A Berlino la modella tedesca Heidi Klum inaugura la sua nuova statua di cera

Heidi Klum

La versione berlinese del Museo delle cere ospita ora anche la copia in 3D della supermodella tedesca Heidi Klum.

Domenica 21 maggio Heidi Klum ha presieduto alla sostituzione della sua statua di cera da Madame Tussauds, il museo delle cere di Berlino. Come riporta Handelsblatt, la riproduzione è il frutto del lavoro di più di 15 persone che si sono basate su 150 foto e 200 misure prese sulla modella nell’autunno 2016.

Il museo delle cere di Berlino

Forse non tutti sanno che anche Berlino ha il suo Madame Tussauds. Si trova a due passi dalla Porta di Brandeburgo, sul viale Unter den Linden, e conserva le riproduzioni di personaggi importanti per la Germania come Albert Einstein e Sigmund Freud, celebrità tedesche del mondo della musica, da Ludwig van Beethoven ai Tokyo Hotel, insieme a diversi personaggi politici. Qualche anno fa il museo fu fortemente contestato per aver aggiunto alle sue statue di cera quella di Adolf Hitler, scelta che non fu particolarmente gradita. Nel 2008, poco dopo l’installazione della statua, un visitatore saltò oltre il vetro protettivo e gli staccò la testa. L’ultima sala del museo è riservata invece alle celebrità internazionali: Madame Tussauds ospita fra gli altri anche Nicole Kidman e Brad Pitt.

La statua di Heidi Klum

In realtà la riproduzione della supermodella e star della televisione Heidi Klum tedesca esisteva già. Domenica 21 maggio questa statua è stata semplicemente sostituita, come soltanto quelle di Angela Merkel e Justin Bieber finora. La nuova versione è stata apprezzata da Heidi soprattutto per il colore dei capelli, definito «perfetto» dalla modella, e il suo outfit, basato su un reale vestito di pelle della modella che si è presentata all’evento vestita quasi uguale al suo doppio di cera. Come riporta Askanews, nel museo è possibile anche visitare il camerino ispirato a quello della conduttrice di Germany’s Next Top Model.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto di copertina: screenshot da youtube

Related Posts

  • 10000
    A Berlino c'è un museo che salva le vecchie insegne dalla distruzione. In un mondo a crescente tasso di virtualità nascono nuove forme di nostalgia. Quanto era bello il mercato di paese in cui andavamo con nostra nonna a comprare le scarpe? Dove sono finiti gli album di figurine dei calciatori Panini? Che…
  • 10000
    A Berlino c'è un museo completamente dedicato agli appassionati di adesivi ed è un peccato perderselo. Collocato nel quartiere orientale di Friedrichshain, l'Hatch Sticker Museum è un museo della capitale tedesca che contiene migliaia di adesivi. La maggior parte delle opere esposte è rappresentata da sticker-graffiti, ovvero quegli adesivi che si vedono in giro per…
  • 10000
    A Berlino prosegue la polemica sul museo di Herzog & de Meuron che sarà costruito al centro del Kulturforum. A febbraio 2015 il Ministro per la cultura Monika Grütters annunciò che entro la fine dell'anno l'amministrazione di Berlino avrebbe commissionato la costruzione del nuovo Museo di Arte Moderna. Un anno e 460…
  • 10000
    Chi ha detto che un fallimento è qualcosa su cui versare lacrime amare e di cui vergognarsi? I flop sono opere da esporre! Il Museo dei fallimenti, un museo pop up attualmente in tour in Svezia, espone una varietà di flop commerciali da tutto il mondo, di cui non si…
  • 10000
    Dopo un lungo periodo di chiusura, il 20 Marzo 2017 è stato riaperto il Mori-Ōgai-Gedenkstätte: un luogo da visitare per gli appassionati della cultura giapponese Chi era Mori Ōgai Mori Ōgai (1862-1922) è stato un medico, scrittore e traduttore giapponese. Figlio di una famiglia aristocratica, dotato sin da piccolo di una…

Leave a Reply