Blasmusik! ovvero come ascoltare Berlino tutta in un fiato…

Il Radialsystem V non è solo un teatro, non è solo un punto di incontri didattici, non è solo una sala concerti e nemmeno un semplice bar-ristorante alla moda con vista sulla Sprea, ma è tutto questo insieme e ancora molto di più. Come recita il motto stesso del centro con sede a Holzmarktstr. 33, “Space for Arts and Ideas”, questi è uno spazio mutante in grado di raccogliere intorno a se ogni forma d’arte e di creatività.

Fino al non troppo lontano 1999 la struttura era la sede di una pompa idrica che distribuiva acqua nella città di Berlino e proprio come allora anche ora, spostandosi in un senso figurato, il Radialsytem V è uno dei centri propulsori della vita culturale berlinese. Proprio come fino a quindici anni fa all’interno dell’imponente architettura a mattoni rossi si distribuisce energia vitale che rigenera e rinvigorisce l’animo di coloro che a questa fonte si dissetano. L’architettura dell’edificio e la bellezza dei suoi spazi infondono agli spettacoli che vi hanno luogo un fascino particolare ulteriore: il colore che domina su tutto è in assoluto il nero che, in concomitanza con certe sale dalle pareti molto alte, crea la sensazione di uno spazio senza fine e impalpabile, luogo di sogni e magia.

In questo caso il sogno e la magia prendono la forma, anzi il suono, di una tre giorni di musica molto particolare e inusuale: dal 29 al 31 Agosto infatti avrà qui luogo la seconda edizione del Blasmusik!, il festival degli strumenti a fiato. Clarinetti, oboe, armoniche, tube e ancora molti altri strumenti che hanno il comun denominatore di essere suonati a bocca saranno i protagonisti di questo fine settimana al Radialsystem V.

Stasera apriranno le danze i “Capella de la Torre” con le loro antiche melodie, accompagnati da strumenti originali del medioevo e del rinascimento e a seguire, invece, i suoni esotici e caldi, misti al jazz, del clarinettista siriano Kinan Azmeh. Già questa prima sera sintetizza quello che è il senso di tutto il festival: ossia un viaggio senza confini nel tempo e tra i luoghi della musica a fiato.

Durante i diversi appuntamenti del festival, infatti, verranno presentati al pubblico numerosi generi e stili, interpretati da artisti di fama internazionale che con i propri background musicali, il proprio estro e la propria devozione e passione alla musica, ci mostreranno quanto ampio e poliedrico è il mondo della musica a fiato.

La seconda serata è una vera e propria esplosione di sapori acustici, il clou di tutto l’evento. Gli artisti chiamati a esibirsi sul palco sono davvero numerosi tanto che daranno vita ad una delle cosiddette “lunghe notti” del Radialsystem V: Howard Levy dagli Stati Uniti, il francese Michel Godard, il tedesco Carsten Lohff, DJ Ipek dalla Turchia e altri ancora saranno pronti a deliziare le orecchie degli spettatori fino a tardissima notte. Le porte si apriranno alle 19 e l’orario di chiusura non è stato invece annunciato visto che oltre alla singola esibizione di ogni artista o gruppo ci sará una Jam-Session finale che scaturirà sicuramente un’esibizione unica ed irripetibile, in cui a fare da padroni saranno la fantasia e la chimica tra i diversi musicisti che, per la prima volta in assoluto, si troveranno ad interagire ed improvvisare l’uno con l’altro di fronte ad un pubblico. Il pubblico poi ha la possibilità di scegliere prima dell’inizio dei concerti il modo di essere introdotto a questi, se attraverso esposizioni di musicologi o se attraverso rituali di rilassamento.

Blasmusik-Radialsystem

Domenica, terzo ed ultimo giorno del Festival, il programma inizia già di mattina alle 11 e potrà essere accompagnato da una colazione (non inclusa nel biglietto di ingresso) e dalle risate dei nostri piccoli amici bambini che saranno ben accetti, sia ad assistere al concerto del trombettista Lorenz Raab che al concerto amatoriale di poche ore dopo diretto dal gruppo Capella de La Torre. In quest’ultimo caso tutti sono chiamati a salire sul palco con i propri strumenti ufficiali o ufficiosi e a dare fiato ai propri polmoni, chissà cosa verrá fuori. In serata invece il concerto di chiusura è affidato al gruppo olandese tanto acclamato dei Caleflax e ai loro virtuosismi nel cimentarsi con la musica classica di Bach e con pezzi moderni di musica originale, sempre confrontandosi con il jazz e con l’improvvisazione.

A voi solo l’imbarazzo della scelta!

Blasmusik! Festival für Alte Musik, Jazz, Folks & Blues

Dove

Radialsystem V, Holzmarktstr. 33, 10243 Berlin

Quando

29 Agosto: Capella de La Torre + Kinan Azmeh’ City Band

Biglietti per concerto 18 € / Riduzione 14 € / Biglietto combinato venerdì 30 € / Riduzione 14 €

30 Agosto: Howard Levy, Michel Godard, Günter Baby Sommer etc.

Biglietti 22 € / Riduzione 18 €

31 Agosto: Lorenz Raab + Concerto fai da te + Caleflax

Biglietti in base ai concerti dai 12 € ai 18 €.

I biglietti è possibile acquistarli dal martedì al venerd’ dalle 10.00 alle 19.00, il sabato dalle 12.00 alle 19.00 oppure tramite internet a questo indirizzo 

 

Leggi anche Tedeschi con il senso del ritmo? In Germania il tango è leggenda

Eliette Cannici

Berlinese da tempo immemorabile. La sua curiosità la porta a perdersi puntualmente per la grande capitale tedesca, ma le sorridenti stelle le fanno sempre poi ritrovare la strada di casa.

Leave a Reply