A Berlino il Christopher Street Day 2016: «Più diritti e sicurezza per la comunità LGBT»

Danke für nix: torna domani con questo slogan provocatorio il Christopher Street Day (CSD), la parata della comunità LGBT che ogni anno anima il centro di Berlino con il suo colorato corteo. Per l’edizione 2016, la 38esima, la parola d’ordine è appunto l’equivalente dell’inglese thanks for nothing: come a dire alle istituzioni cittadine (e nazionali) che dal CSD 2015 poco o nulla è stato fatto per migliorare le condizioni di vita, di lavoro e di sicurezza di lesbiche, gay, bisessuali, queer e transessuali in Germania.

Il corteo. La parata, che comincerà sabato 23 luglio intorno alle 12 in zona Kurfürstendamm (altezza Joachimsthaler Straße), si articolerà in due spezzoni: quello dei “pedoni” e dei carri e quello dei camion con musica a palla, che improvviseranno una discoteca itinerante. I manifestanti celebreranno, come ogni anno, la molteplicità degli orientamenti sessuali e rivendicheranno maggiore apertura e integrazione nei confronti dell’universo LGBT. Per la cerimonia di apertura sarà presente anche il sindaco di Berlino, Michael Müller. Intorno alle 12:30 ci sarà la partenza effettiva del corteo, che si snoderà lungo Wittenbergplatz, Nollendorfplatz (da circa un secolo punto di ritrovo della comunità gay berlinese), Lützowplatz, per poi transitare nei pressi della colonna della Vittoria e avviarsi verso il palco principale di Brandenburger Tor. Qui, dalle 16:30, il programma proseguirà con interventi dal palco e concerti – reggae, hip hop, techno – fino a sera. Tra gli ospiti anche il celebre dj Wankelmut.

800px-CSD_Berlin_2007_-_Partytruck_1
Photo © Jörg Kanngießer

Le principali rivendicazioni 2016. La lista delle rivendicazioni per il 2016, come sottolineato dalla portavoce del CSD Tatjana Meyer in un’intervista al Berliner Morgenpost, è praticamente la stessa dell’anno precedente: equiparazione legale delle unioni civili al matrimonio eterosessuale (storica transizione già avvenuta nella Chiesa evangelica del Brandeburgo), adozione (al momento la eingetragene Partnerschaft prevede solo la stepchild adoption), lotta alla discriminazione, promozione della varietà degli orientamenti sessuali e degli stili di vita come fondamento di democrazia. «Tutte richieste già presentate nel 2015», fa notare la Meyer, e «tutte andate puntualmente disattese». Tra i punti caldi del CSD 2016 c’è anche il tema sicurezza: la parata, insieme al Karneval der Kulturen, è l’evento pubblico cittadino più affollato (l’anno scorso si registrarono 750.000 presenze) e, dopo i fatti di Orlando, molti temono il rischio attentati. La polizia di Berlino fa sapere che adotterà misure di sicurezza adeguate ma, per il momento, non ci sono numeri ufficiali sul dispiegamento di forze.

banner3okok (1)

Foto di copertina © Wikipedia – David Doherty

Related Posts

  • Christopher Street Day a Berlino: ogni anno la parata per i diritti LGBT colora la città. Quest'anno un corteo che parte da Kurfürstendamm per arrivare alla Porta di Brandeburgo e rimanere in festa fino a sera. Domani, 22 luglio torna il Christopher Street Day (CSD), la parata della comunità LGBT che…
  • È stata una grande giornata di festa capace di lasciarsi alle spalle i timori di un attentato sulla scia di quello di Monaco accaduto la sera prima (e che già durante la notte precedente si era inquadrato come il gesto di un folle). Berlino capitale dei gay e del gay-friendly:…
  • Berlino. La polizia di Berlino indaga su un caso di aggressione omofoba: la vittima è un 21enne assalito dopo il Christopher Street Day, la parata LGBT tenutasi lo scorso sabato tra Kurfürstendamm e Brandenburger Tor. I fatti. Il 21enne si trovava in Luxemburger Straße in compagnia di un ventenne dopo la fine del…
  • Di seguito una piccola guida agli eventi da non perdere venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 luglio 2017. 1.BERLIN BEER WEEK  Torna a Berlino la Berlin Beer Week, con la terza edizione del festival della birra artigianale in Germania. Dopo il successo delle due precedenti edizioni, l'evento di apertura…
  • La Germania è il Paese europeo con la più alta popolazione LGBT: lo rivela uno studio pubblicato dalla società berlinese Dalia Research GmbH condotto in 28 Paesi UE su un campione di oltre 10.000 persone. Come riportato da Vice Deutschland e Dazed, il 7,4 percento della popolazione tedesca si dichiara gay e lesbica (i quesiti non…

Leave a Reply