Ascoltare il suono del buio: a Berlino vanno di scena le (italiane) Lezioni di tenebra

[sharethis]

*di Maria Severini

Di fianco all’ingresso principale dello Schillertheater, che ospita ormai da tempo l’Opera di Stato di Berlino, c’è uno spazio – chiamato Werkstatt – adibito solo alla musica contemporanea. Uno dei lavori proposti nella stagione 2013/2014 è quello di una compositrice italiana, Lucia Ronchetti. Nata a Roma nel 1963, con alle spalle una formazione cosmopolita, Lucia Ronchetti,  come talvolta accade, è più nota all’estero che nella penisola.Lezioni di tenebra, prima assoluta nel 2010 sempre a Berlino ma al Konzerthaus, torna nella capitale tedesca dopo un lungo peregrinare (Roma, Berlino, Salisburgo, Hannover).

Il lavoro della Ronchetti è “uno studio sulle metafore del buio e della cecità”, che prende spunto dalla rivisitazione del mito di Giasone proposta da Giacinto Andrea Cicognini (1606-1650) per l’opera di Francesco Cavalli, Il Giasone. Cicognini, fiorentino di nascita, fu un noto e prolifico drammaturgo:  la sua produzione drammatica è davvero ricchissima. Al centro della rivisitazione della Ronchetti c’è la relazione amorosa tra Giasone e Medea, che si sviluppa priva del contatto visivo: si amano nell’ombra, senza riconoscersi, senza vedersi.

…continua a leggere l’articolo su Zingarate

 

Maria Severini

Maria Severini, laureata in Musicologia, gironzola per le strade di Berlino ormai da qualche anno. L’unico modo che ha trovato per combattere l’astinenza dal sole è fare scorpacciate di concerti.

Leave a Reply