«Berlino? La mia musica ne è permeata da sempre. Suonarci sarà emozionante»

«Tutti mi continuano a ripetere che Berlino è la città perfetta per me. Sono molto curiosa di capirne il motivo, non ci sono mai stata anche se, musicalmente, le sono già legata. Qualche anno fa ho collaborato con Hans Joachim Roedelius, berlinese che proprio qui ha dato il via ad una delle più interessanti avanguardie elettroniche. E sempre a Berlino si sono incontrati due degli artisti che ho amato di più e che hanno segnato la mia formazione musicale: David Bowie e Brian Eno. Insomma, per me sarà un concerto speciale». Alessandra Celletti, una delle più note e talentuose pianiste italiane contemporanee sia come interprete che compositrice di musiche originali (ben 17 gli album pubblicati dal 1993 ad oggi, l’ultimo è Above the sky), arriva a Berlino. Lo fa con un concerto lunedì 25 gennaio 2016 alle 19.00 presso la Martin-Luther Kirche (zona Neukölln). «E’ stata una bellissima proposta che mi è arrivata da Federico Quadrelli, un giovane italiano che da qualche anno si è trasferito a Berlino. Anni fa venne a sentire un mio concerto a Milano e da allora siamo rimasti in contatto grazie alla sensibilità musicale che ci lega e alla stima reciproca».

Il programma del concerto. «Suonerò mie composizioni accanto a musiche di Erik Satie, mio autore del cuore, di Philip Glass, che proprio a Bowie e Eno si è ispirato per la sua Low Symphony, e di Eno/Roedelius. Apparentemente Erik Satie, con le sue atmosfere francesi, sembra restare al di fuori dal filo conduttore berlinese ma in realtà è proprio lui che ha ispirato Brian Eno e la sua idea di “ambient” music».

Musicisti italiani che vivono, o pensano di vivere all’estero. «Spero di poter tornare presto a suonare negli Stati Uniti. Transparency, l’etichetta discografica che mi produce sta valutando le possibilità di un tour americano. Nel ’97 ho vissuto per un periodo a Praga per studiare al Conservatorio di quella città fiabesca. E’ stato un periodo bello e affascinante, ma sono molto legata a Roma e mi piace abitare nel mio quartiere un po’ caotico e sconclusionato. Comunque non escludo mai nulla a priori…e chissà se Berlino mi conquisterà a tal punto

Portare la musica agli ergostolani «L’ho fatto l’anno scorso con un concerto a Padova. È stata un’esperienza molto profonda e spero di poterla ripetere. Sono sempre in contatto con Carmelo Musumeci, ergastolano, una persona davvero speciale. E’ nata una grandissima amicizia e stiamo anche pensando ad una futura collaborazione che leghi i suoi testi poetici e la mia musica. C’è tutto un futuro da inventare in nome della libertà, in Italia come a Berlino e nel resto del mondo».

Alessandra Celletti – Concerto

Lunedì 25 gennaio dalle ore 19:00 alle ore 20:30

Martin-Luther Kirhce

Fuldastr.48-50 Berlino

BIGLIETTI IN PREVENDITA ACQUISTABILI DA MONDOLIBRO (TORSTRASSE 159a)

Ingresso singolo: 11 €

Per gruppi a partire da 4 persone 6 € a persona

BIGLIETTI ALLA CASSA

Acquisto al momento del concerto

Ingresso singolo: 13 €

EVENTO FACEBOOK

Photo Cover ©Domenico Summa
Other Photos: © Piero Cefaloni/Renzo Pin/ Domenico Summa
HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Related Posts

2 Responses to “«Berlino? La mia musica ne è permeata da sempre. Suonarci sarà emozionante»”

  1. Catia Russo

    Mondolibro – Torstr 159 a Mitte

    Rispondi
  2. Alessandra Celletti incanta Berlino - Formiche.net

    […] italiana della capitale hanno intervistato Alessandra Celletti e aiutato nel diffondere la notizia: Berlino Magazine e Il Nuovo Berlinese. Sembra che una intera comunità si sia mobilitata. E ha […]

    Rispondi

Leave a Reply