Il boato di Berlino per il gol di Ruiz e gli azzurri che regalano un sogno al Costarica

di Ginevra Gilles

Quando al minuto 44 del primo tempo l’attaccantone Bryan Ruiz (che comunque gioca in Olanda, nel PSV Eindhoven, e non nel Football Club Roccacannuccia…) ha messo il colpo di testa del vantaggio costaricano, a Berlino si è sentito un boato che nemmeno per il gol di Brehme nella finale dei mondiali ’90 contro l’Argentina. Una gioia enorme ha invaso i cuori di tutti i tedeschi, forse felici al pensiero di non doversi rigiocare una partita contro la nostra nazionale. Che ci vuoi fare, direbbe mio nonno, ognuno si prende le soddisfazioni che può…

Insomma è andata male ieri, ma in fondo, forse, meglio così, perchè un mondiale con l’Italia che non soffre francamente non s’era mai visto. Ad aprire i giornali nelle ore precedenti la partita si respirava una calma surreale, emergeva chiaro e tondo come l’esercito di opinionisti, corrispondenti e tecnici in avanscoperta cominciasse a non sapere più quali pesci pigliare, privato della sua sponda più produttiva: la critica a prescindere.
Ma i nostri ragazzi in questo senso non tradiscono mai, e allora eccoli pronti a farsi battere dalla piccola Costarica e le testate di tutto il paese a ripigliare fiato con i 4 in pagella e le liste “i 10 errori di Prandelli” (visto davvero, su repubblica.it) e fa nulla se sino a qualche giorno prima si era parlato di sostituire il presidente Napolitano con il nostro commissario tecnico.

Tutto sommato siamo contenti lo stesso, ragionando in termini sociali e non sportivi abbiamo almeno fatto felice un paese che per intero non fa gli abitanti di Roma e Milano messe insieme ed in cui ancora oggi una parte consistente della popolazione vive sotto la soglia di povertà. Premesso quindi che nessuno avrebbe mai pensato di andarle a vincere tutte e tre, le partite, meglio aver mandato a casa gli opulenti inglesi ed avere regalato un sogno bellissimo al popolo costaricano: in qualche modo trasversale e inopinato ci ritroviamo responsabili della loro felicità.

Ce la giocheremo con gli uruguaiani, dentro o fuori come piace a noi: giusto così. Tanto, se davvero l’intenzione della nostra nazionale era quella di provare a vincerlo, questo Mondiale, tanto vale provare subito a testarci contro squadre di valore, invece di trastullarci in santificazioni a cinque stelle per un colpo di testa a due metri dalla linea messo dal nostro centravanti che, torno a citarlo, probabilmente avrebbe messo pure mio nonno.

Il copione è sempre lo stesso: esaltazione, brusco ridimensionamento e poi l’infinita tragedia. Vedremo con che finale. Di sicuro i tedeschi continueranno a gufarci ed in fondo bisogna un po’comprenderli: nemmeno a noi starebbe tanto simpatica una squadra che non siamo mai riusciti a battere in una competizione ufficiale dal 1962 ai giorni nostri…


Foto di copertina: © goatling CC BY-SA 2.0

Related Posts

  • di Salvatore Bonanno «Ma quindi giocano in 11?» «Pare proprio di sì» «E come mai c’è uno con la maglietta tutta diversa?» «Parli dell’arbitro?» «Sì quello che fischia tutto il tempo» «Per distinguersi dalle due squadre» «Oddio ma hai visto quanto è bello Candreva? E perchè non fanno giocare Bonucci…
  • Abbiamo chiesto a redattori e collaboratori di Berlino Cacio e Pepe Magazine le ragioni per cui si potrebbe pensare di lasciare Berlino (e l’estero in generale) per ritornare in Italia. Tutti vivono o hanno vissuto in Germania o a Londra: sono studenti e giovani lavorati, che alla domanda “per quale…
  • Gli amici che rimangono sono quelli che il giorno che gli hai detto che ti saresti trasferito all’estero ti hanno detto che fai bene e che se non ci fosse di mezzo lo studio, il lavoro, la famiglia, la fidanzata, il fidanzato o qualche soldo da parte, che è bene…
  • A tu per tu con i gestori di uno dei più buoni ristoranti italiani a Berlino «La cucina italiana a Berlino? Non c’è più bisogno di preparare una carbonara con la panna per avere successo. Il trend è cambiato. Si può andare sempre più a fondo nelle specialità regionali. E…
  • Lavoro a Berlino. Il locale di caffè e dolci Giro d’Espresso di Berlino cerca urgentemente personale (possibilmente italiano).  Il proprietario è tedesco, ma il caffè lo prepara come in Italia. Il livello di conoscenza del tedesco non deve essere alto; si cerca una, forse anche due persone, sia part-time che a tempo pieno. Esperienze…

One Response to “Il boato di Berlino per il gol di Ruiz e gli azzurri che regalano un sogno al Costarica”

  1. fra78

    mmmm chi ha scritto questo articolo?? secondo me non da una donna!!!

    comunque carino.

    Rispondi

Leave a Reply