A Berlino i ciclisti protestano due volte al mese per avere più sicurezza. Ne muoiono troppi.

Temperature intorno allo zero hanno accompagnato, nel loro consueto giro per la città, i partecipanti all’ultima edizione della Critical Mass berlinese del 28 novembre. Ogni ultimo venerdì del mese, i ciclisti si danno appuntamento alle 20 a Mariannenplatz (Kreuzberg): il tragitto, di volta in volta diverso, culmina di fronte alla Porta di Brandeburgo, dove avviene il rituale “bike up” (sollevamento della bicicletta) in segno di solidarietà verso l’intera comunità di “ciclonauti” e per dimostrare la superiorità del mezzo rispetto agli altri veicoli.

La manifestazione vuole essere un modo per fare massa critica, focalizzando l’attenzione sui ciclisti e sulle loro rivendicazioni a potersi muovere con sicurezza nel traffico cittadino. Nonostante infatti Berlino sia, agli occhi di molti, considerata una città assolutamente bike-friendly, nella capitale il numero dei morti in incidenti ciclistici nel 2013 si è attestato a nove – 15 nel 2012 – secondo i dati dello Statistische Bundesamt für die Hauptstadt (l’Ufficio di Statistica della capitale).

Il raduno mensile non è solo un modo per far sentire la propria voce, ma anche un’occasione per celebrare la bicicletta in quanto mezzo di trasporto sostenibile. Anche per questo ogni incontro ha sempre il sapore di una festa, accompagnata da luci, biciclette stravaganti – da quelle somiglianti a motociclette ad altre di stampo più artigianale – e molta musica, diffusa attraverso altoparlanti trasportati negli zaini o su rimorchi. Molti dei partecipanti sono habituée di più o meno vecchia data, ma non mancano i “nuovi acquisti”.

A Berlino la Critical Mass esiste dal 1997. Dopo un’interruzione di qualche anno, è tornata in vita dal 2006 grazie all’intraprendenza di alcuni esperti di social media che sono riusciti a richiamare le masse e a rifare dell’evento un happening mensile.

Nonostante il freddo, i partecipanti della scorsa edizione sono arrivati a 450. Il percorso li ha visti pedalare per più di 30 km attraverso i quartieri di Kreuzberg, Mitte, Prenzlauer Berg, Wedding , Moabit, Tiergarten.

Appuntamenti:
Ogni ultimo venerdì del mese, ore 20, Mariannenplatz (Kreuzberg)
Ogni prima domenica del mese, ore 14, Brandenburger Tor

A questi link potete consultare il sito ufficiale e il blog infomativo.

Related Posts

  • 10000
    Una strada utilizzabile contemporaneamente da automobilisti, pedoni o amanti delle due ruote. Sulla  Maaßenstraße, quartiere Schöneberg di Berlino, da alcune settimane è partito il primo progetto cittadino dedicato alle “zone d’incontro”. Per attivarlo l’amministrazione municipale ha discusso più di un anno. Il progetto è pilota. Se funzionasse (non è sicuro)…
  • 10000
    Se vivi o desideri vivere a Berlino non puoi fare a meno della bicicletta né di conoscere le 10 categorie di ciclisti in cui ti puoi imbattere in giro per la città. Ecco 10 categorie di ciclisti di cui Berlino è piena. 1 - I ciclisti puri Tante persone usano…
  • 10000
    All'inizio non ci pensi. Non sei abituato a pensarci in Italia, non hai neanche il minimo sentore che in quel preciso momento stai facendo qualcosa per cui fra pochi secondi verrai legittimamente mandato a quel paese. La tua colpa? Stai passeggiando sulla pista ciclabile, ma non te ne accorgerai finché…
  • 10000
    Chi ama andare in bicicletta, faccia attenzione! Le grandi città tedesche, tra queste anche Berlino, sono, secondo l'ADAC (Allgemeine Deutsche Automobil-Club e. V.), troppo poco attente nei confronti di chi si muove su due ruote. In un test condotto in dodici città, ben dieci raggiungono risultati appena accettabili. Dresda e Dortmund…
  • 37
    Instragram e Berlino: un rapporto di solo amore, la capitale tedesca è tra gli hashtag "geografici" più utilizzati sul celebre social network. Che sia un panorama, un angolo di strada o i suoi stessi abitanti, scrivere Berlino come parola chiave è sinonimo di originalità e pensiero fuori dagli schemi. Lo…
    Tags: i, più, berlino, è, kreuzberg, berlin, capitale, non, dei, per

Leave a Reply