Berlinale: Helle Nächte, la recensione del film tedesco sul conflitto padre-figlio

Diretto dal regista Thomas Arslan, Helle Nächte (Bright Nights) è uno dei tre film tedeschi in concorso alla 67esima edizione della Berlinale. Al centro della pellicola il conflitto tra un padre e un figlio che non riescono a comunicare, dispiegato durante un viaggio in macchina per la Norvegia nel periodo delle notti bianche.

La trama

Michael (Georg Friedrich), ingegnere civile austriaco residente a Berlino, viene a sapere della morte del padre che non incontra ormai da anni. Al fine di occuparsi delle formalità legate alla sepoltura, Michael parte per la Norvegia, luogo dove il padre viveva solo, e decide di portare con sé anche il figlio adolescente Luis (Tristan Göbel). Michael si è separato presto dalla madre di Luis e con il figlio non ha un vero e proprio rapporto. Consapevole degli errori commessi in passato, Michael cerca di sfruttare il viaggio per riconciliarsi con Luis, il quale però lo respinge continuamente.

Un conflitto irrisolto

Il film di Arslan riesce a ritrarre efficacemente il dramma di un uomo che ha commesso diversi errori nel suo ruolo di padre e che a fatica cerca di recuperare il rapporto col figlio, che non sembra interessato. Arslan sceglie di lasciare aperto il conflitto: i chilometri macinati in auto e a piedi per una Norvegia in cui il sole non tramonta mai non corrispondono a dei progressi nell’avvicinamento tra i due. Se il punto di forza della pellicola è l’intensa interpretazione del cast che riesce a trasmettere con empatia la difficoltosa ricerca di dialogo tra padre e figlio, Helle Nächte soffre della mancanza di ritmo e soprattuto di una struttura drammaturgica: il risultato è un film ben recitato e carico di potenzialità, ma purtroppo sprecato perché statico e irrisolto.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Helle Nächte | Bright Nights – Wettbewerb 2017 -DEU/NOR 2017 – von: Thomas Arslan – Tristan Göbel, Georg Friedrich © Schramm Film / Marco Krüger

Related Posts

  • Beuys del regista Andres Veiel è uno dei film tedeschi in concorso alla 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino. Come dice il titolo stesso, il documentario è dedicato alla figura di Joseph Beuys, pittore, scultore e perfomer tedesco conosciuto come "l'uomo col cappello". Frutto di uno straordinario lavoro di ricerca…
  • The Other Side of Hope (titolo originale: Toivon tuolla puolen), il nuovo film del cineasta finlandese Aki Kaurismäki, si è aggiudicato l'applauso più forte della 67esima edizione della Berlinale, almeno finora. Al centro della pellicola l'odissea di un rifugiato siriano in cerca d'asilo in Finlandia che Kaurismäki racconta con la sottile ironia cui ci…
  • Il regista cileno Sebastián Lelio, già vincitore nel 2013 dell'orso d’argento per la migliore attrice con il film Gloria, torna alla Berlinale con la sua nuova pellicola Una mujer fantastica. La trama Il film racconta la storia di Marina (Daniela Vega), giovane donna transgender alle prese con l'improvvisa morte del…
  • Dal 9 al 19 febbraio 2017 la capitale tedesca si trasforma in teatro della 67esima edizione della Berlinale, il Festival internazionale del cinema di Berlino. Tantissimi sono i film che, suddivisi in 13 diverse sezioni, verranno mostrati nei dieci giorni di festival. Impossibile vederli tutti. Difficile stabilire con certezza quali vale…
  • Come già alla scorsa edizione del Festival, la star indiscussa della Berlinale 2017 è l'orso di Berlino, protagonista di tutte le locandine curate dall'agenzia pubblicitaria svizzera Velvet Creative Office. La scelta di ritrarre l'orso nel manifesti del Festival non è affatto casuale: l'orso rappresenta infatti il simbolo della capitale tedesca. Le sei…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply