Berlino, fa un peto accanto a un poliziotto. La storia finisce in tribunale

peto

Nel caso in cui vi foste mai interrogati sulla legalità delle flatulenze in luogo pubblico, sappiate che a Berlino “liberarvi” davanti a un poliziotto potrebbe farvi finire nei guai.

Se avete problemi di meteorismo potreste persino finire in tribunale. È quello che è successo a Berlino a Christoph S. nel 2016. L’uomo infatti si sarebbe fatto scappare un peto in presenza di un pubblico ufficiale.

La vicenda

Era una tranquilla giornata di febbraio del 2016 quando, durante un normale controllo di routine, fermato a Rigaer Straße nel quartiere Friedrichshain, l’imputato Christoph S. avrebbe emesso un peto (per ben due volte!) nelle vicinanze di una poliziotta. Che sia stata una pura casualità o meno, questo incidente è costato a Christoph S. una denuncia da parte del team leader dell’unità di polizia. Per quest’ultimo le flatulenze incriminate rappresenterebbero un’offesa al pubblico ufficiale. Tanto da meritare un anno dopo una multa draconiana di €900.

© Berliner Zeitung 

Le reazioni

Ovviamente l’imputato non ha accettato di buon grado questa salatissima multa arrivata a un anno di distanza dall’accaduto, e ha deciso di rivolgersi a un avvocato. Così come riportato da The Local l’avvocato di Christoph S. avrebbe definito questa ammenda una vergogna. «Una cosa è che il team leader di un’unità consideri l’emissione di una flatulenza come una mancanza di rispetto nei riguardi di una sua poliziotta. Un altra è che i procuratori e i giudici siano d’accordo. Questo rappresenta un fallimento per lo Stato». Ha detto l’avvocato durante il processo d’appello, ottenendo i risultati sperati. Il giudice infatti si è schierato dalla parte dell’imputato che non dovrà più pagare la multa. Anche se fare un peto non è più considerato penalmente perseguibile, visti i precedenti conviene trattenersi. Letteralmente.

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: © The Local  

Leave a Reply