Carne di castoro in tutte le salse: la nuova moda culinaria della Baviera

De gustibus non disputandum est, ma sull’ultima tendenza culinaria della Baviera qualche dubbio potrebbe nascere. Che ne direste voi di un piatto di carne di castoro?

Squisito se servito stufato, aromatizzato alla birra o accompagnato con pancetta e tartufo, gnocchi di pane (Semmelknödel) o cavolini di Bruxelles, almeno stando a quanto riportato da Die Welt. Il piatto oggetto di simili attenzioni? Carne di castoro. Esatto. Il simpatico roditore dei boschi noto per i suoi denti forzuti al punto tale da segare senza problemi gli alberi con cui può costruire dighe atte a ospitare le sue dimore, è la nuova moda alimentare del sud della Germania. Non che venga venduto nei banchi macelleria o sia normalmente presente nei menù dei ristoranti, ma nei club privati o in caso di incontri esclusivi, anche presso strutture pubbliche come nel caso degli Stammtisch, una delle portate potrebbe essere proprio il castoro.

Perché i bavaresi mangiano i castori

In passato questi simpatici e buffi animali erano a rischio d’estinzione in Germania. Una legge degli anni ’60 però ne vietò la caccia e da allora il numero dei roditori dai grandi dentoni è cresciuto. Oggi in Germania si contano circa 30.000 castori, di cui 20.000 nella sola Baviera. La loro massiccia presenza è quasi una calamità per gli agricoltori. Le dighe costruite dai roditori-boscaioli causano infatti allagamenti nei campi, danneggiando così i raccolti. Si stima che tali danni costino allo stato bavarese 450.000€ all’anno di rimborsi per gli sfortunati coltivatori. Ed ecco che una specie animale che prima veniva protetta, rappresenta ora un problema: oggi la caccia al castoro non è legale, ma la si può praticare dietro concessione di permessi speciali forniti dalle autorità competenti, che pare non siano difficili da ottenere. Nel 2015 sono stati cacciati 1.435 esemplari di castoro. Se una visita veterinaria obbligatoria lo consente, la carne dell’animale può essere così cotta, servita e consumata. De gustibus. È vietato però vendere la carne dell’animale e inserirlo come pietanza nel menù di un ristorante. Un accordo che rispetta la legge e rende felici sia gli agricoltori che i cacciatori. Animalisti e castori lo saranno un po’ meno, e a giusta ragione.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina © peter-loeschloesch CC0 Public Domain

Related Posts

  • 10000
    La cucina tedesca non ha mai una reputazione come quella italiana o francese. Ma in Germania ci sono tanti ristoranti di eccellenza tutti da gustare. Che non si trovano a Berlino, Monaco o Francoforte, come spiega la guida Michelin, ma in posti in cui sarà garantito un “viaggio speciale" La guida…
  • 10000
    La Vegan-Vegetarisches Sommerfest: durante tutto il weekend (dal 29 al 31 Agosto) Alexanderplatz si scopre vegana, con la tradizionale festa estiva. Attività per grandi e per bambini, in un programma vasto ed interessante: dalla diffusione di informazioni sul tema, alle bancarelle. In occasione della settima edizione, la festa si svolge…
  • 10000
    Soldati tedeschi di base in Turgingia (patria della salsiccia Thüringer Bratwurst) che a pausa pranzo si godono un currywurst: è una situazione più che normale da immaginare, chi più di loro rappresenta lo stereotipo del carnivoro duro e puro? Eppure ciò che stanno mangiando non è una salsiccia normale... Che spesso…
  • 10000
    Venerdì, ore 14.15, autostrada B83 tra Espenau-Hohenkirchen, zona Assia della Germania. Un toro scappato da una vicina fattoria di Fuldatal (assieme ad un altro toro poi recuperato e portato dal proprietario) si ferma in mezzo alla carreggiata. Blocca il traffico. Dopo circa un'ora arriva in soccorso la polizia. La soluzione? Sparare una ventina…
  • 10000
    Una regione ricca, città piene di storia, splendide foreste, birra che scorre a fiumi. Sono solo alcuni dei motivi per cui una visita in Baviera è d'obbligo e, se aspirate a vivere in una regione organizzata, più benestante (ma anche più conservatrice) di Berlino, forse si può pensare anche a…

Stella Sacco

Con i piedi per terra e la mente intenta a fantasticare. Sono giornalista e, quindi, curiosa...o sono curiosa e quindi giornalista? Ai posteri l'ardua sentenza. Passatempi preferiti? Cinema e libri. Amo i gatti e rido di gusto con "l'ignoranza".

Leave a Reply