Berlinale: Una mujer fantastica, la recensione del film sulla storia di una transgender

Il regista cileno Sebastián Lelio, già vincitore nel 2013 dell’orso d’argento per la migliore attrice con il film Gloria, torna alla Berlinale con la sua nuova pellicola Una mujer fantastica.

La trama

Il film racconta la storia di Marina (Daniela Vega), giovane donna transgender alle prese con l’improvvisa morte del compagno Orlando per aneurisma. Marina non dovrà soltanto lottare con il dolore del lutto, ma anche con il rifiuto da parte dei figli e della ex moglie del defunto compagno che non accettano la sua presenza ai funerali né rispettano la sua sofferenza. Ai loro occhi l’identità sessuale di Marina rappresenta una perversione, una malattia da tenere lontana anche a costo di cancellarla dal passato di Orlando, che aveva lasciato la famiglia per stare con la donna (transgender) che amava.

Il ritratto impeccabile di una donna fantastica

«Sono terribilmente attratto da donne fantastiche» ha spiegato in conferenza stampa il regista che tre anni dopo Gloria conferma la sua bravura nel ritrarre la protagonista del suo nuovo film. Marina rappresenta una donna considerata “diversa”. Lelio descrive efficacemente le sue umiliazioni: in maniera imparziale, semplicemente mostrandole e mettendo a fuoco la protagonista, interpretata dall’intensa Daniela Vega. Marina deve subire orribili pressioni da parte della ex famiglia di orlando: prima dovrà riconsegnare la macchina del compagno, poi lasciare l’appartamento, infine dovrà separarsi dal cane che le era stato affidato. «Non rubare nulla» le viene intimato, come se la sua transessualità fosse un virus in grado di scatenare la cleptomania. Sebbene ci sia una chiara denuncia verso la falsità degli ambienti della borghesia cilena, Una mujer fantastica è una storia universale, che potrebbe essere ambientata in qualsiasi Paese occidentale (pseudo)civilizzato.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Una mujer fantástica | A Fantastic Woman – Competition 2017 – CHL/USA/DEU/ESP 2017 – by: Sebastián Lelio – Daniela Vega

Related Posts

  • Questa 67esima edizione della Berlinale si presenta ricca di film che mirano a tematizzare capitoli storici importanti, ma di rado affrontati sul grande schermo: tra questi c’è il film Viceroy’s House (fuori concorso), diretto dalla regista indiana Gurinder Chadha, arrivata al successo internazionale con Sognando Beckham. La pellicola sceglie di prendere le mosse…
  • La sezione dei film in concorso alla Berlinale 2017 è completa. Annunciati i 18 film che correranno per l'Orso d'oro nella 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino dal 9 al 19 febbraio 2017. Venerdì 20 gennaio i Berliner Festspiele hanno reso noti gli ultimi titoli che vanno a…
  • Dal 9 al 19 febbraio 2017 la capitale tedesca si trasforma in teatro della 67esima edizione della Berlinale, il Festival internazionale del cinema di Berlino. Tantissimi sono i film che, suddivisi in 13 diverse sezioni, verranno mostrati nei dieci giorni di festival. Impossibile vederli tutti. Difficile stabilire con certezza quali vale…
  • Come già alla scorsa edizione del Festival, la star indiscussa della Berlinale 2017 è l'orso di Berlino, protagonista di tutte le locandine curate dall'agenzia pubblicitaria svizzera Velvet Creative Office. La scelta di ritrarre l'orso nel manifesti del Festival non è affatto casuale: l'orso rappresenta infatti il simbolo della capitale tedesca. Le sei…
  • L'adattamento cinematografico del romanzo The Dinner dell'autore olandese Herman Koch, diretto dal regista israeliano Oren Moverman, festeggia la première mondiale alla 67. edizione del Festival del cinema di Berlino. La trama Già adattato fra gli altri dall'italiano Ivano De Matteo (I nostri ragazzi), il romanzo di Koch fornisce ottimo materiale…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

Leave a Reply