La Germania ricostruisce il bunker di Hitler. Luogo top-secret, ma è già polemica

Dopo oltre sessant’anni, il bunker di Hitler vedrà nuovamente “la luce” (si fa per dire, dato che in realtà la luce vera e propria non l’ha vista mai). Un museo tedesco ha infatti deciso di ricostruire fedelmente gli ambienti del bunker, situato in un luogo imprecisato tra Potsdamer Platz e la Porta di Brandeburgo, in cui Adolf Hitler trascorse gli ultimi giorni prima della caduta del Reich, durante l’avanzata dei russi. Il leader nazista si trasferì nel bunker all’inizio del 1945, e da queste sale controllava lo svolgimento del conflitto bellico, nonostante fosse ormai palese la sua imminente sconfitta.

Il bunker fu distrutto e dato alle fiamme nel 1947. Nell’area sovrastante l’antico rifugio c’è ora un parcheggio per le auto e nessuno sarebbe a conoscenza del segreto che celava, sotto quel banale e anonimo terreno, se non fosse per un pannello esplicativo apposto in quel luogo solo nel 2006, in concomitanza con i mondiali di calcio svoltisi in Germania.

 

Führerbunker_panel

 

La notizia, riportata dal Local, afferma che la riproduzione del rifugio non comparirà però in un museo di Berlino, come era quasi logico pensare, bensì a Oberhausen, vicino a Duisburg, nella regione del Nordrhein-Westfalen.

Al posto dei ritratti di Hitler che erano esposti nei corridoi del bunker originale, verrano appesi delle cornici nere, vuote. Scelta emblematica poiché, pur non riportando immagini, questi “quadri” assumeranno per il visitatore un significato pregnante.

Il curatore del museo, il professor Mermann, esperto di spionaggio e terrorismo, ha dichiarato di aver intrapreso questo progetto per dare la possibilità al visitatore di vivere una vera e propria esperienza educativa e sensoriale, stando sempre molto attento a trattare un argomento così delicato come il nazismo con le dovute precauzioni.

Non è questa la prima occasione in cui un museo ha cercato di ricreare la figura e il mondo di Hitler. Alcuni anni fa anche il Museo delle Cere Madame Tussaud’s ha deciso di introdurre una riproduzione del Führer nella sua collezione. Durante l’inaugurazione, il secondo visitatore entrò nella stanza in cui era conservata l’immagine di cera e la decapitò urlando “no more war!” (basta guerra!).

Mermann si dichiara tuttavia fiducioso riguardo al suo progetto, in cui crede fermamente e che afferma di voler portare avanti per informare i futuri visitatori riguardo questo cruciale periodo storico. Il curatore spera di portare a termine la ricostruzione del bunker entro quest’estate. Per visitarla sarà necessario pagare un supplemento di 3€, che andranno a sommarsi ai 12,50€ del regolare biglietto di ingresso.

Related Posts

  • 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
  • Il Club der Visionäre, uno dei club più amati di Berlino. E anche uno dei più belli. Situato tra Kreuzberg e Treptower Park, il club colpisce per la sua posizione. Il locale, infatti, si affaccia direttamente sulla Sprea. Noi ci siamo stati e vi raccontiamo come è andata. Una serata al…
  • Viviamo giorni di festa, carichi di aspettative. Nelle case, calde ed accoglienti, il countdown verso il Natale, così affettuosamente scandito dai tradizionali Adventskalender, e quello per la Silvesternacht sono iniziati da qualche settimana. Ma a Berlino molti, sempre di più, purtroppo non hanno una casa e vivono per strada e ai margini…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • E' vero, non bisogna mai generalizzare. Ma è altrettanto vero che, quando torniamo in Italia dopo aver vissuto in Germania per un po', non possiamo fare a meno di notare delle differenze. Di solito si tratta di quei comportamenti così tipicamente italiani che quasi ce li eravamo dimenticati durante il soggiorno…

Federica Felicetti

Comunicatrice appassionata, social media addicted per professione e anche un po´per passione, in trasferta a Berlino grazie a uno scambio europeo. Innamorata di questa cittá, ancora come il primo giorno.

Leave a Reply