Come ottenere un lavoro in Germania: i documenti necessari, il cv e il riconoscimento dei titoli

In Germania quando ci si candida per un lavoro, la valutazione delle qualifiche internazionali è un requisito fondamentale per la selezione. Per questo è necessario che chi si candida per un lavoro debba conoscere i requisiti richiesti per la candidatura. Il sito Young Germany ha pubblicato di recente un interessante articolo su come ottenere un lavoro in Germania. Logicamente la situazione è diversa se si è cittadini dell’Unione Europea e non. Per ognuno dei punti che seguono si parlerà di entrambi i casi.

I lavori qualificati e quelli generici

I candidati possono essere in possesso di qualifiche professionali, ottenute all’estero, che hanno validità anche in Germania. Talvolta è un requisito obbligatorio se si intende lavorare in Germania. Si fa riferimento ai cosiddetti ‘lavori qualificati’ proprio perché rispettano gli standard di formazione tedeschi. E’ riferito, ad esempio, a dottori, avvocati e liberi professionisti.

Al contrario, i candidati che non hanno tutte le carte in regola e sono sprovvisti di titoli, accademici e non, riconosciuti possono mandare la propria candidatura per i cosiddetti ‘lavori generici’. Con questa distinzione, le aziende fanno chiarezza sulle competenze del candidato straniero.

Se i candidati, provenienti da paesi non facenti parte dell’UE, sono sprovvisti di un titolo accademico, devono ottenere le qualifiche necessarie per lavorare in Germania. Si registrano molti casi in cui il processo di selezione è andato a buon fine per molti candidati. Nel 2013, ad esempio, ben 11.868 delle qualifiche professionali ottenute all’estero sono state valutate quasi o totalmente allo stesso livello rispetto a quelle ottenute in Germania. In quell’anno le procedure di selezione si rivolsero a professionisti del settore ospedaliero.

Per maggiori informazioni sul riconoscimento delle qualifiche in Germania, potete visitare il sito ANERKENNUNG IN DEUTSCHLAND ((Bundesministerium für Bildung und Forschung, BMBF), gestito dalla Federal Ministry of Education and Research, il ministero tedesco della formazione e della ricerca. Tutte le informazioni sono disponibili in otto lingue. Il portale rimanda inoltre al database dell’ANABIN che mette a disposizione l’elenco gli uffici responsabili della valutazione e del riconoscimento dei titoli. Un altro importante contatto è il Federal Office for Migration and Refugees, l’Ufficio federale per migranti e rifugiati. Sul sito si trova una lista dei centri di informazione per gli immigrati in Germania. Disponibile in quattro lingue.

Come capire chi può riconoscere ufficialmente le vostre qualifiche 

Alcune camere di commercio ed enti sono responsabili per il riconoscimento delle qualifiche professionali del candidato. Ciascun ente fa riferimento ad una determinata professione e sulle relative offerte di lavoro. I candidati possono sapere quale ente è responsabile del riconoscimento delle loro qualifiche con l’aiuto del RECOGNITION FINDER. Il servizio è disponibile in otto lingue ed è accessibile dal sito ANERKENNUNG IN DEUTSCHLAND. Di base i Paesi provenienti dall’Unione Europea dovrebbero vedersi sempre riconosciuti automaticamente i propri titoli, ma può capitare che alcune conversioni siano più complicate e necessitino delle integrazioni. A tal proposito vale la pena confrontarsi con i sopracitati portali e sportelli informativi. Di regola, la quota richiesta per la conversione del titolo oscilla tra i 200 e 600 euro. Spesso ci sono costi aggiuntivi per la traduzione.

I siti dove cercare lavoro

Qui troverete una lista di siti per cercare lavoro divisi per categoria

I documenti necessari da portare dal paese d’origine

Il Curriculum Vitae, cosi come altri importanti documenti, sono diversi nella loro forma da un paese all’altro. Quando si invia la candidatura ad un’azienda è necessario presentare la documentazione necessaria nel modo piu chiaro possibile.

Il sito EUROPASS, redatto in due lingue, offre utili consigli sull’argomento. I candidati devono esporre competenze e qualifiche secondo lo stile degli standard europei. Ad esempio, i professionisti qualificati possono semplicemente compilare un Curriculum Vitae o presentare una lista con i certificati, di cui dispongono, in allegato.

Come scrivere e cosa mettere nel curriculum

Un curriculum è un biglietto da visita a tutti gli effetti. Per fare una buona impressione, i candidati devono curare minuziosamente tutti i dettagli. Di regola, le aziende tedesche richiedono una candidatura scritta accompagnata da una lettera di presentazione, CV e certificati. Coloro che fossero interessati troveranno maggiori dettagli nella descrizione dell’offerta lavoratia. Verrà inoltre specificato se la candidatura va inviata per posta o per email.

Alcune aziende presentano una sezione apposita, sul loro sito, interamente dedicata all’invio di curriculum. Il più delle volte considerano le candidature inviate solo tramite quella sezione. Nel caso foste selezionati, riceverete l’invito per un primo colloquio, spesso telefonico. Le informazioni piu importanti sugli requisiti delle candidature si trovano sul sito della FEDERAL EMPLOYMENT AGENCY e il portale MAKE IT IN GERMANY. Il portale dell’EUROPASS presenta molti consigli utili su come mandare il proprio CV.

LEGGI NELLO SPECIFICO COME SCRIVERE UN BUON CURRICULUM PER LA GERMANIA, CLICCA QUI

La lista dei documenti necessari da consultare I se si è rifugiati

Sul sito della FEDERAL OFFICE FOR MIGRATION AND REFUGEES (Bundesamt für Migration und Flüchtlinge, BAMF) i candidati troveranno un elenco dei documenti necessari alla candidatura. Il servizio è disponibile in quattro lingue.

Se si deve chiedere il visto (ciò non riguarda i cittadini dell’UE)

Solitamente, i cittadini facenti parte dell’UE non necessitano di visto per entrare in Germania. Inoltre hanno accesso illimitato alle offerte di lavoro del mercato tedesco. Sul suo sito il FEDERAL FOREIGN OFFICE (Auswärtiges Amt), l’Ufficio del lavoro rivolto agli stranieri, mette a disposizione, in ben otto lingue, informazioni su eventuali eccezioni.

I cittadini che non fanno parte dell’UE possono trovare sul sito tutti i requisiti necessari. Coloro che richiedono il visto devono vivere in Germania da almeno sei mesi prima di poter cercare un impiego. Anche il portale MAKE IT IN GERMANY fa un elenco di tutti i requisiti necessari per richiedere il visto.

Scuola di Tedesco Banner Sara

PHOTO: ©COD Newsroom CC BY SA 2.0

Juli Piscedda

Giornalista e speaker radiofonica con la passione per la musica, la fotografia e le riprese, l'arte, i viaggi e lo sport. Dopo aver trascorso diversi anni in Germania, ho deciso di trasferirmi a Londra dove risiedo dal 2013. Mi occupo in particolare di musica, eventi, intrattenimento, politica e attualità.

Leave a Reply