Beni confiscati alla mafia: a Berlino arriva “Terre di musica”, il documentario firmato Parto delle nuvole pesanti e Carovana antimafia

[sharethis]

Sono i primi anni ’90 quando, a Bologna, l’incontro di Salvatore De Siena, Peppe Voltarelli e Amerigo Sirianni dà vita al Parto delle nuvole pesanti, gruppo folk-rock dal nome poetico ed enigmatico, dedito all’impegno civile fin dal demotape Guerra al salario e dal singolo Raggia, poi reso famoso, tra le altre cose, dal remake di Ho visto anche degli zingari felici di Claudio Lolli e dal brano Onda Calabra, colonna sonora di Qualunquemente di Antonio Albanese.

Nel 1994, a un anno e mezzo dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, nasce invece da un’idea dell’Arci Sicilia la Carovana Antimafie, che si propone di offrire “solidarietà a coloro che in prima fila operavano per portare legalità democratica, giustizia e opportunità di crescita sociale nel proprio territorio, di sensibilizzare le persone per tenere alta l’attenzione sul fenomeno mafioso, di promuovere impegno sociale e progetti concreti”. Dal 1996 la Carovana, con l’aiuto di Libera e Avviso Pubblico è diventata nazionale e internazionale, costituendo un “grande laboratorio itinerante” sui temi della giustizia, della democrazia e della legalità.

Oggi, a distanza di vent’anni, queste due esperienze sono confluite in un progetto musicale e culturale, Terre di musica – Viaggio tra i beni confiscati alla mafia, che venerdì 16 ottobre fa tappa anche a Berlino, organizzato da Mafia? Nein Danke e ospitato da Berlino Magazine presso la sede di Gryphiusstraße.

Si tratta di un “progetto musicale e culturale ideato da Salvatore De Siena e realizzato dalla band in giro per l’Italia nell’arco di due anni, con la collaborazione di Arci e Libera. Un viaggio a tappe da Corleone a Trapani, dalla Piana di Gioia Tauro ad Isola Capo Rizzuto, da Mesagne a Cerignola, da Casal di Principe a Castel Volturno, fino a Roma, Bologna, Torino e Milano, per documentare l’esperienza dei beni confiscati alla mafia, raccontare le storie delle tante persone, spesso giovani, che ci lavorano tra mille difficoltà, intimidazioni e vandalismi, e far comprendere che i beni confiscati non rappresentano solo un valore simbolico, ma anche una risorsa, un modello di sviluppo economico e sociale alternativo.
Un viaggio emozionante e umanamente arricchente, fatto con la convinzione che la legalità possa svilupparsi a partire dalle piccole azioni e che la musica, il cinema, la letteratura siano linguaggi capaci di arrivare alla gente con maggiore facilità e immediatezza”.

A partire dalle 20.30, sarà proiettato il documentario che riassume questo viaggio tra le ferite e l’orgoglio del Mezzogiorno d’Italia e ci sarà ampio spazio per l’incontro e il dibattito con alcuni dei suoi protagonisti, in particolar modo con Salvatore De Siena del Parto e con Alessandro Cobinachi, fondatore della Carovana. Un appuntamento da non perdere, perchè il lavoro culturale, l’aggregazione e la distruzione dei coni d’ombra intorno al fenomeno mafioso sono tra i migliori antidoti per combattere la piaga della criminalità organizzata.

Terre di musica – Viaggio tra i beni confiscati alla mafia
Parto delle nuvole pesanti a Berlino – documentario e incontro


Quando
Venerdì 16 Ottobre alle ore 20.30

Dove
Berlino Cacio e Pepe Magazine
Gryphiusstraße 23 – Friedrichshain – 10245 Berlino

Ingresso libero

Links
http://www.partonuvolepesanti.com/
http://www.carovanaantimafie.org/
http://mafianeindanke.de/home/

Related Posts

  • Berlino dice no alla mafia con una lettura pubblica dei nomi delle vittime innocenti del crimine organizzato La mafia è un problema sempre più internazionale, ma per fortuna c'è chi dice no. Grazie all'associazione Mafia? Nein danke! a Berlino verranno letti pubblicamente i nomi delle vittime innocenti del crimine organizzato,…

Leave a Reply