«Brexit? Keep calm and move to Berlin». L’appello tedesco alle start-up inglesi

Nessuno conosce con certezza quali saranno gli effetti a lungo termine del terremoto Brexit. Quelli simbolici, però, hanno cominciato a farsi sentire già subito dopo il trionfo del Leave. Mentre Parigi provava a sedurre le banche inglesi, l’FDP, il partito liberaldemocratico tedesco, ha cominciato una campagna per convincere le start-up londinesi a spostarsi a Berlino. Così, per le strade di Londra, è stato avvistato un furgoncino con un cartellone pubblicitario dai toni accattivanti: «Dear start-ups, keep calm and move to Berlin» («care start-up, restate calme e trasferitevi a Berlino»).

Berlino, futura capitale europea delle start-up. Il messaggio pubblicitario è stato finanziato dalla FDP come parte della sua campagna in vista delle elezioni per il senato di Berlino, a settembre prossimo. Nel suo programma elettorale, Plan B (dove la B sta per Berlino), l’FDP punta molto sull’innovazione e l’impresa e mira a fare di Berlino un luogo ancora più attraente per le start-up di tutto il mondo. E il portavoce in Germania dei liberaldemocratici inglesi, Rob Harrison, sembra concordare. In un’intervista a The Local ha infatti dichiarato: «Con la sua posizione centrale in Europa, la sua economia stabile e le ottime infrastrutture già esistenti non è difficile comprendere perché molte imprese stiano valutando un trasferimento a Berlino».

A Londra sono in molti a farci un pensierino. «La campagna FDP si adatta perfettamente alla situazione inglese», spiega a The Local Wulf Oehme, portavoce del partito. E in effetti molte imprese, spaventate dagli effetti della Brexit e dalla concreta possibilità di perdere i finanziamenti europei, stanno meditando un trasferimento nella sempre più dinamica Berlino. «Circolano un sacco di voci su start-up che avrebbero già subito delle perdite dopo la vittoria del Leave, ma io credo che il vero problema a lungo termine saranno i finanziamenti dell’UE», spiega Harrison. Qualcuno, sul web, insinua che le attenzioni interessate di Parigi e Berlino al tessuto produttivo londinese siano un atteggiamento da avvoltoi che volteggiano sulla preda. Ma l’incertezza sul futuro, si sa, non fa bene agli affari, e lo spostamento nella capitale tedesca potrebbe essere una soluzione win-win per tuttistart-up britanniche ed economia berlinese. Londra è la grande sconfitta del trauma Brexit. Che Berlino ne diventi la vincitrice?

banner3okok (1)

Foto di copertina © Facebook – FDP

Related Posts

  • Flat hierarchies, frutta fresca, caffè e bevande energetiche, non è la lista della spesa per una festa nerd a base di World of Warcraft, si tratta del classico contenuto degli annunci di lavoro delle start up. Se vivi a Berlino e non sei tedesco c’è una altissima possibilità che tu…
  • Sempre più artisti e giovani imprenditori decidono di stabilirsi a Lisbona a causa dei prezzi contenuti e dell'alto tenore di vita che caratterizzano la città. La capitale portoghese potrebbe così diventare la nuova Berlino. “Per il viaggiatore che vi giunga dal mare, Lisbona, anche vista in lontananza, sorge come una bella…
  • Si chiama Mein Grundeinkommen (letteralmente "Il mio reddito di base") ed è il progetto di uno startupper berlinese volto a garantire a qualche fortunato estratto a sorte un anno di tranquillità economica. Dall'età di 16 anni il berlinese Michael Bohmeyer ha fondato diverse startup, ma a partire dal 2014 ha deciso di dedicarsi…
  • Lavorate o avete lavorato anche voi in una start-up a Berlino? Se la vostra risposta è affermativa, senza dubbio vi riconoscete in almeno un paio di questi punti! Se invece per voi le startup sono un mondo totalmente sconosciuto, ecco una finestra su un fenomeno con cui berlinesi di vecchia…
  • Ogni venti minuti nasce a Berlino una nuova startup. A sostenerlo è uno studio dell'agenzia svizzera di consulenza aziendale Gründen,  Il dato conferma la città come meta internazionale per chi vuole trasformarsi in imprenditore. È così già da alcuni anni, di Berlino capitale delle startup si parla ormai da parecchio. Burocrazia semplice, bassi…

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

Leave a Reply