Auto in città: ecco come reagiscono gli automobilisti napoletani alle multe inaspettate (Video)

Un video che ci aiuta a sorridere di prima mattina, quando mille pensieri ci affliggono o semplicemente cerchiamo di combattere la pigrizia di chi sarebbe volentieri rimasto sotto le coperte. Prima di dire di più sulla sua genesi, vale la pena di vederlo. Protagonisti sono gli automobilisti napoletani.

Come avrete potuto vedere lo scopo del video va al di là del suscitare ilarità nello spettatore. L’intenzione dei suoi autori infatti è ben riassunta nel messaggio finale: “Lascia a casa l’auto. Ad essere promosso è il progetto Bike Sharing Napoli dell’associazione Cleanap, mentre la fase  realizzativa è stata curata dal collettivo dei The Jackal, società di produzione sempre più celebre per i tanti video virali da loro prodotti negli ultimi due anni.

Si tratta di un video virale, che riprende il classico schema della candid camera, ma lo fa con una funzione innovativa e sociale: sensibilizzare alla mobilità sostenibile e lanciare un messaggio alla città, le biciclette condivise possono essere una valida alternativa, anche a Napoli” affermano i responsabili del progetto. “Dopo tre minuti di spaccato di vita quodiana dato da reazioni più o meno colorate a multe create ad hoc dalla produzione, l’invito è ad andare oltre, sperando che il sistema di bike sharing oggi in fase sperimentale fino a maggio 2015, possa diventare una realtà consolidata”. La speranza è che si possa bissare il successo di bikeMi, servizio offerto dal comune di Milano, ad oggi il più grande esempio di bike sharing su scala nazionale. A Berlino, da dove scriviamo, il bike sharing è molto meno comune: ognuno ha la sua bici e la cura come fosse un auto. Chissà che un giorno non sia così anche in Italia.

Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito ufficiale del progetto

Related Posts

  • Cinque partite senza segnare un goal. Nel 2012 l'FC Magdeburg, squadra della lega regionale tedesca, si trovò a passare un pessimo momento in fase realizzativa. Fu per questo che i propri tifosi, poco meno di tremila, inscenarono una divertentissima coreografia per ricordargli dove indirizzare la palla. Secondo quanto scrisse il…
  • Va bene la foto, ma lei vorrebbe anche parlare, scambiare qualche punto di vista, non essere usata come un trofeo. Ed invece no. "Puoi taggarmi su Twitter?". Questa è la risposta che riceve... Kirsten Dunst è la protagonista del cortometraggio Aspirational, poco più di 160 secondi capaci di condensare molte…
  • Si intitola Berlin, Berlin: Autumn ed è diretto dal regista statunitense, ma di origini salvadoregne, Nehemias Colindres. Si mostra la capitale tedesca attraverso delle brevi scene piene di luci soffuse o notturne mentre un testo poetico sulle sensazioni di chi qui ha deciso di spostare la propria esistenza, viene recitato…
  • La canzone Despacito del portoricano Luis Fonsi è ormai diventata una hit virale in tutto il mondo. Melodia orecchiabile e ritmo coinvolgente sono le caratteristiche del brano che hanno reso possibile la sua virale diffusione. Se però molti amano profondamente la canzone, altrettanti sostengono di odiarla: è su questo tema che gioca…
  • Artigiani della pizza? Sì, ma con lo stesso ingegno gli italiani sono anche leader nella creazione di grandi infrastrutture, ben 1000 in novanta paesi diversi. Latin Lover? Sì, ma siamo anche quinti leader al mondo nel commercio di manufatti di qualità. Amanti delle feste? Si, ma... Non capita spesso, anzi, forse…

Daniela Pititto

La lingua tedesca e la Germania sono la mia grande passione da quando ero una teenager sfigata con l'apparecchio fisso ai denti. Da allora sono cresciuta, vado dal dentista solo ogni 6 mesi e mi occupo di comunicazione aziendale e PR. Segni particolari: parlo (anche) al contrario. Sogno particolare: poter gustare i veri panzerotti pugliesi anche in Germania.

One Response to “Auto in città: ecco come reagiscono gli automobilisti napoletani alle multe inaspettate (Video)”

  1. colones

    Io sono senza parole. Nessuno si è posto il problema “possibile non aver visto il cartello prima?”, perché i cartelli non si guardano, deve solo andarti bene che non passi nessun vigile mentre tu stai, consapevolmente, in divieto di sosta. Il problema non è l’infrazione in sé, ma il dover pagare, consci comunque del proprio torto. Non mi pare una gran trovata pubblicitaria, è solo l’ennesimo triste spaccato della realtà italiana.

    Rispondi

Leave a Reply