Come funziona l’università tedesca: i documenti necessari per l’iscrizione

Trovandomi ormai al quarto semestre di un master a Berlino posso tirare le fila di questa esperienza. Lo studio è più leggero che in Italia, i servizi offerti incredibilmente più numerosi e variegati (mai pensato di fare un corso di Irish Dance presente nell’offerta sportiva dell’università?), le tasse un contributo, per noi italiani, quasi irrisorio. Ma quando ripenso a quello che ho dovuto passare per potermi trovare qui…. La fase delle “Bewerbungen” è stata sicuramente la parte più difficile di questa università. Ebbene sì, peggio dei corsi in tedesco, delle presentazioni orali da fare in tedesco davanti a una ventina di madrelingua tedeschi, perfino delle tesine di venti pagine o della tesi finale da scrivere in tedesco. Cosa l’ha resa così tremenda? Non saprei… Certo la grandissima dose di stress per lo scadere dei termini d’iscrizione, il doversi confrontare con l’infinita ma a volte contorta precisione teutonica e i battibecchi con il consolato hanno giocato un ruolo.
Ma andiamo con ordine.

Come funziona l’università tedesca: i documenti necessari per l’iscrizione

1. Il TestDaf

Venendo da un Paese straniero per poter studiare in Germania c’è bisogno (giustamente) di dimostrare le proprie conoscenze della lingua. Per studiare in tedesco serve il rinomato TestDaf con i suoi inspiegabili livelli TDN 3,4,5 che si collocano nell’arco un-po’-meno-che-B2 e un-po’-più-che-C1, dei quali ogni università può pretendere quello che preferisce, normalmente il 4 (un-po’-più-che-B2). Studiare in inglese può salvare solo in parte, perché sarà richiesto comunque uno IELTS o TOEFL. Personalmente trovo il Daf un test molto stupido, perché non prova veramente le conoscenze della lingua, ma si basa su esercizi talmente mirati e particolari che anche un madrelingua potrebbe trovare difficoltà se impreparato. Certo noi studenti di tedesco ci siamo irritati all’inverosimile quando ci hanno detto che per questo test la grammatica studiata fino a quel momento con tanta dedizione aveva un’importanza molto limitata. E abbiamo protestato che parlare con un microfono che registra la nostra voce non è proprio il modo migliore per testare le nostre capacità oratorie in tedesco. O che saper descrivere dei grafici, almeno per chi studia letteratura, è perfettamente inutile. Ma niente da fare, la prassi è questa. L’alternativa è il DHS, che invece si fa in Germania e che non conosco, ma da opinioni altrui ho sentito che sia ancora più difficile.

2. Le traduzioni asseverate

“Che diavolo è una traduzione asseverata?” mi sono chiesta quando con Google ho tradotto per la prima volta la pagina dei requisiti di ammissione per studenti stranieri. E pochi giorni dopo stavo già radunando i documenti da portare al consolato. Per iscriversi ad un master servono i certificati di tutta l’educazione precedente: diploma di liceo, diploma di laurea triennale, lista degli esami superati nella triennale. E se sei straniero servirà necessariamente una traduzione. Ma una copia dell’originale con relativa traduzione non basta: magari qualcuno potrebbe scrivere di essere laureato in ingegneria chimica e invece aver studiato filosofia… Serve quindi una prova della veridicità della traduzione, cosa che fanno i vari consolati tedeschi dispensando timbri a prezzi profumatissimi. Non solo: le mie traduzioni, che erano state riviste da una professoressa madrelingua, secondo il consolato non andavano bene, almeno non tutte. E quel timbro me lo hanno concesso solo a patto che facessi ritradurre da capo il documento alla loro traduttrice ufficiale. Ricordo l’odio che ho provato per la prima volta guardando l’aquila della BRD quel giorno; ma in fondo ero grata che certe cose non succedessero solo in Italia.
Il colmo? Nonostante il tempo e i soldi che costano, questi documenti autenticati non vengono mai restituiti dalle università al candidato alla fine del processo di selezione, qualunque ne sia l’esito.

3. Il Motivationsschreiben

Per entrare in un master però questi documenti non bastano. Le università vogliono capire quanto una persona sia motivata e così, come se si stesse richiedendo una borsa di studio o un progetto di dottorato, bisogna scrivere una precisa lettera di presentazione nella quale si elencano i motivi per i quali si desidera tanto studiare in un certo master, come questo potrebbe prepararci per la nostra carriera futura ecc… Alla fine questo mi sembra un punto positivo, che non giudichino le persone soltanto dai numeri e dai voti. Ma ovviamente comporta tanto lavoro in più per una Bewerbung, considerando anche che, volendo farne più di una, ogni lettera di motivazione dovrà essere diversa e adeguata al corso di studio.
In più ovviamente non può mancare la richiesta del curriculum vitae, anche questo rigorosamente in tedesco.

4. uni-assist

Dato l’alto numero di candidature dall’estero che dovevano avere le università tedesche, queste hanno deciso di far fare il lavoro preliminare a qualcun altro. Uni-assist è un ente gigantesco che raccoglie le domande degli studenti di tutto il mondo per tutte le università della Germania (tranne pochissime che non si affidano a questo sistema). I documenti sopra descritti devono essere quindi sia caricati online sul relativo sito internet, dopo aver fatto una registrazione e riempito un formulario, sia spediti in formato cartaceo. A quel punto non rimane che aspettare e sperare che le poste facciano il loro lavoro portando la busta entro il termine. Uni-assist esegue poi una prima selezione dal punto di vista formale (superarla è già un grandissimo traguardo!) e reindirizza le domande corrette e complete alla specifica università in questione, che invece analizzerà il candidato dal punto di vista del merito.
Ogni domanda su uni-assist ha un costo: la prima un po’ più elevato, a partire dalla seconda si tratta di cifre molto basse.

Se ne vale la pena? In definitiva credo di sì. Il sistema universitario tedesco presenta delle forti debolezze a mio parere, ma permette di conoscere un’università più da vivere, con tante attività non solo accademiche, con un rapporto professore-studente molto più diretto, un luogo dove si sente veramente che circolano nuove idee, anche se non tutte buone. E se l’esperienza di uno studio all’estero è sempre positiva, lo è in particolare in una città come Berlino, che dà la possibilità di confrontarsi con persone provenienti da tutto il mondo.

Certo il procedimento di ammissione potrebbe essere reso molto semplice: non ci credo che nel 2013 non si possa trovare un modo che prevede meno dispendio di carta, tempo e soldi delle traduzioni asseverate. Basterebbe ad esempio che tutte le università accettassero la versione inglese del diploma che normalmente le università italiane rilasciano. Ma finché il sistema rimarrà questo, consiglio a chi vuole provarci solo di muoversi con molto anticipo e… tanta tanta pazienza.

LEGGI ANCHE COME REALIZZARE UN BUON CURRICULUM PER TROVARE LAVORO IN GERMANIA

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto copertina: “Bewerbung” © Dennis Skley – CC BY SA 2.0

Related Posts

  • di Beatrice Falleni Sono una ragazza di 21 anni. Sono nata a Roma e lì ho compiuto il mio percorso di studi fino al conseguimento della maturità classica. Poi, a 19 anni appena compiuti e a poche settimane dalla fine degli esami, ho lasciato l’Italia e mi sono trasferita a Berlino.…
  • di Mara Bisceglie Dall'università italiana a quella tedesca: il confronto (spesso impietoso) di una studentessa Erasmus sbarcata a Berlino. Con il programma Erasmus ho avuto la possibilità di studiare per un intero anno accademico presso la Technische Universität di Berlino, potendo osservare da vicino il sistema d’istruzione tedesco e confrontarlo con…
  • La mia esperienza in un università tedesca. Quali le differenze rispetto al sistema universitario italiano? Non ci sono state discussioni o strette di mano coi relatori (chi li ha più visti quei due?). Non ci sono stati brindisi con amici e parenti, corone di alloro, foto imbarazzanti attaccate in facoltà.…
  • Ho deciso. Parto per questa emozionante avventura. Dopo aver conseguito la maturità, sento che la realtà universitaria italiana mi sta stretta. Grazie ad una buona conoscenza del tedesco, decido di iscrivermi all’ università in Germania, precisamente all'Università Libera di Berlino, Freie Universität, presso la facoltà di Ebraismo. Dopo aver sbrigato le…
  • Lo scorso novembre Times Higher Education (THE) ha pubblicato il Global University Employability Ranking 2016, uno studio sui 150 atenei di tutto il mondo che garantiscono il più alto tasso di occupazione post lauream. All'interno di questa graduatoria le università tedesche fanno un'ottima figura conquistando ben undici piazze, con un'università, la Technische Universität di Monaco, addirittura nella Top…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

3 Responses to “Come funziona l’università tedesca: i documenti necessari per l’iscrizione”

  1. amici giustina

    Ich heisse Giustina Amici.

    Ich bin italienerin, Ich wohne in Campobasso .

    Ich mochte wissen, wie ich, meine deutsche Kentnisse verbessern kann.

    Rispondi
  2. Karina

    Vorrei sapere se è possibile per un ragazzo italiano, con laurea triennale in scienze politiche , seguire un corso per imparare la lingua tedesca in un un’universita tedesca statale in Germania, quale sarebbe migliore e come si fa per candidarsi. Lo studente ha studiato il tedesco al livello base, per l’esame universitario di lingua straniera. Grazie mille.

    Rispondi
  3. Sofia

    Ciao! vorrei sapere se anche per Master in lingua tedesca è richiesta una certificazione di lingua inglese!
    Se così fosse dunque sarebbe indispensabile IELTS/TOEFL e TESTDAF o DSH esatto?

    Rispondi

Leave a Reply