Aggrappiamoci alla Merkel, unico vero leader europeo anti-Trump

22789455217_1e772ec873_k

La cancelliera tedesca Angela Merkel si è pronunciata contraria al nuovo decreto immigrazione introdotto dal neopresidente americano Donald Trump. Il provvedimento impedisce per tre mesi l’ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di sette Paesi musulmani (Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen).

Come riporta DW, Merkel ha dichiarato che la Germania farà tutto ciò che è in suo potere per aiutare i cittadini musulmani interessati dal blocco voluto da Trump. Con questa presa di posizione, Merkel non si limita a confermare la linea della politica dell’accoglienza. Così facendo la cancelliera si presenta come unico vero leader europeo a dichiararsi esplicitamente contrario ai provvedimenti del neopresidente americano, discostandosi così dal primo ministro britannico May che nonostante le crescenti proteste ha confermato l’invito rivolto a Donald Trump, da un’Italia troppo presa da questioni interne per schierarsi apertamente e dalle eccissivamente timide dichiarazioni europeiste del presidente francese Hollande. Dal momento della sua introduzione, il Travel Ban ha suscitato indignazione a livello internazionale e seminato il caos negli aeroporti statunitensi. Quattro giudici federali degli Stati Uniti si sono mobilitati per fermare le espulsioni.

La posizione di Angela Merkel

«La lotta al terrorismo, per quanto necessaria, non giustifica in alcun modo la discriminazione nei confronti di chi proviene da Paesi a maggioranza musulmana» ha commentato Merkel. Nota per la sua politica di accoglienza nei confronti dei rifugiati, la cancelliera tedesca ha sottolineato che il Travel Ban di Trump è in contrasto con le regolamentazioni previste per l’aiuto internazionale ai rifugiati. «La cancelleria e il ministero degli esteri faranno tutto il possibile per rappresentare, sia legalmente sia emotivamente, chi è stato colpito dall’altolà di Trump, specialmente chi è in possesso di doppia cittadinanza» ha dichiarato Merkel.

«Una crociata contro i diritti civili»

Tra coloro che sono stati colpiti dal Travel Ban c’è Omid Nouripour, politico iraniano-tedesco che ricopre la carica di vicepresidente del gruppo di amicizia parlamentare Germania-Stati Uniti. Nato a Tehran nel 1975 e emigrato in Germania nel 1988, Nouripour è cittadino tedesco dal 2002 e fa parte del Parlamento dal 2006. Nouripour attribuisce le vere ragioni del Travel Ban a uno «sporco simbolismo che sta avvelenando la società odierna» e non a motivi di sicurezza, come invece sostiene il presidente statunitense. A questo sarebbe da ricondurre anche la strategica esclusione dal decreto di Arabia Saudita, Egitto ed Emirati Arabi Uniti, anche se il presidente americano la presenta come tecnica per “tenere a bada” i terroristi. Katja Kipping, leader del partito d’opposizione Die Linke, ha annunciato che la sua formazione politica cercherà appigli legali per contrastare il il decreto: con un tweet Kipping ha chiesto alla cancelliera di presentare una protesta formale alle Nazioni Unite tramite l’Unione Europea. «Se Merkel non fa qualcosa di concreto, ogni cittadino avrà il diritto di denunciare alla Corte di Giustizia Europea la mancata presa di posizione. Siamo di fronte a una crociata contro i musulmani, ma anche contro i diritti civili» ha concluso Kipping.

La posizione del primo ministro canadese Justin Trudeau

Il provvedimento di Trump è stato oggetto di critiche non solo da parte di Merkel, ma anche del primo ministro canadese Justin Trudeau che con un tweet si è rivolto ai migranti colpiti dal Travel Ban: «A chi fugge da persecuzioni, terrore e guerra, i canadesi vi accoglieranno, a prescindere dalla vostra religione. La diversità è ciò che ci rende forti».

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Angela Merkel © Metropolico.org CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • Lo scorso mercoledì il nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha reso esecutivo l’ordine di costruire un muro al confine col Messico. Lo aveva già promesso durante la sua campagna elettorale e adesso sembra più che mai intenzionato a portare avanti questo progetto. L'obiettivo principale dichiarato è quello di contrastare l’immigrazione…
  • Davanti all'ambasciata americana di Pariser Platz circa 650 si sono radunate per dimostrare la propria preoccupazione per l'insediamento del nuovo Presidente degli Stati Uniti Venerdì 20 gennaio, mentre a Washington il magnate americano prestava giuramento, la capitale tedesca ha è diventata teatro di una raccolta, ma comunque significativa azione di protesta.…
  • A pochi giorni dalle discusse elezioni presidenziali americane e dal trionfo di Donald Trump, Berlino è tra le prime capitali d'Europa a dare una risposta pubblica a quello che pare sia stato uno shock per molti. Sabato pomeriggio scorso, a Brandenburger Tor, parecchie centinaia di persone si sono radunate intorno a…
  • Fa freddo, a Berlino, dopo la vittoria di Donald J. Trump alle elezioni americane. È il 9 novembre, la data che ha cambiato la storia della Germania e del mondo intero. Ricorrono 27 anni dal crollo del muro di Berlino che ha inevitabilmente segnato la storia della politica internazionale, distruggendo…
  • «Ricostruire il partito democratico e restituirlo al popolo, perché ha fallito miseramente». Si apre così, con un invito a rivoluzionare la sinistra americana, la to do list post-elettorale di Michael Moore, uno dei pochi spiriti lucidi in grado di prevedere in tempi non sospetti che Donald Trump sarebbe diventato il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti d'America. Sì, perché il…

Giulia Mastrantoni

Laureata in inglese e francese, ama scrivere e viaggiare. Legge come se non ci fosse un domani e, non appena se ne presenta l'occasione, si butta a capofitto in nuove avventure. «Da grande» vuole non doversi mai chiedere: «E se?». Ha pubblicato i racconti "Misteri di una notte d'estate" per la Ed. Montag nel 2015 e "Veronica è mia" per la Panesi Edizioni nel 2016, sulla tematica della violenza psicologica e sessuale.

One Response to “Aggrappiamoci alla Merkel, unico vero leader europeo anti-Trump”

  1. Matteo Corallo

    Aggrapparsi alla Merkel per uscire dalla crisi sarebbe come curare un malato terminale con la stricnina. Il successo di Trump e della Brexit é dovuto anche alla fallimentare politica migratoria della Signora Kasner. Wir schaffen das!

    Rispondi

Leave a Reply