Agliardi, Pardelli, Paggi, Filippi e Veronese: Reportage #5, la mostra di 5 fotografi italiani a Berlino

[sharethis]

Finestre che riflettono frammenti di cielo, occhi brillanti su volti rugosi, coloratissimi mercati dell’ex Unione Sovietica, angoli di una Londra sempre più pittoresca, e poi il Vietnam con tutte le sue contraddizioni. La nuova mostra al Café Aroma ha tutta l’aria di dover portare il mondo intero a Berlino.

Cinque artisti, cinque progetti e cinque luoghi sul pianeta terra (Asia, Vietnam, Medio Oriente, Europa centrale e orientale). Al Café Aroma di Berlino torna una mostra collettiva, curata da Martina Trabucco in collaborazione con Berlino Magazine. Ad essere esposti saranno i bellissimi scatti di Anna Agliardi, Giulia Filippi, Linda Paggi, Gianluca Pardelli e Andrea Veronese, che da anni collaborano con il magazine e altre importanti riviste come il Berliner Zeitung e il The Guardian. Tutti giovanissimi e innamorati dell’avventura, i cinque fotografi ci restituiscono attraverso le loro splendide istantanee una visione lucida e al tempo stesso intima dei luoghi che hanno visitato. La mostra si terrà al Café Aroma di Berlino dal 5 aprile al 31 luglio 2017.

Vietnamese daily life di Anna Agliardi

1700 chilometri, 6 aerei, 4 autobus, una guida di viaggio e uno zaino. Anna Agliardi, originaria di Bergamo, ci mostra un Vietnam ancora diviso, con un Nord dalle strade non asfaltate e dalle abitazioni semi-distrutte, e un Sud molto più moderno sul piano economico. Il progetto riflette i contrasti di un Paese che fa ancora fatica a emanciparsi dai suoi pesanti trascorsi storici, in cui modernità e tradizione si incontrano e cozzano tra loro. Capellini di bambù utilizzati sia per scopi pratici sia estetici, un ufficiale di polizia che gioca con un servo su un marciapiede, turisti che ogni giorno si fanno incantare dalla bellezza magnetica della Halong Bay: questo è il Vietnam, un luogo meraviglioso dalla natura e dal fascino mozzafiato, ancora meta di viaggiatori provenienti da tutto il mondo.

Anna_Agliardi (3)
© Anna Agliardi

 

15272136_344079452619508_3074894825813453717_o
© Anna Agliardi

 

15936911_369780053382781_3960867323316777194_o
© Anna Agliardi

Berliner Window di Giulia Filippi

Spesso per capire una città sono sufficienti una macchina fotografica e una finestra su cui si riflette il cielo. È proprio da questa intuizione che nasce il progetto artistico di Giulia Filippi, veneta ma da anni stabile in Germania, che attraverso i suoi scatti ci introduce nei meandri di una Berlino a tratti spensierata a tratti malinconica. La finestra è un elemento che ha attirato fin da subito l’attenzione della giovane artista, non solo per le proporzioni affascinanti ma anche per il significato che trasmette. Come l’obiettivo fotografico la finestra racconta storie, ma può darci solo una visione parziale del mondo, quella filtrata dalla nostra immaginazione .

Window 3
© Giulia Filippi

 

11665444_1016135441730366_7534152712845506528_n
© Giulia Filippi

 

12132471_1155524471124795_1682598767091252640_o
© Giulia Filippi

Fragments of London di Linda Paggi

Fragments of London è il progetto fotografico di Linda Paggi, originaria di Bologna ma residente a Berlino, che attraverso i suoi scatti regala al pubblico i colori e gli odori della metropoli londinese. Mercatini di libri usati, lampade vivaci che fanno da cornice a locali pieni di gente, biciclette parcheggiate davanti a bar affollati sono i tratti distintivi della capitale inglese, che si rivela in tutto il suo splendore attraverso questo bellissimo reportage.

14670847_1089806407734873_4121438895073088986_n
© Linda Paggi

 

17467851_10154601973512462_1664305489_n
© Linda Paggi

 

17409980_10154601973517462_1154619330_n
© Linda Paggi

Babushkas and Bazaars di Gianluca Pardelli

I mercati dell’ex Unione Sovietica sono una miscela di culture diverse. Sarebbe riduttivo definirli semplicemente “europei” o “asiatici”, data l’incredibile varietà di popoli che vi si possono incontrare. Sapori arabi, cucina ebrea e bazar turchi, questi mercati ci trasportano nell’Europa orientale ante guerra. Negli ultimi cinque anni Gianluca Pardelli, toscano ma attualmente a Berlino, ha viaggiato attraverso l’ex URSS, dall’Arzebaigian all’Uzbekistan, dalla Moldavia alla Georgia, dalla Cecenia a Mosca, alla ricerca di tutti quei luoghi in cui la gente si intrattiene e scambia notizie. Da sempre innamorato delle culture slave, il fotografo ha intrapreso un lungo viaggio attraverso l’ex Unione Sovietica e ha trovato nei mercati popolari il giusto compromesso tra passato  e presente.

G.Pardelli (1)
© Gianluca Pardelli

 

G.Pardelli (5)
© Gianluca Pardelli

 

G.Pardelli (7)
© Gianluca Pardelli

Everybody drops the dime! di Andrea Veronese

Sorrisi, sguardi, occhi brillanti su volti invecchati sono i protagonisti del reportage di Andrea Veronese, fotografo veneto residente a Berlino. Il progetto Everybody drops the dime! nasce da un lungo viaggio in bicicletta che lo ha condotto in Malesia, Giordania, Thailandia, Vietnam, Indonesia, Laos, Israele e Palestina. Stanco della vita occidentale, nel 2013 ha lasciato il suo lavoro come rappresentante per un’agenzia di viaggi ed è partito alla scoperta dell’Europa orientale e del sud-est asiatico. Il titolo del progetto ovviamente non è casuale in quanto vuole essere un rimprovero a tutti quegli occidentali che “lanciano una monetina”, ignari che in quei paesi è moralmente vietato lasciare la mancia perché si vuole abituare le popolazioni locali a ottenere qualcosa solo dopo averla guadagnata. Dopo una breve interruzione, il progetto è ripreso nel 2016 e sembra non avere fine considerato il numero sterminato di volti che Andrea continua a fotografare.

A.Veronese (1)
© Andrea Veronese

 

A.Veronese (2)
© Andrea Veronese

 

A.Veronese (3)
© Andrea Veronese

 

I corsi di fotogiornalismo alla Berlino Schule

Sabato 25 marzo, a partire dalle ore 14:30, la sede di Berlino Schule (Gryphiustrasse 23) ospiterà una presentazione gratuita del laboratorio di fotogiornalismo di Gianluca Pardelli. Il corso si terrà dal 1 aprile al 27 maggio 2017, ogni sabato dalle 14:30 alle 17:00. Le lezioni si terranno in italiano e in inglese. Il costo del corso è di 150€.

Per informazioni e iscrizioni: info@berlinoschule.com

Reportage#5 Collective Photo Exhibition 

Ristorante Café Aroma, Hochkirchstraße 8, 10829 Berlino

Dal 5 aprile al 31 luglio 2017

Vernissage: 5 aprile 2017 dalle 18.00

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Anna Agliardi

Related Posts

  • 10000
    Watergate, Teufelsberg, Nikolaiviertel, Kottbusser Tor, Görlitzer Park, Schlesisches Tor, il Flöhmarkt di Warschauerstraße e quello di Treptow, Mauerpark e l'ospedale abbandonato a Weißensee. I colori, i volti, la quotidianità rubata negli scatti del progetto fotografico Inside Out Berlin, realizzato dai 12 ragazzi del corso di street photography e diretto dalla fotografa Anna Agliardi, in…
  • 10000
    Hummer-Ravioli auf einer Buttersoße, aromatisiert mit Rosmarin und Orange. Wurst mit einem Strudel aus Maronen und Steinpilzen, Entenbrust-Carpaccio mit Apfel- und Sellerie-Streifen. Trüffel aus Umbrien, Kürbis, Kastanien, Brokkoli, Artischocken, Spargel, Zucchiniblüten – es gibt keinen italienischen Geschmack oder Geruch, der nicht mindestens einmal im Jahr durch die Küche und über…
  • 10000
    20 pizzerias, one week, a fixed price: True Italian Pizza Week Berlin wants to celebrate the best and authentic pizzas in Berlin. Margherita, marinara, napoletana, capricciosa, quattro stagioni, ham and mushrooms, vegetarian: no matter what's on the top, pizza is the proper symbol of the Italian cuisine. True Italian Pizza…
  • 10000
    Portare Vietnam, Nepal e Myanmar a Berlino. È l'obiettivo di Nicht ohne meine Kamera, la mostra di foto di Jürgen Hübner che dal 5 marzo al 30 maggio 2016 caratterizzerà le pareti del Cafè Aroma, uno dei ristoranti italiani più celebri (e a ragione) di Berlino diventato negli anni anche punto…
  • 10000
    A Berlino è consuetudine lasciare in strada con la scritta zu verschenken (si regala) gli oggetti che non si usano più e che potrebbero servire ad altri. Tra questi, anche molti divani. Ora un interessante progetto fotografico di Linda Paggi li ritrae e, con essi, l'anima easygoing di Berlino. Il progetto si chiama "Accomodati a Berlino"…

Federica Zeppieri

Viaggiatrice instancabile e lettrice insaziabile, amo tutto ciò che rappresenta evasione fisica e mentale. Gli aeroporti e le librerie sono i miei luoghi preferiti. Adoro la sabbia, l'odore della benzina, gli ostelli sovraffollati, le supercazzole, i film trash e la polemica fine a se stessa. I miei sport preferiti sono il disegno e il trekking in solitaria. Cervello germanico e cuore latino, di giorno passeggio per le strade di Berlino, di notte sogno il Brasile.

Leave a Reply