«Unione Europea sembrava il sogno irrealizzabile di pochi, ora è realtà per molti». Non buttiamola via

Unione Europea - Ambasciata Italiana a Berlino

Unione Europea, Giovani e Futuro ecco le parole chiave della tavola rotonda promossa ieri dalla fondazione Schwarzkopf presso l’ambasciata Italiana a Berlino

In occasione del sessantesimo anniversario del Trattato di Roma la Fondazione Schwarzkopf ha promosso presso l’ambasciata Italiana a Berlino un incontro tra giovani che verteva su tutte quelle tematiche maggiormente sentite nell’Unione Europea, e nel mondo. Partecipazione politica, lavoro, occupazione, integrazione, ecco alcuni dei temi toccati.

L’incontro di Berlino

Ad aprire la discussione è stato l’ambasciatore italiano a Berlino Pietro Benassi. Ha esordito citando il motto dell’Unione Europea «In varietate concordia». Centro del suo discorso sono stati i giovani e il loro rapporto con l’Unione Europea. Tutti i ragazzi dalla fine degli anni Ottanta in poi hanno potuto godere di uno strumento rivoluzionario, l’erasmus. Hanno avuto la possibilità di vivere all’estero, confrontarsi con realtà nuove, arricchirsi e tutto ciò non sarebbe stato possibile senza la nascita dell’Unione Europea. Questo è un punto di forza dell’UE da cui partire per creare maggiore consapevolezza e coesione.

All’ambasciatore è seguito l’intervento del rappresentante della Commissione europea in Germania, Richard Kühnel. Per quest’ultimo «dopo 60 anni l’Unione Europea è ancora giovane» ed è arrivato il momento che tutti si chiedano «cosa vogliamo essere, cosa vogliamo che l’Europa diventi». Per Kühnel bisogna puntare sui giovani. I ragazzi infatti sono quelli che più di tutti si sentono europei, circa l’82% si definisce tale a differenza dei più vecchi che vedono nell’Unione Europea il nemico. «Pace, libertà, mobilità, scambi» queste sono le parole per Richard Kühnel che meglio definiscono l’UE ed è da queste che bisogna far partire  ogni riflessione sul futuro.

Sophie Hall, Vincent Herr, Simone Romano, Maximilian Kall questi i nomi dei quattro ragazzi che hanno presieduto alla tavola rotonda e che hanno risposto alle domande del pubblico. Sophie è una ragazza con doppia cittadinanza Brittanica e Svizzera con  titolo accademico di ricerca avanzata (Mphil) in Comparative Social Policy conseguito presso l’Università di Oxford ed è membro del Consiglio della Fondazione Schwarzkopf. Vincent è un cittadino tedesco, attivista ed autore di “Heer&Speer“. Simone è un cittadino italiano, professore di Macreconomia, economia internazionale e politica economica qui a Berlino come visiting professor presso la libera università di Berlino.  A moderare la discussione è stato chiamato Massimilian, membro del Youth Policy Labs. I quattro hanno sviluppato una conversazione brillante su le tematiche europee senza mai scadere nel banale e rispondendo in maniera esauriente a tutte le domande del pubblico.

Fondazione Schwarzkopf

Creata nel 1971 ad Amburgo la Fondazione lavora con passione per interessare i giovani alla politica e per promuovere il processo di unificazione europea. Il loro obiettivo  è quello di far sviluppare un dialogo tra i giovani, di età  compresa tra i 16 e 28 anni, con  personalità di spicco del mondo della politica, dell’economia e della cultura. Per raggiungere questi obiettivi offrono lezioni, organizzano seminari, dibattiti , visite alle ambasciate. Tutto questo per favorire lo scambio diretto con gli ambasciatori, i ministri federali, giornalisti, deputati europei, commissari europei, primi ministri, scienziati e artisti. Per la Fondazione Schwarzkopf solo vivendo in prima persona e consapevolmente l’Unione Europea i giovani possono essere in grado di sentire la politica vicina e di prendere parte al processo politico.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto di copertina: © Achim Raschka CC-BY-SA-3.0

Related Posts

  • Tra i tanti luoghi abbandonati o nascosti di Berlino ce n'è uno con una storia così unica che sarebbe degno da solo di un film .L’ex ambasciata irakena di Berlino Est su Tschaikowskistraße 51 è ormai un brutto edificio della zona di Pankow (un’area che, prima della caduta del muro, era…
  • Josef Schulz è un fotografo polacco stabilitosi in Germania. Uno dei suoi progetti fotografici si chiama Übergang, «Passaggio». Schulz ha viaggiato in tutta Europa alla ricerca di posti di frontiera abbandonati, con lo scopo di fotografarli per mostrare un lato diverso della storia europea e metterci in guardia per il futuro.…
  • Il Regno Unito esce dall'Unione Europea. Non sappiamo come, se i parlamentari britannici di Bruxelles da domani non voteranno più, se gli stessi immigrati europei, italiani, francesi o spagnoli che siano, potranno rimanere e beneficiare di diritti identici a quelli dei britannici o meno, se e come saranno le conseguenze…
  • -Ambasciatore lo sappiamo che lei non si esporrà più di tanto nelle risposte e non tanto perché non vuole, ma perché non può dato il suo ruolo. Ed è un peccato perché quando lei parla in pubblico, e l’abbiamo già visto fare spesso, lei risulta un vero intrattenitore. Mai banale,…
  • Giovedì 28 luglio 2016, l'ambasciatore italiano a Berlino Pietro Benassi ha fatto visita alla redazione di Berlino Magazine. Durante l'incontro, ospitato presso la sede di Berlino Magazine/Berlino Schule in Gryphiusstraße 23, si è parlato di immigrazione italiana a Berlino e in Germania, della mancata iscrizione all'AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) di tanti…

Leave a Reply