A Berlino con un tatuaggio molto particolare entri gratis allo stadio per tutta la stagione

Hertha_BSC_Olympiastadion tatuaggio

La notizia ha fatto il giro del mondo: abbonamento gratuito allo stadio in cambio di un tatuaggio sul braccio della squadra del cuore.

Contro il discutibile detto calcistico “tifoso occasionale porta male” l’Hertha Berlino, società calcistica tedesca con sede a Berlino, avvia un’iniziativa particolare: ingresso gratuito allo stadio per il più fedele dei tifosi disposto a farsi fare un tatuaggio sul braccio il simbolo della propria squadra di calcio.

L’iniziativa

La possibilità di avere questo particolare vitalizio è stata lanciata dal club calcistico tedesco Hertha Berlino. «Ogni tifoso deve mandare al club un video, una foto o comunque la dimostrazione del fatto di essere il più legato alla squadra berlinese» riporta Foxsports. Sarà poi proprio la società a scegliere chi è “il più fedele dei tifosi”. A quest’ultimo sarà offerto un tatuaggio particolare:  la bandiera dell’Hertha Berlino, l’Olympiastadion (stadio dove l’Italia vinse i mondiali del 2006) e un codice a barre che varrà come codice d’ingresso gratuito per le partite che la squadra giocherà in casa. Il singolare concorso è valido fino all’8 febbraio 2018.

I “tifosi per la pelle”

Molti tifosi per amore della propria squadra scelgono di tatuarsi il nome del proprio club del cuore, il ritratto del capitano, lo stemma. Sulle spiagge, in estate, “i tifosi per la pelle” sfoggiano i propri tatuaggi con fierezza. C’è chi dice che per un uomo sia più facile cambiare idee politiche che la squadra di calcio. Ci auguriamo che al tifoso vincitore del concorso non sia replicato lo scherzo che qualche anno fa, il noto programma televisivo italiano “Scherzi a Parte” organizzò all’attore Claudio Amendola, tifoso sfegatato della A.S.Roma. All’attore, per scherzo, simularono di tatuargli lo stemma della squadra rivale S.S. Lazio. Per fortuna si trattava solo di un “pesce d’aprile” che però ha reso bene l’idea dell’importanza della fede calcistica per un “vero tifoso”.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © Frankinho – Hertha – – CC BY 2.0

Rosellina Neri

Nata a Roma, a 10 anni mi sono trasferita a Lipari alle Isole Eolie, dove ho vissuto in barca per qualche anno. L'isola la considero casa, in ogni suo scorcio, in ogni sua luce e in ogni suo scoglio. Ho iniziato gli studi in Giurisprudenza a Palermo, terra natale di mia madre. Ora vivo a Berlino e ho portato con me la voglia di scrivere. "Da grande", mi piacerebbe essere una giornalista.

Leave a Reply