Berlino, la migliore città per chi ama lavorare viaggiando

Berlino è il posto ideale per i “nomadi digitali”.

Un report pubblicato da PeoplePerHour, compagnia inglese volta a facilitare l’auto-imprenditorialità, ha nominato la capitale tedesca come la migliore città al mondo per i freelance. Secondo lo studio, la crisi finanziaria avrebbe spinto molti giovani a farsi imprenditori di se stessi. Oggi sempre più persone si costruiscono reti di contatti internazionali e sfruttano così la possibilità di lavorare viaggiando. Questo tipo di professionisti trova a Berlino il proprio ambiente ideale. Tra i fattori considerati determinanti per facilitare queste nuove forme di “lavoro nomade” troviamo il costo degli affitti, quello della vita e la presenza di spazi di co-working. Importante è anche il ruolo ricoperto dalla vita notturna della città che permette alle persone di condurre una vita più dinamica e interessante. È infatti risaputo che stare bene permette di lavorare meglio.

La classifica delle migliori città per i lavoratori freelance

Nella classifica delle città più adatte ai lavoratori freelance, stilata da PeoplePerHour, Berlino figura al primo posto ed è seguita da Istanbul, Bangalore, Vancouver e Lisbona. Dal 2015 al 2017 il costo degli affitti nella capitale tedesca è aumentato del 10%, un incremento che mantiene comunque il costo della vita berlinese generalmente più basso rispetto ad altre città tedesche ed europee. Nella capitale tedesca sono molte le opportunità per i giovani imprenditori, complice la Brexit che ha cancellato Londra dal panorama internazionale, facendo di Berlino la nuova capitale delle startup. Dopo Berlino, in Germania è Amburgo la seconda città a rivestire un ruolo importante per chi lavora viaggiando.

CC0 Public Domain

I digital nomads

Il nuovo millennio ha visto emergere una nuova tipologia di lavoratori: i nomadi digitali. La rivista Forbes li ha definiti come coloro che lavorano grazie alle telecomunicazioni, utilizzando spazi di co-working, librerie e bar. Sono blogger, graphic designer, programmatori, traduttori, persone che hanno la necessità di viaggiare per raggiungere i loro collaboratori. L’unica cosa di cui hanno assolutamente bisogno è un accesso a internet. Il “nomadismo digitale” è ormai diventato un vero e proprio stile di vita e trova a Berlino un centro nevralgico fondamentale. A maggio 2017 la DNX Global ha scelto proprio la capitale tedesca come sede per la conferenza annuale dei nomadi digitali. A Berlino i nomadi digitali riuscirebbero a trovare la stabilità e le strutture adatte per svolgere la propria attività.

15219630_939322122867316_1048813033620156316_n

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: cafe co working space hustle © home thods CC BY A2

Related Posts

  • 10000
    Vi siete mai chiesti cosa avvenga veramente negli spazi di coworking berlinesi? È arrivato il momento di svelare le misteriose dinamiche di queste realtà che da qualche anno a questa parte spuntano come funghi nella capitale tedesca. Berlino è la capitale tedesca delle start-up e nella corrispondente classifica europea si attesta al quarto…
  • 10000
    A Berlino esiste un caffè in cui i clienti pagano in base al tempo che vi trascorrono e non alle ordinazioni. Spesso è un’occhiataccia del personale a farci capire che il nostro tempo in un locale è scaduto, altre volte invece ci viene chiesto apertamente se per caso desideriamo ordinare…
  • 10000
    Mentre i più lamentano la metamorfosi che Berlino sta subendo a causa della galoppante gentrification, la rivista statunitense Forbes sostiene che al momento non c'è città migliore in Europa per vivere, lavorare e investire. Abbiamo già speso parole per descrivere la battaglia in corso tra i berlinesi e gli investitori per il controllo…
  • 10000
    di Alberto Agnelli* Uno degli elementi che occorre considerare quando si vuole fare il freelancer o aprire un'impresa in Germania è il carico fiscale che verrà applicato e, cioè, quanto si deve pagare in termini di imposte. Il sistema fiscale tedesco non è dissimile rispetto a quello italiano, in quanto prevede l’applicazione…
  • 10000
    Lasciare tutto e partire per aprire un'attività imprenditoriale in proprio. Dove? A Berlino, naturalmente. Gabriele e Bruna, una coppia di giovani italiani in Germania da oltre due anni, il primo settembre 2015 sono riusciti a prendere in gestione una filiale della catena tedesca Immergrün, che ha come filosofia quella di proporre prodotti…

Leave a Reply