Berlino Nascosta: La biblioteca di Wedding e storia della nascita del quartiere Gesundbrunnen

La bellissima biblioteca di Wedding si trova all’interno di quello che era l’antico e sfarzoso centro di benessere Luisenbad, in un’area ricca di storia e di trasformazioni. Uno dei punti più suggestivi lungo la sponda del Panke, il fiume di piccole dimensioni che bagna Berlino, diviso tra Wedding e Pankow dalla costruzione del Muro.

Tutto ha inizio con una leggenda: si racconta che intorno al ‘700, il primo re di Prussia Federico I, di ritorno da una battuta di caccia, si sia fermato proprio qui (dove l’unica cosa presente in aperta campagna era un mulino) a chiedere ristoro e trovò l’acqua che gli venne offerta “estremamente rinfrescante”. Un noto farmacista dell’epoca, Behm, venne incaricato di effettuare analisi chimiche approfondite ed è così che furono scoperti gli effetti curativi della sorgente naturale vicino al mulino; lo stesso Behm decise allora di investire sulla costruzione di un centro benessere immerso nel verde.

Inaugurato nel 1760 con il nome di Friedrich Gesundbrunnen, la fontana della salute, nome che identifica ancora oggi il distretto, l’impianto diventa fin da subito un punto di ritrovo conosciuto e frequentato da tutta la comunità; la città è in rapida crescita e il piccolo borgo si trasforma in un popolare quartiere ricreativo, ancor di più quando ospita la Regina Luisa, ed in occasione di questo importante ospite il centro prende il nome di Luisenbad.

È in questo periodo che il quartiere Gesundbrunnen inizia a prendere forma, fino ad entrare a far parte ufficialmente di Berlino con l’abolizione del muro doganale a metà ‘800, mentre intorno all’area della sorgente la costruzione di abitazioni e servizi è in rapido aumento. Grazie all’investimento del mercante Oscholinski, che si fa carico delle spese di ristrutturazione, la struttura chiamata Marienbad vede il suo momento di massimo splendore, all’edificio esistente si aggiungono un capiente ristorante, sale ricevimenti e un bellissimo giardino. I problemi di gestione dell’impianto non tardano però ad arrivare; lo sviluppo industriale porta alla costruzione di diverse fabbriche in questa zona, per lo più concerie, che gettando i liquami di scarto nel fiume rendono l’aria irrespirabile. Da qui il nomignolo con il quale si identifica il fiume “Stinkepanke” (panke puzzolente), cosa che chiaramente porta il centro benessere ad avere sempre meno ospiti.

La funzione originale di bagno termale si perde definitivamente quando la sorgente viene prosciugata a causa dei lavori di scavo per la costruzione dei palazzi adiacenti, durante il boom edilizio, l’intera area viene ricostruita e cambia completamente aspetto.

La Marienbad subisce un’altra trasformazione: ai primi del ‘900 viene progettata una bellissima sala da ballo e ricevimenti con forme neorinascimentali, alla quale si aggiungono il cinema, il teatro e un café dalla facciata a mosaico multicolore che completano il progetto, dando vita ad uno dei fulcri della vita sociale del quartiere, fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Con la divisione di Berlino il quartiere di Wedding-Gesundbrunnen si trova ad ovest della città, nel settore francese confinante con il quartiere est di Pankow; una posizione periferica, quindi, che porta con sé un elevato flusso migratorio di lavoratori stranieri, per lo più turchi, che si insediano in questa zona. Il fenomeno ha riscontri negativi su tutto il quartiere ed in particolare per il centro Marienbad, che perde così la sua antica vocazione di punto di riferimento per svago e relax.

Dal 1995 la struttura ospita la biblioteca di quartiere Luisenbad, nella quale, grazie all’attento progetto di trasformazione firmato dagli architetti Chestnutt_Niess, è possibile ammirare parte degli interni originali integrati perfettamente con i nuovi spazi, la facciata completamente ristrutturata riportata al suo antico splendore e il Kafé Küche con i suoi mosaici.

Il progetto riesce quindi a riportare l’area alla sua antica vocazione e a farlo rivivere come luogo di intrattenimento; a testimonianza dell’originale funzione di centro termale rimane solo una targa che recita “In fonte salvs” e, naturalmente, il nome con il quale noi ancora oggi conosciamo il quartiere Gesundbrunnen.

Indirizzo: Travemünder Straße 2, 13357 Berlin

Ricerche a cura di: Z.Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza periodicamente esplorazioni urbane e guide d’architettura alla città. Prossimo appuntamento alla scoperta del quartere di Wedding sabato 21 Febbraio.

Foto: Panoramio eMac_man

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Sulle rive del lago Obersee, decisamente fuori dai circuiti artistici del Mitte, si trova la Haus Lemke ora spazio espositivo all'interno di un'abitazione privata. Progettata da uno dei maestri del Movimento Moderno: Mies van der Rohe, rappresenta la sua ultima opera prima dell’esilio negli Stati Uniti, realizzata nel '32, durante…
  • La storia del distretto di Schöneweide è fortemente connessa con la quella del gruppo AEG, Società Generale di Elettricità, per la quale l'architetto P. Behrens, a fine '800, progettò imponenti edifici produttivi sulla Wilhelminenhofstraße, dando vita al nuovo quartiere industriale e operaio. Con la fine della DDR questa zona va mano…
  • La collaborazione tra il progetto di ricerca Berlino Explorer e Ohneort è sempre più attiva. Alla base c'è l’idea di raccontare e presentare Berlino in maniera originale e diversa, lontano dai percorsi tradizionali e più vicino all’anima e alle mille storie che la capitale tedesca ha da svelare. I percorsi…
  • Il Bethanien E’ uno dei luoghi più creativi di Kreuzberg, un ex ospedale costruito a metà ottocento, chiuso nel 1970 e dal 1973 al centro di tanti progetti artistici, con un piano di sotto dedicato a mostre temporanee e quello superiore a disposizione di atelier e workshop. Negli ultimi anni…
  • di Ubaldo Villani-Lubelli Una famosa canzone tedesca, interpretata tra gli altri da Marlene Dietrich, Hildegard Knef e, più di recente, dal popolarissimo Udo Lindenberg, recita: “ho ancora una valigia a Berlino e per questo ci devo ritornare”. Il testo descrive una condizione che accomuna migliaia di persone che hanno instaurato un legame difficilmente spiegabile e…

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

Leave a Reply