Come il podio dei Mondiali 2006 è stato abbandonato in un parco di Berlino

podio

Vi ricordate il podio bianco su cui Cannavaro alzò la coppa dei mondiali 2006? Quel podio è stato ritrovato abbandonato in un parco di Berlino.

Il 9 luglio 2006 rimarrà sempre nel cuore degli italiani. Quella sera allo Stadio olimpico di Berlino la nazionale di calcio italiana si guadagnò sul campo il titolo di campione del mondo. L’immagine di quella sera che resterà impressa nella memoria di tutti coloro che seguirono il match è quella della squadra con la maglia azzurra mentre solleva la coppa su un podio bianco per festeggiare il trofeo più ambito del calcio mondiale. Ma che fine ha fatto quel podio? Il sito sportivo ESPN ha rivelato che il podio della vittoria azzurra su cui Cannavaro sollevò la coppa giace abbandonato in un parco di Berlino.

Il podio

Che i tedeschi volessero rimuovere presto il Mondiale 2006 perso in casa era evidente fin da subito. Che tra italiani e tedeschi, quando si parla di calcio, non corra buon sangue, è cosa nota. Nessuno però si sarebbe mai aspettato di vedere il podio della premiazione del 2006 gettato come un rifiuto. Del podio si erano perse le tracce. Negli ultimi giorni la notizia del suo ritrovamento ha fatto scalpore. C’era chi pensava che il podio si trovasse esposto in bella mostra nella casa di qualche appassionato, ma non è così. Il podio sul quale l’Italia del 2006 sollevò il trofeo della vittoria non si trova né in un museo né nella sede dalla FIGC, bensì abbandonato in un parco della capitale tedesca, più precisamente l’Olympiapark, il parco che circonda l’Olympiastadion, lo stadio dove si giocò finale nel 2006. Per accedervi bisogna pagare un biglietto di pochi euro .

Il ritrovamento

«Non saprei dire da quanto tempo si trova lì» queste le parole di Martin Pallgen, portavoce dell’assessorato allo sport del Senato di Berlino, il primo a denunciare il ritrovamento del podio. Secondo Lutz Imhof, event manager dell’Olympiapark, il podio del Mondiale 2006 è stato abbandonato perché rimasto invenduto in un’asta: «Nessuno ha mai avuto interesse nell’acquistarlo» ha dichiarato Imhof. Così la decisione di gettarlo nel parco. Imhof però ha anche aggiunto: «Chi lo vuole, lo può prendere».

Se sei italiano, vivi a Berlino o sei in vacanza nella capitale e ami davvero la nazionale di calcio, una visita all’Olympiapark è d’obbligo. Con un po’ di fortuna abbandonato nel parco troverai ancora il podio su cui salì Cannavaro insieme agli azzurri campioni del mondo la magica notte del 9 luglio 2006.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 Foto copertina: © screenshot youtube

Related Posts

  • di Salvatore Bonanno «Ma quindi giocano in 11?» «Pare proprio di sì» «E come mai c’è uno con la maglietta tutta diversa?» «Parli dell’arbitro?» «Sì quello che fischia tutto il tempo» «Per distinguersi dalle due squadre» «Oddio ma hai visto quanto è bello Candreva? E perchè non fanno giocare Bonucci…
  • È della Deutsche Bahn lo spot che racconta la storia di un giovane gay amante del calcio Il 2 giugno 1991, otto mesi dopo l'ufficializzazione della Germania, venne inaugurato il primo Intercity-Express tedesco. Per celebrarne il 25esimo anniversario la Deutsche Bahn ha deciso di realizzare un bellissimo video metafora su quanto unire punti…
  • Kai Tippmann è uno dei blogger di calcio più famosi di Germania. Originario di Thale, piccola cittadina nello Harz, ma berlinese d’adozione, Kai vive a Verbania dal 2000, ma già da molti anni prima di stabilirvisi viaggiava in Italia per le vacanze e per la sua grande passione: il calcio…
  • In Germania esiste una squadra di calcio composta esclusivamente da simpatizzanti di estrema destra. Si chiama Il FC Ostelbien Dornburg e dopo anni di violenze e insulti nei confronti di arbitri, tifosi e altri giocatori, rischia quest'anno di essere esclusa dal campionato (la Kreisliga Jerichower Land Süd "della regione" Sassonia-Anhalt, ex Germania est). Parliamo della…
  • Una palla, due porte e dieci giocatori per squadra: sembrerebbe una versione ridotta del calcio (manca il portiere), a cambiare è però il fatto che i giocatori siano dentro balle d'aria. E così i contrasti non sono certo la stessa cosa così come l'equilibrio. Arriva a Berlino, ma girerà anche…

Leave a Reply