La strage di Parigi e l’islam nell’Europa di oggi: discussione aperta a Berlino

L’attentato di Parigi alla redazione della rivista Charlie Hebdo ha scioccato il mondo. Le notizie in arrivo in queste ore dalla Francia raccontano di un paese piombato nel terrore. Sentiamo quindi l’urgenza di confrontarci sulle conseguenze sociopolitiche di eventi che trascinano con sé, oltre all’enorme dramma costituito dalla ingiusta ed atroce morte di dodici uomini ed alla paura seminata nelle ultime 48 ore nella capitale francese, il fortissimo rischio di un’escalation di tensione in tutta Europa.

Costruirsi un’opinione chiara e ben distinguibile non è semplice. In questi casi, il percorso da seguire è quello del confronto. Il tema dell’Islam in Europa e dei movimenti islamisti, dentro e fuori dal nostro continente, racchiude infatti una serie infinita di riflessioni e considerazioni da esplorare. Il pericolo più grande è quello di banalizzare la questione, rinchiudendola dentro gli stereotipi di “lotta fra civiltà” che in fondo, a conti fatti, poco hanno a che vedere con la concreta realtà della situazione odierna.

In Europa circa il 6% della popolazione è di religione musulmana. Si tratta di quasi 50 milioni di persone, 19 delle quali vivono in paesi dell’Unione Europea. A partire da questi dati è fondamentale riflettere su quanto sta accadendo ed analizzare lo scenario complessivo. È accettabile biasimare la comunità islamica d’Europa per i fatti di Parigi? Quali sono i passi da compiere per contenere il fenomeno dell’estremismo islamista? Dove possono arrivare i sentimenti anti-islamizzazione rappresentati dal movimento tedesco Pegida e da decine di organizzazioni di estrema destra in tutta Europa?

Le domande sono molte e si intrecciano alle questioni relative ad immigrazione ed integrazione, due punti caldissimi dell’agenda politica europea in merito ai quali i governi nazionali e le istituzioni comunitarie hanno sinora dimostrato scarsa capacità di reazione, nonostante si tratti di temi ormai divenuti di assoluta priorità in un’Europa sempre meno stabile.

Di queste e di tante altre cose discuteremo sabato 10 gennaio, dalle ore 17, presso la Pirandello Sprachschule di Mainzer str. 2, nel quartiere di Friedrichshain a Berlino. L’intenzione è quella di sviluppare un dibattito aperto a tutte le opinioni e senza pregiudizi, un momento durante il quale provare a ricomporre un quadro meglio definito della situazione, analizzando il panorama internazionale e scambiandoci a tutti i livelli pareri e considerazioni.

Parteciperanno al dibattito:

Leopoldo Innocenti, giornalista professionista da oltre 35 anni. Ha realizzato numerosi documentari televisivi e lavorato come inviato speciale del Giornale Radio Rai. Nel 1991 ha raccontato agli ascoltatori della radio, da Gerusalemme, la prima guerra del Golfo. Nel 2001 (tra i primi giornalisti a partire) ha seguito da Washington per diverse settimane i momenti immediatamente successivi all’attacco terroristico dell’11 settembre. Ha seguito nel 2004, da Kabul, le prime elezioni libere in Afghanistan. Fra il 2002 e il 2005 è stato testimone della guerra in Iraq con lunghe trasferte in Kuwait e a Bagdad prima e dopo la caduta di Saddam. Ha seguito da Tiro e Beirut la crisi libanese del 2006. Nell’ottobre del 2006 gli è stato assegnato il Premio Russo come miglior inviato dell’anno per i suoi reportage radiofonici

Leopoldo Pompili, funzionario dell’Ambasciata Italiana a Berlino

Andrea D’Addio, giornalista free lance, è corrispondente da Berlino per diverse testate italiane (Wired, Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Io Donna, Panorama, Gioia) e collabora saltuariamente con Welt Kompakt, Berliner Morgenpost e Bild am Sonntag, scrivendo prevalentemente di politica, economica, cultura e costume. Dal 2013 è direttore di Berlino Cacio e Pepe Magazine, la prima rivista online di news, politica, cultura ed intrattenimento in lingua italiana dalla Germania

Mauro Mondello, reporter free lance e corrispondente di guerra. Collabora, fra gli altri, con Repubblica, Avvenire, Panorama, Radio Rai, Radio 24, The Atlantic e Zeit Online. Dal 2009 ad oggi ha raccontato il mondo arabo con i suoi reportage da Siria, Libano, Yemen, Palestina, Egitto, Tunisia ed Algeria

La strage di Parigi e l’islam nell’Europa di oggi: discussione aperta a Berlino

sabato 10 gennaio, dalle ore 17 – Ingresso Libero

Presso Pirandello Sprachschule, Mainzerstr.2, Friedrichshain, Berlino

UBahn 2 Samariterstr.

Foto di copertina:  Logo of the weekly Charlie Hebdo  Charlie Hebdo  public domain

Related Posts

  • Probabilmente molti di noi non conoscevano nemmeno l'esistenza del periodico francese Charlie Hebdo prima di questo pomeriggio. Eppure la notizia ci ha lasciato comunque sconvolti. Uccidere, e uccidere in questo modo e per questi motivi, sembra quasi impossibile. Morire, morire in questo modo e per questi motivi, è semplicemente assurdo,…
  • La strage di Parigi del 7 gennaio presso la sede della rivista Charlie Hebdo presso la sede della rivista sta continuando a turbare l'animo di chiunque creda nella libertà di stampa e nel rispetto delle diversità. Il video del poliziotto giustiziato,Ahmed Merabet, francese musulmano, sta facendo il giro del mondo. Noi di…
  • Ogni tanto, per andare al lavoro, scendo dalla metro una fermata prima per percorrere un pezzo a piedi. Lo faccio perché il mio ufficio si trova nell’ex Berlino Est, in una via laterale appena oltre Checkpoint Charlie. Sono passati 25 anni dalla caduta del muro, eppure mentre cammino provo ad immaginarmi…
  • Il 15 ottobre del 2012 la copertina di Charlie Hedbo era dedicata "agli intoccabili", ovvero ai signori della religione. Accanto ad una delle vignette compariva questa poesia di Charb, uno dei vignettisti tragicamente uccisi oggi a Parigi. Le sue parole dicono più di qualsiasi altro epitaffio (qui l'originale)   Rire,…
  • Hauptbahnhof, la stazione centrale di Berlino, potrebbe essere l'obiettivo di un prossimo attacco terrorista di matrice islamica. Non è l'unico obiettivo: anche Dresda, sia la sua stazione centrale che l'ormai solita marcia del lunedì del "movimento anti-islamizzazione dell'occidente", ovvero il Pegida, sembra essere in pericolo. A rivelarlo è il settimanale…

Leave a Reply