A Berlino la mostra dedicata agli internati militari italiani della II Guerra Mondiale

[sharethis]

Da alleati a traditori: questa fu la sorte per molti militari italiani dopo l’8 settembre 1943, giorno in cui il maresciallo Pietro Badoglio sciolse l’alleanza che univa l’Italia e la Germania. Un gran numero di nostri connazionali che fino a quel giorno combattevano al fianco dell’esercito tedesco, vennero deportati in Germania e Polonia. Per ricordare la loro storia, lunedì 28 novembre 2016 alle ore 18.00 a Berlino verrà inaugurata la mostra permanente Tra più fuochi. La storia degli Internati Militari Italiani 1943-1945 presso il Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il nazionalsocialismo di BerlinoDokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit (Fondazione Topografia del terrore). La mostra aprirà al pubblico martedì 29 novembre.

La storia. I militari italiani internati furono oltre 600.000. Di questi tra 50.000 e 60.000 persero la vita. Molti vennero costretti al lavoro coatto nell’industria di guerra, nelle miniere o nel settore agricolo. La loro sorte risultò essere in balìa delle decisioni tedesche. Da una parte vi era chi puntava a punirli con la prigionia in quanto traditori, dall’altra c’era invece chi cercava di reclutarli in vista della tanto desiderata “vittoria finale”. All’interno dei lager gli internati italiani vennero spesso discriminati dagli altri prigionieri e anche successivamente alla liberazione e al rientro in patria non godettero mai delle dovute attenzioni: a lungo la società italiana non li considerò vittime di guerra e la Germania fino ad oggi non accetta di pagare loro i risarcimenti.

La mostra. L’esposizione Tra più fuochi è stata organizzata dal Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il nazionalsocialismo di Berlino su suggerimento della commissione di storici tedesco-italiana instaurata nel 2012 per volontà dei governi dei due Paesi ed è finanziata dal Ministero degli Affari Esteri tedesco. La mostra ha l’obiettivo di ricordare la storia di questo gruppo di vittime della guerra, il cui destino risulta tuttora essere generalmente poco conosciuto.

Tra più fuochi. La storia degli Internati Militari Italiani 1943-1945

Quando: a partire da martedì 29 novembre 2016, dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 18 – chiuso il lunedì
Dove: presso il Centro di documentazione sul lavoro forzato durante il nazionalsocialismo – Britzer Straße 5, 12439 Berlino
Biglietto: ingresso gratuito

Banner Scuola Schule

Foto di copertina © Krzysztof Pluta CC0 Public Domain

Related Posts

  • È l’8 Settembre 1943 quando il Maresciallo Badoglio annuncia l’armistizio fra l’Italia e le Forze Alleate; la guerra sembra finita, ma per molti italiani quel momento segna l’inizio di un nuovo capitolo tragico della loro vita. Nel 1943 sono 640 mila i soldati italiani che stanno combattendo in giro per…
  • Dopo la fine di una guerra, tante storie terribili si nascondono tra le pieghe del tempo che passa, rischiando di essere più o meno dimenticate, più o meno cancellate. È questo, forse, il compito più importante di chi viene dopo quegli anni: ritrovare quelle storie, ripulirle, comprenderle e mai lasciarle…
  • Dopo la seconda guerra mondiale la Germania era un Paese distrutto. Americani, francesi, inglesi e russi avevano in mano la sorte dei responsabili del conflitto più letale della storia dell'umanità. Alcuni dei colpevoli dei crimini di guerra erano morti prima del '45, altri furono condannati a Norimberga. Gli Alleati si apprestavano quindi…
  • di Fabio Ferrarini* Il 24 ottobre del 1936 Italia e Germania stipularono un’intesa denominata “Asse Roma-Berlino”: questo patto fu il primo passo di avvicinamento tra le due potenze nello scacchiere internazionale e tale collaborazione trovò successivamente piena attuazione con il Patto d’Acciaio del 22 maggio 1939. Neanche un anno prima…
  • “Un terzo dei tedeschi è ancora vittima di traumi legati in qualche modo alla seconda guerra mondiale”. È questa l’opinione di Sabine Bode, autorevole scrittrice e giornalista di Colonia dopo aver collezionato il parere di un nutrito gruppo di psicologi per la redazione di ben tre libri sul tema negli ultimi…

Leave a Reply