Beatles, Pink Floyd, Oasis e Radiohead: a Berlino apre l’Abbey Road Institute

Location d’eccezione per la nuova sede berlinese del famoso istituto musicale Abbey Road, che ha aperto ad ottobre nel 2015 la propria sede berlinese negli ex magazzini di sale sul canale Salzufer a Charlottenburg.

I magazzini sono collegati alla base principale attraverso la via fluviale del sale. Più precisamente quella che oggi è l’area più conosciuta e frequentata di Berlino, l’isola dei Musei. Quest’ultima era appunto un’area di stoccaggio per il commercio, prima che l’architetto Schinkel iniziasse a progettare le bellissime strutture museali che oggi decorano l’isola.

Nell’ex area industriale su Salzufer, già da tempo riqualificata, sono sorte varie firme, ma anche club e luoghi per la vita notturna. Tra questi si inserisce perfettamente la nuova sede della Abbey Road, gli storici studi fondati a Londra nel ’31, come primo istituto prettamente dedicato allo studio della registrazione musicale in tutto il mondo. Fu anche sede di registrazioni sperimentali e innovazioni pionieristiche nella tecnologia del suono, che vanta una movimentata storia negli 80 anni.

The Beatles, Pink Floyd, Oasis, Radiohead sono solo alcuni degli artisti che hanno registrato in questi leggendari studi che possiedono una collezione unica di microfoni, offrendo una combinazione unica e senza precedenti di apparecchiature audio storiche e tecnologia di registrazione avanzata.

Abbey Road Institute Berlin

Indirizzo: Salzufer 15-16,

10587 Berlino. (Edificio B, 1°piano)

https://abbeyroadinstitute.de/de

Ricerche a cura di: Z.Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza periodicamente esplorazioni urbane e guide tematiche alla città

 

 

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

Leave a Reply