Berlino nominata capitale mondiale del vegetarianesimo 2015

Berlino è capitale mondiale del vegetarianesimo del 2015. A definirla tale è la prestigiosa rivista newyorkese Saveur che ha le ha assegnato il Good Taste Award 2015. Berlino “è diventata il primo laboratorio culinario d’avanguardia del vecchio continente. Nessuno lo avrebbe detto in passato, non ha l’epicureo pedigree apparentemente indomabile di Parigi o gli spettacolari prodotti di Barcellona. Manca anche la mondana e benestante clientela internazionale che caratterizza i ristoranti di Londra o apprezzati chef di fama mondiale come René Redzepi di Copenhagen, ma in qualche modo Berlino è diventata la città occidentale dove il vegetarianesimo ha raggiunto la stessa considerazione di una dieta carnivora. La nuova cucina vegetariana si intereseca con la crescita di un modo di cucinare prodotti locali senza carne che esalta le ricette del centro Europa.

I migliori ristoranti vegetariani di Berlino? Secondo Saveur sono  Lucky Leek a Prenzlauer Berg, Daluma a Mitte, La Mano Verde a Charlottenburg, Kopps sulla Linienstrasse, Nobelhart & Schmutzig sulla Friedrichstrasse e il Cookies Cream sulla Behrenstraße. Secondo Marcus Jänsch, manager proprio del Cookies, la ragione della crescita della qualità della gastronomia berlinese è da ricercare nell’immigrazione: “Berlino ha attratto tanti creativi da tutto il mondo, persone che ragionano su ciò che mangiano, ci tengono sia agli animali che all’ambiente”. Difficile dare “premi” del genere, certo è che tra la festa vegana europea più grande d’Europa di agosto 2015 e la grandissima offerta di ristoranti vegani (è stata ardua per noi la scelta quando ne abbiamo dovuti selezionare 10) , le prove che sia alta l’attenzione verso questa particolare dieta non mancano. Per un paese – la Germania – con uno dei più alti consumi di carne pro-capite di tutta Europa (circa 60 kg l’anno, contro i 33,6 italiani), avere la propria capitale nominata capitale mondiale del vegetarianesimo 2015 può sembrare un contro-senso ed invece è la prova che Berlino è la città meno tedesca della Germania.

Photo: © Su-May CC BY SA 2.0

Corsotedesco

Related Posts

  • Una guida ai 10 migliori ristoranti vegetariani e vegani di Berlino. A seguito della accresciuta consapevolezza e preoccupazione sociale sul tema alimentazione, oggi una grande fetta della popolazione decide di prendere una strada alimentare diversa e più consapevole. Riconosce quanto il cibo della grande industria sia contaminato da additivi, conservanti, ormoni e…
  • Il vegetariano: questo strano essere umano che si aggira intorno a voi e che dice di non nutrirsi più di prodotti animali. Sottotitolo: cosa mangerà mai allora?? Negli ultimi tempi il numero di persone vegetariane e vegane è incredibilmente aumentato. Secondo dati recenti in Europa la Germania è il paese…
  • Se fossi un cane e dovessi scegliere una città in cui vivere, probabilmente opterei per Berlino, dove c´è più possibilità di essere lasciato libero di correre senza guinzaglio. Perché quella sensazione di libertà che Berlino regala ai padroni, la assaporano anche i cuccioli scodinzolanti nei numerosi parchi verdi. È vero,…
  • Un retroscena decisamente originale, da fare invidia perfino agli appassionati dei più famosi eroi shakespeariani. Un'idea dall'accento malinconico, alla ricerca di evasione e di un passato lontano dalla frenetica vita di città. Con una premiere enormemente promettente, "A Summer's Tale Festival" debutta non solo con grandi musicisti e band, ma con un…
  • I Supper Club sono più di una semplice buona cena (come se non fosse abbastanza!), ma una vera e propri esperienza culinaria. Il concetto? Si condivide un tavolo con delle persone che non si conoscono, si raccontano storie e avventure di viaggio, si ridere, e tutto questo mentre vengono serviti piatti esclusivi fatti…

Leave a Reply