speciale dove l’arte fa da padrona e dove attraverso l’arte si incontrano culture diverse.

cP2DK4jbmAUf8QkhoKfR_Z7pRou3r-fuvkDH9WQvHv0
© Marcus Schneider

Nel cortile del palazzo è stato allestito, per il tempo della mostra, un bar, a cura dei proprietari del ristorante Parker Bowles e del club Prince Charles. Per mercoledì 30 settembre, a partire dalle 19, è organizzato un party di inaugurazione, ottima occasione per andare a dare un’occhiata.

Artisti partecipanti al progetto:

Juliette Bonneviot (F), Emmanuel Bornstein (F), Plamen Dejanoff (BG), Carsten Fock (D), Gerrit Frohne-Brinkmann (D) with Emanuel Mauthe (D), Paula Doepfner (D), Jenny Feldmann (D), Sofia Goscinski (AT), Martin Grandits (AT), Mariana Hahn (D), Tobias Hoffknecht (D), Ruprecht von Kaufmann (D), Angelika Loderer (AT), Stefan Löffelhardt (D), Maren Maurer (CH), Peter Miller (US), Robert Muntean (AT), Panos Papadopoulos (GR), David Prytz (DK), Hanna Putz (AT), Gunther T. Reifschneider (D), Volker Renner (D), Max Schaffer (D), Moritz Schleime (D), Pola Sieverding (D), Stephanie Stein (D), Christian Theiß (D), Antony Valerian (D), Alejandro Vidal (ES), Marianne Vlaschits (AT), Peter Welz (D), Michael Wutz (D), Sahar Zukerman (IL/D).

Courtesy Stefanie Stein, Photo: Philip Seibel
Courtesy Stefanie Stein, Photo: Philip Seibel

 

THE VACANCY – 33 ROOMS, 33 ARTISTS
Temporary Art Space

A cura di GALERIE CRONE e ZEITmagazin

Dove?
Friedrichstraße 124, 10117 Berlin

Quando?
Dall’1 al 19 ottobre 2015
Orari di apertura: da martedì a giovedì dalle 13 alle 20, sabato e domenica dalle 11 alle 20

Entrata gratuita

Mercoledì 30 settembre dalle 19
Opening Party

Foto copertina © Marcus Schneider

Related Posts

  • Dalla costola e fucina di idee del ben famoso ed ormai defunto centro artistico Tacheles, del quale tanto si è detto, si sono staccate alcune cellule e due instancabili ragazzi continuano a produrre il loro lavoro, perché quello che conta davvero per un artista è l'esigenza di esprimersi e raccontare…
  • Uno dei simboli di una Berlino che sta lentamente scomparendo è stato venduto ad un fondo immobiliare per 150 milioni di euro. Al posto dell'ex casa d'arte occupata nel 1990, i suoi 25.000 metri quadrati saranno occupati da uffici, appartamenti, negozi e degli hotel. Il complesso, fondato subito dopo la…
  • La cifra è davvero di quelle mostruose: 200 milioni di euro (lo riporta Bloomberg). L'oggetto dell'offerta è il palazzo del Tacheles, simbolo per più di vent'anni della creatività della Berlino riunificata, ma ancora prima sede di tanti altre ere di Berlino (fu anche una delle prime sedi da cui trasmisero…
  • Alcuni degli artisti della più conosciuta Kunsthaus (casa d'arte) di Berlino, il Tacheles, dopo la definitiva chiusura della storica sede di Oranienburgerstrasse, fondano l'Associazione Artprotacheles e si riorganizzano in modo tale che, il lavoro svolto nei ventidue anni d'attività e la condivisa passione per l'arte, non vadano perdute. Poco prima…
  • La Funkhaus di Nalepastrasse è uno di quei luoghi che ancora conservano un'aurea di spontanea creativa di Berlino. Per circa 34 anni è stata la sede della Runfunk, ovvero la radio pubblica della Ddr. Ora è un luogo polifunzionale utilizzato soprattutto come sede di vari atelier di artisti residenti a…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

Leave a Reply