Ambiq, il fenomenale trio di Berlino che unisce impro-jazz ed elettronica

Quando tre grandi musicisti decidono di fare un progetto insieme il risultato non può che essere interessante. Per esempio, prendete un batterista di fama internazionale, un clarinettista pluripremiato e un importante producer e avrete Ambiq, lo straordinario gruppo berlinese a cavallo tra jazz ed elettronica che due settimane fa si è esibito alla Volksbühne insieme a un mostro sacro come Riccardo Villalobos. Il trio è formato da Samuel Rohrer, Claudio Puntin e Max Löderbauer. I tre artisti lavorano insieme a questo progetto dal 2013 e i loro album sono prodotti da arjunamusic, etichetta fondata da Samuel Rohrer.

La nascita. Il progetto nasce a Berlino nel 2012 quando Puntin, dopo aver assistito al Berghain al concerto di Villalobos e Löderbauer, propone a quest’ultimo di collaborare con lui e Rohrer. L’idea è quella di combinare la musica elettronica con gli strumenti acustici e lasciare che la creatività dei musicisti si esprima liberamente. L’improvvisazione è tipica nel mondo del jazz e i tre cercano di applicare questa spontaneità anche alla musica elettronica. Il suono fluisce in modo naturale e ognuno dei musicisti si esprime liberamente creando qualcosa di sempre unico e sorprendente. La musica è totalmente improvvisata, ricca di variazioni interessanti e sperimentali, capaci di rapire il pubblico.

L’album e le collaborazioni. Nel 2014 Ambiq registra il primo album, undici tracce totalmente improvvisate per sperimentare insieme sonorità nuove. Il lavoro più importante è quello di ricerca e studio che ognuno dei musicisti svolge prima di suonare insieme. Il risultato è una combinazione di free jazz e musica ambient che la rivista francese Beatalair.com ha definito jazz minimalista. Sempre pronti a osare, i tre artisti hanno chiesto a Ricardo Villalobos, amico di lunga data di Löderbauer, di produrre un remix di uno dei brani del loro primo album. Nasce così una collaborazione: con Villalobos il trio si è esibito dal vivo domenica 24 aprile al Radialsystem V. La fama di Villalobos e la bravura di Ambiq hanno fatto il tutto esaurito. Il risultato è stato stupefacente, come hanno confermato i lunghi applausi finali. Il prossimo concerto degli Ambiq sarà a Londra, ma qui a Berlino ci auguriamo di risentirli presto!

HEADER-SCUOLA-DI-TEDESCO

Foto di copertina © Ambiq-Pagina Facebook

Leave a Reply