Alloggiare a Berlino con soli 100€? Adesso nelle Tiny Houses si può!

4797864003_0f1283dc39_b

Trovare alloggio ad un prezzo accessibile a Berlino sta diventando sempre più difficile. Come ovviare a questo problema? Un collettivo di designer berlinesi ha sviluppato le “Tiny Houses” il cui costo è di soli 100€ al mese.

Trovare casa a Berlino diventa sempre più problematico: la richiesta di stanze aumenta giorno dopo giorno, e i prezzi sono arrivati alle stelle. Vivere nella capitale tedesca può sembrare un’utopia a volte. Tuttavia, negli ultimi tempi un collettivo di artisti e designer berlinesi ha progettato una serie di Tiny Houses, il cui costo di affitto è di 100 euro al mese. Energia elettrica, riscaldamento e connessione internet sono inclusi. Nei prossimi mesi è prevista la costruzione di 20 piccole unità abitative nel giardino di un museo di Berlino.

Il progetto

Il Bauhaus Archiv, il museo di design di Berlino, ha presentato venerdì 10 Marzo 2017 un progetto dal titolo “100-Euro-Wohnung”, ovvero “Appartamento a 100 Euro” che mette a disposizione nei prossimi mesi una serie di mini case di 6,4 m². Queste minuscole casette di legno su ruote sono munite di angolo cottura, servizi igienici, doccia, scrivania, divano e una zona notte, che può essere utilizzata anche come piccolo studio. La camera è raggiungibile tramite una scaletta; i grandi specchi e le enormi finestre la fanno sembrare molto più spaziosa, evitando in questo modo che l’inquilino si senta invaso da una sorta di claustrofobia. L’architetto del progetto è Van Bo Le-Mentzel, che nei primi mesi del 2016 ha fondato la Tinyhouse University, in collaborazione con un collettivo di designer berlinesi composto da artisti, attivisti e rifugiati. L’idea nasce dal presupposto che la vita in città dovrebbe essere accessibile a tutti indipendentemente dalle condizioni economiche. Il progetto prevede la creazione di complesso residenziale, in cui ogni abitante ha il suo mini appartamento. Altri 42 m² saranno adibiti a spazio comune dove gli inquilini possono cucinare, mangiare e lavorare assieme.

L’esperimento

A provare per la prima volta l’esperienza della Tinyhouse è stata Katrin Hoffman, ingegnere presso la TinyHouse University, che nel dicembre 2016 ha vissuto in un primo modello di mini casa per capire bene come disegnare l’arredamento e come suddividere al meglio gli spazi. Nonostante questi ultimi siano limitati, l’unità abitativa contiene tutto il necessario, compresa una toilette compostante, ossia un wc che trasforma i rifiuti umani in compost, o terriccio. All’epoca dell’esperimento di Katrin, la corrente elettrica e l’acqua sono state concesse da un ristorante vicino, e per il riscaldamento la casetta è stata dotata di una stufa a legna. Da casa sua Katrin ha portato soltanto spezie e posate.

È ormai chiaro a tutti che in un mondo di quasi 10 miliardi di persone c’è sempre più bisogno di creare nuovi concetti di vita innovativi e convenienti. Non meno importanti sono lo sguardo verso un trend minimalista e l’idea che per essere felici non serva poi molto.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Nicolás Boullosa CC BY-SA 2.0

 

Related Posts

  • di Barbara Collevecchio* Tra poco saranno due anni che mi sono trasferita. Il bilancio per me è positivo nonostante abbiano cercato di truffarmi e sia in causa con due tedeschi. Vincerò perché ho ragione, passiamo ad altro. Amici: molti hanno cercato di sfruttarmi, per lo più italiani, anzi solo italiani.…
  • Trovare una casa a Berlino, o anche solo una stanza, è di per sé uno dei motivi che spaventano molti stranieri dal trasferirsi in questa città. Vi abbiamo più volte raccontato di come trovare un alloggio in questa metropoli cosmopolita possa essere un’avventura che dura mesi, periodo durante il quale…
  • La mia esperienza Erasmus a Berlino si è ormai conclusa da circa un anno e mezzo, eppure mi sembra ieri il giorno in cui arrivavo per l’inizio di quest’incredibile avventura… l’atterraggio, l’incontro con il mio buddy, la notte in ostello prima di iniziare il vero adattamento in terra tedesca: la vita…
  • di Pièe Piny La mia esperienza con l'agenzia XXXXXX XXXXXXX, non italiana, con nome inglese e base a Berlino, ha inizio a novembre del 2015. Dopo essermi trasferito a Berlino comincio, con molte difficoltà, a cercare casa. Guardo su vari siti. Su una celebre piattaforma  di case in affitto che ti permette di…
  • Dopo qualche anno di vita all'estero, l'espatriato tende generalmente a farsi prendere dalla nostalgia e a dimenticare gli aspetti positivi del Paese e della città che lo ospitano. Passata la fase di euforia ed entusiasmo iniziali in cui il grigio meteo berlinese e la cosiddetta Berliner Schnauze (atteggiamento eccessivamente schietto e…

Leave a Reply