#AiutiamoGiovanni. Ecco perché il video è stato tolto. E quella ragazza non si troverà più

#AiutiamoGiovanni. Giovanni ha cancellato il video e la sua iscrizione a facebook. E di tutta questa storia non ne vuole più sapere nulla. Il ragazzo ventunenne che lo scorso 24 maggio al Carnevale delle Culture di Berlino ha baciato e ballato con una ragazza tedesca senza poi chiederle nome o recapiti (“perché sapevo che sarei dovuto tornare in Italia pochi giorni dopo e non volevo avere la tentazione di chiamarla o di pensarci tutto il tempo”), salvo poi ripensarci e realizzare un video/dichiarazione d’amore per rintracciarla, vuole che questa faccenda si chiuda velocemente.

“Ho saputo che sono finito in radio e che le Iene mi cercano. Era quello che volevo, ma mi sono reso conto che è troppo per me..vorrei che finisse tutto. Mi dispiace per come sia andata, non volevo questo, e mi dispiace per tutti coloro che sono rimasti coinvolti in questa storia solo perché volevano aiutarmi. Credi che la notizia sia destinata a morire o no? Grazie” ci scrive ieri sera, domenica, via email, cercando consiglio. Il suo video – che purtroppo non potete più vedere – è stato citato ovunque in Italia (Huffington Post, Il Mattino, Radio Deejay e molte altre testate più o meno prestigiose). Era un video ingenuo, pieno di momenti probabilmente involontariamente auto-ironici, ma in definitiva dolce e genuino, una di quelle dichiarazioni d’amore che si possono fare quando si è giovani e si è puri di cuore. Eppure, invece di supportarlo o, al massimo rimanere indifferenti, tante persone sui social network, l’hanno insultato e preso in giro. E lui, che non voleva altro che cercare quella ragazza che aveva fatto breccia nel suo cuore, non ha retto il colpo. Qualcuno ha sparso in giro la bufala che la ragazza sia di Dresda e sia sposata. Non è così. Della ragazza non si sa nulla. Qualcun altro ha invocato la privacy della ragazza. Questo è un punto più discutibile, ma comunque parliamo di un evento – il Carnevale delle culture – in cui tutti girano con macchine fotografiche e videocamere. Per legge girare video e fare foto è legale in situazioni di questo tipo. Ogni anno vi sono tv da tutto il mondo, non ci si può stupire se si capita in mezzo a qualche filmato televisivo, né tantomeno qualche foto. Non solo. Ricordiamoci come è andata: Giovanni era su di un terrazzo che si affacciava sulla strada. Guardava la manifestazione finché una ragazza gli ha sorriso e dopo uno scambio di sguardi, l’ha invitato a scendere per ballare. Al di là del video, è una storia romantica. Possibile che ogni tanto non si possa sognare e sperare, se non che lei voglia rivederlo, che almeno le faccia piacere quanto Giovanni abbia fatto per provare a rivederla? (qui se vi interessa la storia completa)

L’odio 2.0. I commenti su facebook a margine dei link postati su questa leggera notizia di cronaca rosa sono stati di ogni tipo. “Sfigato”, “coglione”, “vai a puttane”, e “impara l’inglese” sono solo alcuni degli epiteti con cui Giovanni è stato attaccato.

1-Questa gente avrebbe il coraggio di dire le stesse cose in faccia a Giovanni?

2-Si rendono conto che dall’altra parte c’è un ragazzo che legge e può reagire, sicuramente non in maniera positiva, ad offese di questo tipo?

Alcuni risponderanno che “se lo doveva aspettare una volta che realizza una cosa del genere: il mondo è così”, ma anche se fosse, chi siamo noi per potere spiegare il mondo a qualcun altro a forza di offese online? Chi ci ha dato l’autorità per farlo? Per anticipare “un mondo cattivo” allora diventiamo noi stessi cattivi in modo che il neoarrivato cominci subito a farsi le ossa? Qualcuno ha addirittura parlato di Giovanni come dell’esempio della massa di imbecilli ora con diritto di parola grazie ai social network che Umberto Eco ha definito qualche settimana fa senza rendersi conto che forse, l’imbecille, è proprio chi si lascia andare a considerazioni così piene di supponenza. Noi italiani che spesso ci vantiamo essere in grado di ascoltare e aiutare, dietro il monitori di un pc ci trasformiamo in persone arroganti senza neanche rendercene conto. Ed è un peccato.

Come spesso succede quando si vedono dei contenuti online che non ci interessano o non ci piacciono abbiamo sempre due alternative: ignorare e passare oltre o commentare criticamente spiegando perché il nostro punto di vista è diverso. Offendere e basta non fa altro che rendere piccoli, prima di tutto, noi stessi. E fare del male ad un ingenuo ragazzo che voleva semplicemente ritrovare e corteggiar la sua amata. La cosa più antica – e forse bella – del mondo.

ps: questo articolo è stato scritto solo dopo averne chiesto il parere a Giovanni stesso.

Related Posts

  • 60
    Michael Praetorius, 38enne giornalista di Monaco, mercoledì scorso ha pubblicato un video sulla sua pagina Facebook in cui dà fuoco con un accendino al suo abbonamento alla S-Bahn, la metropolitana di superficie gestita dalla Deusche Bahn (DB), a Monaco come a Berlino. A spingere l'uomo a bruciare una carta mensile…
    Tags: è, per, in, si, non, ragazza, video, se
  • 55
    Si intitola semplicemente Berlin 2014 - Berlin hustles harder, ottanta secondi di immagini semi-amatoriali, ma ben montate e piacevolmente accompagnate musicalmente dalla canzone Youth di Daughter remixata dal dj berlinese più in voga del momento, Alle Farben (che noi di Berlino Cacio e Pepe Magazine abbiamo intervistato prima del boom internazionale). A…
    Tags: si, è, non, ragazza, video, più, in
  • 53
    Giovanni ce la farà. O almeno questa è la normale previsione che viene da fare ora che la sua storia è arrivata sulle pagine sia cartacee che online dei quotidiani Bild e BZ. Il ragazzo ventiduenne che ha baciato una giovane tedesca durante il Carnevale delle Culture lo scorso 24…
    Tags: non, giovanni, è, video, se, ragazza, per, si, ci, in
  • 49
    Berlino, 24 maggio 2015, Carnevale delle Culture. Giovanni si trova a Gneisenaustrasse, Kreuzberg. Guarda la manifestazione dalla finestra dell'appartamento dei fratelli. Non abita a Berlino (è  di Rossano Veneto), ci viene spesso (vi ha corso l'ultima maratona di settembre). Sta passando un bel pomeriggio fin quando una ragazza che sta ballando…
    Tags: è, si, ragazza, in, non, giovanni, video, se, per, ci
  • 45
    Fine della storia #AiutiamoGiovanni. Ad una settimana da quando abbiamo pubblicato il primo articolo su Giovanni ed il suo video alla ricerca di una ragazza tedesca baciata durante il Carnevale delle Culture il 24 maggio scorso a Berlino, ma di cui non aveva chiesto né contatti né nome, la storia…
    Tags: non, è, giovanni, #aiutiamogiovanni, ragazza, video, se, più

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

6 Responses to “#AiutiamoGiovanni. Ecco perché il video è stato tolto. E quella ragazza non si troverà più”

  1. david

    Non hai pensato alla ragazza che é l’unica vittima di questo Video.Se fosse stata fidanzata o semplicementenon avesse avuto voglia di questa pubblicitá avrebbe avuto molto di cui arrabbiarsi. Gli insulti al ragazzo sono una vergogna di frustrati che si senton forti dietro la tastiera ma la Vera vittima di tutto questo tram-tram e l’incolpevole ragazza.

    Rispondi
  2. Vito

    Qui non c’è nessuna vittima secondo me… l’unica cosa che non capisco di tutta questa storia e’ tutto questo bailam che si è creato intorno per quella che potrebbe essere la trama di una delle tantissime uguali andate in onda in tv in programmi come “dr.stranamore” o “c’è posta x te”. Si contatti la redazione di questi programmi o mediaset ( anche le jene che si sono già messe in contatto va benissimo) e facciamola finita…la ragazza verrebbe trovata all’istante se è questo che voleva e vuole ancora il ragazzo…

    Rispondi
  3. ASD

    La forza della figa.

    Rispondi
  4. Maria

    Ho guardato il video perché incuriosita dal vostro articolo. Il mio primo pensiero é stato: “wow, che coraggio”. Il secondo é stato: “madonna, che inglese”. Ho condiviso sulla mia bacheca questo video perché l’ho trovato veramente molto emozionante e perché ho sentito che nella sua imperfezione era autentico.
    Eco avrá anche ragione quando dice che internet ha dato la parola a parecchi imbecilli, ma é vero anche che si é diffuso un certo cinismo, per cui tutti si sentono autorizzati a sparare a zero su tutti. Non é forse imbeccilitá anche questa?

    Rispondi
  5. Gerva

    Dopo aver letto a ritroso i vari commenti e aver visto le dimensioni che ha preso quest tam-tam mediatico… sono incappato sul video stesso…prima osservazione, l’ hushtag e’ fatto benissimo ed e’ anche originale! non e’ un caso che tutte le testate e media vari l’abbiano ripreso…per il resto non e’ che si deve sempre giudicare cio che uno fa…piace, non piace, ok, si puo’ ironizzare oppure dire la sua, pero’ e’ un peccato vedere che un ragazzo pieno di iniziativa venga indotto a fare marcia indietro per insulti gratuiti e commenti negativi tanto per esserlo…poteva prendere tutta un’altra piega ed essere una cosa simpatica…per me vale la spontaneita’ e la gioia di chi c’ha 21 anni, vive i suoi sogni, si emoziona per una festa, un viaggio o un bacio.

    Rispondi
  6. Berlinesa

    Ho visto il video prima della cancellazione e, devo dire, che sono rimasta un pochino perplessa. Non le ha chiesto subito il numero però poi si è sbattuto in rete tirando dentro anche lei per non avere avuto il coraggio di chiederle subito i contatti e, magari, beccarsi un “no”. Sembra una finta timidezza. Se sei timido non giri un video quasi autopubblicitario e poi scrivi alle testate nazionali perchè ti aiutino a trovare quella che dici essere la tua dolce metà. Tra l’altro se lei avesse detto no, non sarebbe stata la principessa fatata che lo ha spinto a tanto lavoro e, in seguito, a tanta umiliazione.
    Mi sembra però un’ottima illustrazione dei rapporti di genere che si vivono oggigiorno. Si evitano le situazioni dirette per paura del rifiuto ma ci si lascia dare dell’imbecille online piuttosto. Il risultato è che non ha ottenuto nell’una nell’altra cosa. Simbolo questo, che, forse, qualcosa va cambiato.
    Rimane comunque il fatto che è stato un gesto coraggioso anche se secondo me estremamente teatrale. L’esperienza mia ha insegnato che le persone teatrali corteggiano solamente per gusto personale, non per mero interesse nei confronti di qualcuno.
    Non mi permetto di giudicare sentimenti e comportamenti altrui. Ma questo mi è sembrato un grido disperato verso “guardatemi quanto sono figo”. MY opinion!

    Rispondi

Leave a Reply