Berlino e il sogno di un’autostrada per bici sotto la metro da Kreuzberg a Charlottenburg

Un’autostrada ciclabile di 9 km che viaggi sotto il percorso della linea metropolitana U1, l’unica a viaggiare per lunghi tratti in superficie, e che colleghi la fermata di Zoologischer Garten a quella di Warschauerstrasse.

Se ne parla da due anni, ma ancora è in discussione la sua approvazione da parte del Comune. La sua realizzazione non solo permetterebbe di allargare lo spazio pedonale sui marciapiedi di Skalitzer Strasse e dei rettilinei successivi, ma anche di valorizzare quella lunga striscia d’asfalto degradata tra Görlitzer Bahnhof e Kottbusser Tor. La Radbahn, che per l´80% si appoggerebbe ad infrastrutture già esistenti, dovrebbe percorrere i parchi di Kreuzberg e il canale, arriverebbe fino all’Oberbaumbrücke. Insomma una vera e propria autostrada per biciclette.

Nel team di progettisti anche tre italiani

Ad ideare  Radbahn Berlin vi sono 8 persone tra cui tre architetti italiani, Giulia Maniscalco e Stefano Tiracchia «L´idea é nata osservando lo spazio non utilizzato sotto alla struttura metallica della U1 e dalla volontà di migliorare l’infrastruttura per la mobilità ciclistica a Berlino, che non riteniamo adeguata alla quantità di ciclisti che popolano questa città e che andrebbe incentivata in modo maggiore dalle autorità cittadine. La nostra proposta è stata premiata con il Bundespreis Ecodesign 2015 nella categoria Konzept e da quando abbiamo pubblicato l’idea attraverso il sito e la pagina Facebook, siamo stati inondati da mail e feedback positivi su ogni fronte, dal normale cittadino, al politico, al progettista». A collaborare nella realizzazione dei disegni del progetto c’è poi un terzo italiano, l’architetto Carlo Miatello.

Un progetto verde che ha bisogno di aiuto

Radbahn vuole anche sottolineare il carattere “verde” della città e cercare di convincere sempre più persone ad utilizzare le due ruote come mezzo di locomozione. Spiega Stefano Tiracchia: «Negli ultimi mesi abbiamo fatto uno studio approfondito delle potenzialità della Radbahn. Questo lavoro è stato totalmente auto-prodotto anche grazie al supporto di vari sponsor e soprattutto del dipartimento di mobilità del comune che negli ultimi tempi ci sta offrendo un importante supporto. Nell’evento di presentazione del nostro studio alla stampa e al comune ci sono state molte risposte positive e gli esponenti del comune invitati si sono esposti per la prima volta a favore del progetto e questo ci fa ben sperare per una sua futura realizzazione. Nello studio che abbiamo fatto dimostriamo la realizzabilità della Radbahn, approfondendone i dettagli esecutivi e presentando una stima dei costi con il supporto di ARUP (un importante studio di ingegneria internazionale). A questo punto lasciamo la decisione al comune se procedere con le ulteriori fasi oppure no. Chiaramente sono necessari ulteriori fasi di approfondimento e progettazione e per questo abbiamo bisogno di ulteriore supporto. Il progetto è realizzabile ed ora la decisione di eseguirlo è principalmente una questione politica e non tecnica».

Per spingere il comune a sciogliere le riserve e dare vita ad una nuova viabilità a Kreuzberg e Berlino Ovest, i progettisti hanno recentemente creato un evento Facebook dal titolo Go Radbahn go!. Questo il link per mostrare il vostro supporto e partecipare all’importante raccolta di fondi.

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

 

Immagine di copertina e della Photogallery: © Reindeer renderings

Related Posts

  • Si chiama Lilium Jet e ha superato i primi test di decollo, volo e atterraggio È il primo caso di jet senza coda al mondo.  L'idea è di farne un mezzo di trasporto sia per tratte medie (300 km) che, in futuro,  all'interno della città. La particolarità di Lilium Jet è…
  • Avete mai immaginato di entrare dentro il quadro La notte stellata di Van Gogh? Il Van Gogh-Roosegaarde bicycle path è un sentiero realizzato con migliaia di pietre luminose ricoperte da una vernice che assore l'energia solare diurna per trasformarla in luce la notte. A crearlo è stato l'artista olandese Daan…
  • Problemi con i vostri coinquilini? Non siete i soli. Sophia Halmonda ci racconta la fauna berlinese attraverso una guida per riconoscere ogni tipologia di coinquilino. Trovare una stanza in affitto a Berlino può rivelarsi impresa molto complicata: tra aumento dei prezzi, file chilometriche soltanto per prendere visione dell'appartamento, selezioni spietate…
  • Un festival d'arte lì dove meno ci si aspetterebbe l'arte Späti è l'abbreviazione amichevole di Spätkauf, acquisto in ritardo, ovvero drogherie/tabaccai dove acquistare qualsiasi cosa a qualsiasi ora. La roba è spesso accatastata, ci sono junk food, bibite, sigarette, ricariche per cellulari e tanto altro, anche la possibilità - ogni…
  • Berlino è notoriamente una citta bike friendly, turisti e abitanti sfrecciano in lungo e in largo su piste ciclabili, sui marciapiedi e nella metro, padroni incontrastati delle vie cittadine. Che siate in vacanza o che ci viviate, dopo mezza giornata a Berlino capirete chi comanda sulle strade. Nonostante la città…

Leave a Reply