Berlino, il tetto dell’Europa-Center è in fiamme: le immagini

Il tetto dell’Europa-Center, uno degli edifici simbolo di Berlino Ovest, è in fiamme: intorno alle 13 numerosi testimoni hanno notato il fuoco e alte colonne di fumo innalzarsi dallo storico grattacielo simbolo dello sviluppo capitalistico della capitale tedesca. Al momento i vigili del fuoco sono sul posto con 60 unità e hanno creato uno spazio operativo per i loro veicoli chiudendo al traffico le strade circostanti (tra cui parti di Tauentzienstraße e della Kurfürstendamm). L’Europa-Center, che ospita negozi e ristoranti, è stato ora evacuato. Non è ancora chiaro se ci siano feriti, né quali siano state le cause dell’incendio. Come riportato dalla Berliner Zeitung, le fiamme potrebbero essersi diffuse dalla terrazza in legno di un bar sul tetto dell’edificio.  I vigili del fuoco non escludono un guasto tecnico, ma sul posto c’è anche il Landeskriminalamt, l’ufficio di polizia criminale.

L’Europa-Center. Aperto nel 1965, l’Europa-Center è uno dei centri commerciali più antichi di Berlino, nonché uno dei simboli della City-West insieme a Zoologischer Garten e alla Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche, che proprio con il grattacielo spicca nello skyline del distretto di Berlin-Charlottenburg. L’edificio ospita circa 70 negozi e ristoranti, oltre al teatro-cabaret Die Stachelschweine.

Aggiornamento delle 16:25. Le fiamme sono state domate, la situazione è quasi totalmente sotto controllo ma, come riportato dal Berliner Morgenpost, l’intervento dei vigili del fuoco potrebbe durare ancora un’ora. Non ci sono persone in pericolo. Sempre più probabile l’ipotesi guasto tecnico, presto gli esperti si metteranno alla ricerca della causa scatenante. Essendo l’incendio scoppiato all’esterno dell’edificio, gli allarmi e i rilevatori di fumo non hanno funzionato, così molte persone negli uffici si sono rese conto della situazione solo guardando il fumo fuori dalla finestra. Con gli ascensori fuori servizio, l”evacuazione dell’edificio è avvenuta tramite le scale in modo molto ordinato. Unici attimi di panico a causa di uno zaino sospetto abbandonato nella fast-food KFC, ma il proprietario si è poi presto fatto vivo.

Foto di copertina © Scott Hebden -Kiwi in Munich

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • di Isotta Ricci Bitti* “No, no, non ci sto più insieme. Litighiamo come cane e gatto, quindi sono venuto qua perché tanto in Sardegna non c’è niente da fare. Quella si aspetta che mantenga lei e il bambino, ma io lo so che è a casa di sua mamma a…
  • Trovare un buon ristorante di pesce a Berlino non è impresa semplice, specie per chi, provenendo da paesi mediterranei come l'Italia, è abituato a standard di assoluta eccellenza. La Germania, in questo ambito, non vanta una tradizione culinaria particolarmente apprezzabile, persino nelle zone marittime o portuali del nord: spesso le…
  • Problemi con i vostri coinquilini? Non siete i soli. Sophia Halmonda ci racconta la fauna berlinese attraverso una guida per riconoscere ogni tipologia di coinquilino. Trovare una stanza in affitto a Berlino può rivelarsi impresa molto complicata: tra aumento dei prezzi, file chilometriche soltanto per prendere visione dell'appartamento, selezioni spietate…
  • Sia che tu viva in Italia con le stesse ambizioni di quando eri studente, sia che tu ti sia trasferito altrove, rimescolando le carte e reinventando la tua vita,  crescendo forse la più grande consapevolezza che acquisisci è che non c'è tempo per fare tutto, non per sentire/vedere regolarmente tutte le…
  • Berlino è una città splendida (qui le 10 ragioni che ne fanno la città del momento), ma tante cose non funzionano, o almeno non lo fanno come può sembrare dall'esterno. Ciò non toglie che si viva meglio qui che in buona parte del nostro Paese (a meno che non si…

One Response to “Berlino, il tetto dell’Europa-Center è in fiamme: le immagini”

  1. saverio

    …come si evince dall’articolo i berlinesi, con la loro aplomb teutunica, avranno evacuato l’edificio in ordine e con tutta calma nonostante le fiamme…

    Rispondi

Leave a Reply