Che belli gli Incontri Berlinesi organizzati da Massimo Mannozzi

Grazie a Massimo Mannozzi continua la tradizione degli Incontri Berlinesi, dall’anno scorso presso il bellissimo ristorante Bocca di Bacco su Friedrichstraße.

È stata una bellissima serata quella di domenica sera presso il ristorante Bocca di Bacco su Friedrichstraße. Gli ingredienti sono sempre gli stessi: una cena deliziosa, un gruppo di ospiti italiani espatriati a Berlino da periodi più o meno lunghi ma che si sono distinti per il loro lavoro nella capitale tedesca, un paio di interventi assolutamente interessanti, buona musica.

Massimo Mannozzi © Agentur Baganz

Gli Incontri Berlinesi

Nonostante la chiusura del suo storico ristorante, il Bacco, Massimo Mannozzi non poteva rinunciare a questa tradizione che continua ormai da 27 anni. Aveva iniziato radunando spontaneamente in periodiche cene alcuni dei rappresentanti più significativi della comunità italiana e tedesca di Berlino. Presto consacrati come “Incontri Berlinesi”, questi appuntamenti dal 2014 sono diventati anche l’occasione per l’assegnazione di un premio, il Premio Massimo Mannozzi, all’italiano under 45 stabilitosi a Berlino da meno di 10 anni che si sia distinto per il proprio impegno e lavoro a Berlino. Il prossimo premio verrà assegnato a febbraio 2018: si tratta di una nuova versione mignon della scultura Partenze dell’artista toscano Gianpaolo Talani. La versione originale si trova ad Hauptbahnhof (leggi qui la storia completa). Da un anno ormai gli Incontri vengono ospitati dal bellissimo ristorante del figlio Alessandro sulla Friedrichstraße, il Bacco di Bacco.

L’archietto Stella durante il suo intervento © Agentur Baganz

L’appuntamento di dicembre 2017

Tra gli ospiti dell’ultimo appuntamento si sono distinti l’architetto Franco Stella e il giornalista Roberto Giardina. Franco Stella è l’architetto italiano che sta lavorando alla ricostruzione del Castello di Berlino. In un intervento durante la cena ha raccontato i retroscena del progetto fin da quando lo ha preso in carico nel 2008 ma ha soprattutto ripetuto la sua convinzione di come la ricostruzione dell’edificio sia assolutamente necessaria per poter capire ed apprezzare quell’angolo del centro di Berlino che tra Duomo e Isola dei Musei ha visto per troppo tempo mancare uno dei suoi elementi portanti. Roberta Giardina ha invece presentato il suo ultimo libro Lebst du bei den Bösen? Deutschland – meiner Enkelin erklärt (LAUNENWEBER Verlag, 2017: “Vivi dai cattivi? La Germania spiegata a mia nipote”). L’attrice e regista italiana Elettra de Salvo ne ha letto l’incipit e la conclusione illustrando come nei leggeri ma acuti dialoghi tra nonno e nipotina sia tracciato uno schizzo più che fedele della Germania di oggi e della sua capitale. Riportiamo un breve passo della conclusione:

A Berlino non si può passeggiare. Potete correre, camminare, andare da un luogo all’altro, ma non passeggiare. Non è una città per flaneurs. Si passeggia a Parigi, per i boulevards, o a Barcellona su e giù per le Ramblas, o a Madrid, e a Roma, di bar in bar di boutiques in boutiques, ma è impossibile nella Berlino dalle strade immense, e dai grandi vuoti. Sono poche le vie che si prestano, come la Friedrichstraße almeno per un tratto, o certe strade di Prenzlauerberg o di Kreuzberg, ma dopo qualche decina di metri, svoltate l´angolo e vi trovate altrove, scomparsi i negozi, sparite le luci.
A Berlino non si passeggia, si va da un luogo all’altro, per una ragione, per trovare un oggetto, o incontrare un amico. E questo avrà un significato, anche se non lo trovo. 

Roberto Giardina © Agentur Baganz

Chi è Massimo Mannozzi

Nato nel 1941 a Viareggio Massimo Mannozzi si è trasferito nella capitale tedesca nel 1961 e nel ’68 ha fondato Bacco, nella sua storica location a Berlino Ovest a due passi dalla Kurfüstendamm. Nel 1995 è stato nominato Cavaliere della Repubblica tedesca e il Tagesspiegel lo ha definito “il più celebre ambasciatore dello stile di vita italiano a Berlino”. Il suo ristorante, citato su guide e giornali di tutto il mondo, ha annoverato ospiti come Sophia Loren, Willy Brandt, Michael Schumacher o i Queen. La chiusura del Bacco Massimo l’aveva annunciata proprio a un Incontro Berlinese nel 2015. Era venuto il momento di ritirarsi nella sua amata Toscana. Ma agli impegni berlinesi non si sottrae: oltre agli Incontri, Mannozzi continuerà ad organizzare la storica Notte delle Stelle, un evento che dal 1993 si svolge in contemporanea con la Berlinale e premia un attore/attrice italiano/a e uno/a tedesco/a (qui abbiamo scritto dell’edizione 2016). La prossima è prevista per il 16 febbraio 2018 presso l’Hotel Maritim di Berlino.

Leggi la nostra intervista a Massimo Mannozzi.

Massimo Mannozzi accanto all’attrice Elettra de Salvo © Agentur Baganz

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Tutte le foto sono © Agentur Baganz

Sara Trovatelli

Traduttrice, insegnante di italiano e tedesco, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

Leave a Reply